Iscriviti alla newsletter

Un buon rapporto medico-paziente vale come una buona cura

Un buon rapporto medico-paziente vale come una buona curaUna meta-analisi degli studi che hanno indagato sulle misure destinate a migliorare le interazioni degli operatori sanitari con i pazienti conferma che tali sforzi possono produrre effetti sulla salute altrettanto benefici di un'aspirina al giorno per prevenire gli attacchi di cuore.


A differenza di precedenti simili valutazioni, il rapporto corrente dell'«Empathy and Relational Science Program» del Massachusetts General Hospital (MGH) ha incluso solo studi randomizzati e controllati con risultati più affidabili rispetto a quelli inclusi in studi precedenti.


Anche se si crede da lungo tempo che un buon rapporto medico-paziente possa migliorare la salute, non si erano ancora trovate prove oggettive a sostegno di tale convinzione. "Anche se l'effetto che abbiamo trovato è piccolo, questa è la prima analisi dei risultati combinati di studi precedenti a dimostrare che i fattori relazionali fanno davvero la differenza negli esiti della salute dei pazienti", dice Helen Riess, MD, direttrice dell'«Empathy and Relational Science Program» nel Dipartimento di Psichiatria del MGH, autrice senior del rapporto pubblicato nella rivista open-access PLoS ONE.


La maggior parte degli studi incentrati sul rapporto medico-paziente erano studi osservazionali (aspetti registrati di incontri clinici e tutte le associazioni possibili con gli esiti di salute) che non possono dimostrare se le differenze osservate causano realmente eventuali cambiamenti nell'esito. Alcuni studi hanno esaminato come i pazienti capivano i suggerimenti o il loro livello di soddisfazione con la loro cura, ma non cercavano se c'erano o no dei miglioramenti nella salute.


Per aggirare queste limitazioni, il team di ricerca ha limitato l'analisi agli studi con uno standard elevato di prove. Gli unici studi che sono stati inclusi erano randomizzati e controllati (il golden standard della ricerca scientifica rigorosa), e affrontavano la relazione paziente-caregiver nel contesto del trattamento per specifiche condizioni mediche. Gli studi dovevano avere sia esiti oggettivi di salute (fattori misurabili come la riduzione della pressione arteriosa o perdita di peso) o esiti soggettivi che erano stati convalidati in studi precedenti, come i punteggi sul dolore riferiti dai pazienti. Sono stati considerati solo studi pubblicati in riviste peer-reviewed [a controllo dei pari] che coinvolgevano interventi rivolti ai caregiver.


Applicando questi criteri agli studi nei database EMBASE e MEDLINE sono risultati selezionati alla fine 13 studi condotti negli Stati Uniti, in Europa o in Australia e pubblicati dal 1997 al 2012. Gli studi, che hanno coinvolto l'assistenza a pazienti con patologie come il diabete, l'ipertensione e l'osteoartrite, avevano esaminato gli effetti di interventi di formazione ai clinici con una serie di tecniche basate sulla relazione.


Alcuni di questi interventi si erano focalizzati sulla relazione stessa, come avere più contatto visivo con i pazienti e prestare attenzione alle loro emozioni, mentre altri hanno usato strategie su base relazionale come i colloqui motivazionali e il fissare obiettivi per affrontare il problema di salute in questione. Tutti gli studi inclusi hanno confrontato i risultati del gruppo di intervento (in cui medici, infermieri o altri operatori sanitari hanno ricevuto una formazione) con quelli di un gruppo di controllo che ha ricevuto un'assistenza standard.


L'applicazione dei metodi standard di meta-analisi ha rilevato che la formazione incentrata sulla relazione aveva un piccolo, ma statisticamente significativo, effetto sugli esiti di salute misurati (fattori come perdita di peso, pressione arteriosa, glicemia e livelli di lipidi, e il dolore) nei pazienti con patologie quali obesità, diabete, asma o osteoartrite. Gli autori notano che la dimensione dell'effetto degli interventi era maggiore degli effetti dell'aspirina, precedentemente riportati, nel ridurre l'incidenza di infarto in cinque anni o dell'influenza delle statine sul rischio su cinque anni di un evento cardiovascolare.


"I nostri risultati mostrano che gli effetti benefici di un buon rapporto medico-paziente sugli esiti di salute sono di grandezza simile a molti trattamenti medici affermati", dice l'autore John M. Kelley, PhD. "Ma molti di questi trattamenti medici, anche se molto importanti, hanno bisogno di equilibrare i benefici con gli effetti collaterali indesiderati. Al contrario, non ci sono effetti collaterali negativi in un buon rapporto paziente-medico". Kelley, che era in precedenza all'«Empathy and Relational Science Program» del MGH, è ora psicologo al Dipartimento di Psichiatria del MGH, vice direttore del «Program in Placebo Studies» alla Harvard Medical School (HMS) del Beth Israel Deaconess Medical Center e professore associato di Psicologia all'Endicott College.


La Riess, professore associato di Psichiatria alla HMS, aggiunge: "Ci auguriamo che i nostri risultati possano ispirare la ricerca futura ad identificare più chiaramente gli «ingredienti attivi» specifici del rapporto. Quanto più capiremo che cosa porta esattamente a questi cambiamenti benefici per la salute, tanto meglio potremo creare interventi e formazione mirati".


Hanno collaborato allo studio Gordon Kraft-Todd e Lidia Schapira, MD, MGH, dell'«Empathy and Relational Science Program»; e Joe Kossowsky, PhD, Ospedale Pediatrico di Boston. La ricerca è stata finanziata dalla Fondazione P. Gold Arnold.

 

 

 

 

 


FonteMassachusetts General Hospital  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  John M. Kelley, Gordon Kraft-Todd, Lidia Schapira, Joe Kossowsky, Helen Riess. The Influence of the Patient-Clinician Relationship on Healthcare Outcomes: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. PLoS ONE, 2014; 9 (4): e94207 DOI: 10.1371/journal.pone.0094207

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.