Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Nuovi indizi sul declino cognitivo

Nuovi indizi sul declino cognitivoUna nuova ricerca suggerisce che alcuni tipi di cellule cerebrali possono essere «mangiatori esigenti», e sembrano preferire una fonte di energia specifica rispetto ad altre. La scoperta ha implicazioni per capire il declino cognitivo visto nell'invecchiamento e nelle malattie degenerative come l’Alzheimer e la sclerosi multipla.


Studiando dei topi, gli investigatori della School of Medicine della Washington University di St. Louis hanno dimostrato che una fonte di energia specifica chiamata NAD è importante nelle cellule responsabili del mantenimento della struttura complessiva del cervello e dell’esecuzione di funzioni cognitive complesse.


La NAD (nicotinamide adenina dinucleotide) è una molecola che raccoglie l’energia dai nutrienti degli alimenti e la converte in una forma che le cellule possono utilizzare. Il lavoro appare in due riviste: nel numero dell'8 maggio di The EMBO Journal, una pubblicazione dell’Organizzazione Europea di Biologia Molecolare, e in un recente numero di The Journal of Neuroscience.


“Siamo interessati a capire come le cellule producono la NAD e quali implicazioni ha questa per la funzione cellulare, in particolare nel contesto dell’invecchiamento e della longevità”, ha detto Shin-Ichiro Imai, MD, PhD, professore di biologia dello sviluppo e di medicina, e autore senior di entrambi i documenti. “Sappiamo, per esempio, che i livelli di NAD diminuiscono con l’età nei tessuti come i muscoli e il grasso. Volevamo scoprire se lo stesso vale nel cervello”. I ricercatori hanno esaminato due tipi di cellule cerebrali: le cellule staminali neurali adulte, responsabili del sostentamento dei neuroni e delle loro cellule di supporto, e i neuroni del prosencefalo, vitali per l’esecuzione di compiti cognitivi complessi.


Nell'EMBO Journal, hanno riferito che i livelli di NAD diminuiscono con l’età nell’ippocampo del topo, una regione vitale del cervello per la cognizione. I ricercatori hanno poi usato tecniche genetiche per scoprire cosa succede se si disattiva la produzione di NAD nelle cellule staminali adulte neurali del cervello di topo. "Le cellule staminali neurali sono metabolicamente molto costose, quindi ci si potrebbe aspettare che siano particolarmente vulnerabili alla perdita di una fonte di energia”, ha detto il primo autore Liana Roberts Stein, PhD, ricercatrice post-dottorato del laboratorio di Imai. “Ci sono altre fonti di energia per le cellule del cervello, come il glucosio, ma nessuno aveva mai controllato da dove viene la NAD di queste cellule”.


Secondo i ricercatori, ci sono quattro vie della sintesi di NAD, e gli scienziati si sono concentrati su una sola. Volevano sapere se questo particolare percorso - obiettivo da molto tempo del laboratorio di Imai - è importante per queste cellule o se gli altri percorsi possono compensare. Il percorso inizia con la vitamina B nicotinamide. Le cellule prendono nicotinamide alimentare e, con la proteina di supporto Nampt, producono la molecola NMN, che poi viene elaborata ulteriormente per produrre NAD.


Quando la Stein ha eliminato la Nampt dalle cellule staminali neurali, hanno avuto luogo diversi cambiamenti significativi: i livelli di NAD sono caduti, e le cellule staminali neurali hanno interrotto la divisione; hanno smesso di rinnovarsi e hanno smesso di creare cellule importanti che isolano gli assoni, i «fili» che portano i segnali elettrici in tutto il cervello. Con meno isolamento, questi segnali rallentano, compromettendo la funzione del cervello.


Imai e la Stein hanno sottolineato le possibili implicazioni terapeutiche di questa scoperta, soprattutto alla luce di ciò che si conosce sul declino cognitivo nell’invecchiamento e di alcune malattie. “Gli scienziati hanno dimostrato che con l’età in realtà non c'è una grande diminuzione della popolazione totale di neuroni”, ha detto Stein. “Ma c'è una sostanziale diminuzione della materia bianca, che è composta principalmente da cellule che funzionano con isolamento dell'assone. Questo percorso potrebbe anche essere rilevante in condizioni che comportano la perdita di cellule che producono questo isolamento, come la sclerosi multipla”.


Imai e la Stein hanno anche scoperto che potevano prevenire la perdita delle cellule staminali neurali mancanti di Nampt, dando ai topi la NMN, la molecola successiva nella catena di eventi che portano alla NAD. “Abbiamo dato ai topi della NMN nella loro acqua potabile per 12 mesi”, ha detto la Stein. “E alla dose più alta, abbiamo visto il recupero del gruppo di cellule staminali neurali nei topi anziani”. Imai considera interessante questa scoperta perché sostiene la possibilità di una futura integrazione di NMN. “Pensiamo che la NMN potrebbe trasmettere un effetto simile nelle persone”, ha detto Imai. “Un futuro studio clinico per la NMN ci dirà se ha una qualche efficacia negli esseri umani”.


Oltre a mantenere popolazioni di cellule staminali e a fornire al cervello tutti i tipi di cellule, i ricercatori hanno dimostrato che la NAD è anche essenziale per il processo di cognizione stesso. Riferendo su Journal of Neuroscience, hanno dimostrato che i neuroni del prosencefalo del topo dipendono fortemente dalle NAD per la normale funzione cognitiva. Invece di eliminare la Nampt nelle cellule staminali, questa volta la Stein l'ha eliminata solo nei neuroni del proencefalo. Tutte le altre cellule erano normali, comprese quelle che producono l'isolamento dell'assone.


Senza la Nampt e il suo prodotto finale (NAD) nei neuroni del proencefalo, il comportamento dei topi cambia drasticamente, secondo gli investigatori. “I topi diventano davvero iperattivi, con un raddoppio dei livelli di attività”, ha detto la Stein. “Mostrano anche una perdita di comportamenti di tipo ansiogeno. Questi topi non sembrano percepire o temere situazioni potenzialmente pericolose e mostrano difetti di memoria piuttosto drastici”.


La Stein sottolinea che questi neuroni sono in una regione del cervello conosciuta per essere particolarmente vulnerabile alle condizioni neurodegenerative dall'Alzheimer all'ictus. “E‘ possibile che la dipendenza di questi neuroni dalla Nampt sia responsabile della loro estrema suscettibilità a queste condizioni”, ha detto. “Sarebbe interessante modellare alcune di queste malattie nei topi e vedere se integrare la NMN dà un qualche beneficio sul comportamento o sulla memoria”.


“Non abbiamo ancora fatto quello studio”
, ha aggiunto Imai. “Ma questa è la direzione dove l’intero campo sta andando”.

 

 

 

 

 

 


Fonte:  Julia Evangelou Strait in Washington University in St. Louis  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. Liana R Stein, Shin‐ichiro Imai. Specific ablation of Nampt in adult neural stem cells recapitulates their functional defects during aging. The EMBO Journal, May 2014 DOI: 10.1002/embj.201386917
  2. L. R. Stein, D. F. Wozniak, J. T. Dearborn, S. Kubota, R. S. Apte, Y. Izumi, C. F. Zorumski, S.-i. Imai. Expression of Nampt in Hippocampal and Cortical Excitatory Neurons Is Critical for Cognitive Function. Journal of Neuroscience, 2014; 34 (17): 5800 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.4730-13.2014

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.