Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


La valutazione neuropsicologica è più efficace della RM per monitorare la perdita di memoria

La valutazione neuropsicologica è più efficace della risonanza magnetica per monitorare la perdita di memoriaRicercatori dell'Università di Amsterdam hanno dimostrato che la progressione dell'Alzheimer nei pazienti della clinica della memoria può essere seguita in modo efficiente con 45 minuti di test neuropsicologici.


Al contrario, le misurazioni via risonanza magnetica (MRI) dell'atrofia cerebrale hanno dimostrato di essere meno affidabili nell'ottenere i cambiamenti degli stessi pazienti.


Questa scoperta ha importanti implicazioni per la progettazione di test clinici di nuovi farmaci anti-Alzheimer. Se la valutazione neuropsicologica viene usata come misura di esito o "standard", sarebbero necessari meno pazienti per condurre tali esperimenti, o questi ultimi potrebbero essere di durata più breve.


La US Food and Drug Administration e le sue controparti in altri paesi, come l'Agenzia Europea per i Medicinali, richiedono che le aziende farmaceutiche testino e dimostrino l'efficacia dei nuovi farmaci attraverso studi sperimentali. Nel caso dell'Alzheimer, questo significa che devono indurre un miglioramento dei sintomi cognitivi e comportamentali o almeno devono rallentare il tasso di declino cognitivo e comportamentale.


Fino ad ora le misure dell'esito in questo tipo di ricerca sono state le scale di misurazione cognitive e comportamentali, come l'Alzheimer Disease Assessment Scale (ADAS). Se l'effetto di un nuovo farmaco non può essere dimostrato con una tale scala, il farmaco non viene approvato. Il problema con le scale di misurazione come la ADAS è che sono piuttosto grezze e non possono considerare i cambiamenti sottili, soprattutto nelle fasi iniziali della malattia. In alternativa, le misure di MRI dell'atrofia cerebrale sono state proposte come risultato negli studi clinici, a causa delle proprietà presumibilmente migliori per rilevare i cambiamenti sottili. Ciò implica che è necessario un numero inferiore di pazienti negli studi clinici di nuovi farmaci per mostrare un effetto del trattamento.


I ricercatori olandesi hanno verificato questo assunto alla clinica della memoria del Centro Medico Accademico, all'Università di Amsterdam, confrontando le valutazioni neuropsicologiche e le misure MRI dell'atrofia cerebrale di 62 pazienti, con e senza deficit cognitivo precoce, ma senza demenza.


I neurologi hanno esaminato i partecipanti allo studio al basale e dopo due anni, e hanno giudicato se la loro cognizione era normale o meno. Dopo due anni di follow-up, ventotto pazienti sono stati considerati normali, e 34 avevano decadimento cognitivo lieve o avevano progredito alla demenza, soprattutto all'Alzheimer. Al basale e al follow-up tutti i pazienti hanno avuto una scansione MRI di ultima generazione, e ne sono state testate le altre funzioni cognitive e la memoria con cinque test neuropsicologici standard.


Nel gruppo che i neurologi hanno considerato normale al follow-up, la prestazione cognitiva era già normale al basale, ed tale è rimasta dopo due anni. Nel gruppo che hanno considerato alterato, tuttavia, la cognizione era già anormale al basale ed è scesa notevolmente nel corso dei successivi due anni.


Le misure MRI hanno riguardato i volumi sinistro e destro dell'ippocampo, che sono estremamente importanti per il funzionamento della memoria, e sono i primi a degenerare durante il processo dell'Alzheimer. Il volume dell'ippocampo è diminuito meno dell'1% nel gruppo normale durante il periodo di follow-up, e più del 3% nel gruppo alterato.


Lo schema dei risultati è stato simile per entrambe le tecniche, ma la risonanza magnetica ha evidenziato differenze meno marcate tra i due gruppi al basale rispetto ai test cognitivi, e, soprattutto, differenze meno pronunciate nel tasso di evoluzione.


Usando i dati sul tasso di cambiamento raccolti in questo studio, si può calcolare il numero di pazienti che sarebbero necessari per una sperimentazione clinica ipotetica di un nuovo farmaco. I ricercatori hanno concluso che sarebbero necessari solo la metà dei pazienti, con la valutazione neuropsicologica usata come gold standard, invece che le misure di MRI dell'atrofia cerebrale.


Tuttavia il Dr. Edo Richard, uno dei neurologi che hanno condotto lo studio, dice: "Qualunque sia il risultato scelto, sarà sempre necessaria la valutazione del funzionamento auto-riferita dai pazienti, per confermare la rilevanza clinica di qualsiasi effetto del trattamento".

 

 

 

 

 


FonteIOS Press BV  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Ben Schmand, Anne Rienstra, Hyke Tamminga, Edo Richard, Willem A. van Gool, Matthan W.A. Caan, Charles B. Majoie. Responsiveness of Magnetic Resonance Imaging and Neuropsychological Assessment in Memory Clinic Patients. Journal of Alzheimer’s Disease, January 2014 DOI: 10.3233/JAD-131484

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.