Iscriviti alla newsletter

Biomarcatori di Alzheimer invertono il corso dopo l'insorgenza dei sintomi

Biomarcatori di Alzheimer invertono il corso dopo l'insorgenza dei sintomiAnne Fagan (a destra) e Courtney Sutphen. (Foto: Michael C. Purdy)Tre biomarcatori promettenti che si stanno studiando per individuare l'Alzheimer nelle fasi iniziali, sembrano subire un cambiamento sorprendente quando i pazienti sviluppano sintomi di demenza, riferiscono dei ricercatori della School of Medicine della Washington University di St. Louis.


Gli scienziati usano i biomarcatori per valutare i cambiamenti del cervello legati alla malattia dei volontari nella ricerca. I livelli di marcatori del danno neuronale crescono nel liquido spinale per più di dieci anni prima della comparsa della demenza; ma una nuova svolta della ricerca dimostra per la prima volta che in seguito invertono la rotta, diminuendo quando appaiono i sintomi di perdita della memoria e del declino mentale.


I risultati sono pubblicati da ieri 5 marzo su Science Translational Medicine.


“Non siamo sicuri del perché si verifica questo capovolgimento, ma capirlo potrebbe essere molto importante per le sperimentazioni cliniche dei farmaci per trattare o prevenire l’Alzheimer”, ha detto l’autore senior Anne Fagan, PhD, professore di ricerca di neurologia. “I cambiamenti nel livello di questi marcatori probabilmente saranno tra i criteri che usiamo per valutare il successo o il fallimento dei farmaci di Alzheimer, quindi dobbiamo sapere come si comportano questi biomarcatori normalmente, in assenza di trattamento”.


Motivati dalla consapevolezza che l'Alzheimer danneggia il cervello per dieci o più anni prima di provocare la demenza, i ricercatori hanno identificato diversi biomarcatori della malattia in pazienti, prima che sviluppassero i sintomi. Essi sperano di usare i biomarcatori per la diagnosi dei pazienti e iniziare il trattamento molto prima della comparsa dei problemi alla memoria e alle altre funzioni cerebrali che caratterizzano la demenza.


La Fagan ed i suoi colleghi hanno studiato i dati del «Dominantly Inherited Alzheimer’s Network» (DIAN), un progetto di ricerca multinazionale guidato dalla Washington University. Tutti i partecipanti al DIAN provengono da famiglie colpite da mutazioni genetiche che causano rare forme ereditarie dell'Alzheimer. I portatori di tali mutazioni famigliari possono sviluppare sintomi di declino mentale già verso i 30 anni.


I partecipanti al DIAN vengono valutati regolarmente usando vari test, compresa l'analisi dei biomarcatori di Alzheimer nel loro liquido spinale. Per il nuovo studio, la Fagan ed i suoi coautori hanno esaminato tre biomarcatori correlati alle lesioni in campioni di liquido spinale raccolti per diverse valutazioni di 26 partecipanti al DIAN. Tutti i partecipanti avevano una mutazione che provoca l'Alzheimer.


Due dei biomarcatori, tau e P-tau, sono proteine strutturali che formano grovigli neurofibrillari presenti nel cervello dei malati di Alzheimer, il terzo è un sensore del calcio neuronale chiamato VILIP-1. I livelli dei tre biomarcatori aumentano dopo che i neuroni sono lesionati e sono legati al declino della funzione cognitiva. L’evidenza suggerisce che, non appena l'Alzheimer assale il cervello, le cellule morenti rilasciano i biomarcatori, lasciandoli liberi di essere diluiti nel fluido spinale.


Come previsto, i livelli dei biomarcatori aumentano nel corso del tempo nei partecipanti che non sviluppano ancora la demenza. Ma i ricercatori sono stati sorpresi di trovare che, nella maggior parte dei partecipanti che avevano la demenza, i livelli dei tre biomarcatori diminuiscono nel tempo. La caduta dei livelli è relativamente piccola ma coerente e statisticamente significativa. “Questo è molto interessante, soprattutto considerando che gli studi precedenti avevano dimostrato che altri indicatori dell'Alzheimer, come il restringimento del cervello, continuano anche dopo l’insorgenza della demenza”, ha detto la Fagan.


Essa ipotizza che l’aumento dei livelli dei biomarcatori prima della demenza probabilmente riflettono una fase intensa di morte cellulare, mentre i livelli in calo dopo l'inizio della demenza indicano un rallentamento di questo processo. Tuttavia, è anche possibile che tali riduzioni derivino da una diminuzione del numero delle cellule cerebrali residue che devono ancora essere uccise dall'Alzheimer, ha detto.


Per far avanzare la ricerca, gli scienziati stanno raccogliendo i dati sui nuovi iscritti al DIAN e continuano a seguire i partecipanti allo studio corrente. “Questi risultati sono limitati sia dal piccolo numero di partecipanti che abbiamo studiato, sia dal fatto che abbiamo solo pochi anni di follow-up longitudinale”, ha detto la Fagan. “Ulteriori dati presi per periodi di tempo più lunghi ci aiuteranno a trarre conclusioni più definitive”. Sono necessarie ulteriori ricerche anche per sapere se i livelli dei biomarcatori subiscono un cambiamento simile nei pazienti con le forme sporadiche più comuni della malattia, che in genere vengono diagnosticati più tardi nella vita.


Il finanziamento è stato dato dal National Institutes of Health (NIH), dal National Institute on Aging, dal Dominantly Inherited Alzheimer’s Network, dal DIAN Pharma Consortium e da altre fonti.

 

 

 

 

 


Fonte: Michael C. Purdy in Washington University in St. Louis  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  A. M. Fagan, C. Xiong, M. S. Jasielec, R. J. Bateman, A. M. Goate, T. L. S. Benzinger, B. Ghetti, R. N. Martins, C. L. Masters, R. Mayeux, J. M. Ringman, M. N. Rossor, S. Salloway, P. R. Schofield, R. A. Sperling, D. Marcus, N. J. Cairns, V. D. Buckles, J. H. Ladenson, J. C. Morris, D. M. Holtzman. Longitudinal Change in CSF Biomarkers in Autosomal-Dominant Alzheimer's Disease. Science Translational Medicine, 2014; 6 (226): 226ra30 DOI: 10.1126/scitranslmed.3007901

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.