Iscriviti alla newsletter

Studio dimostra che si possono inviare proteine oltre la barriera emato-encefalica nell'uomo

Superata la barriera emato-encefalica ...Il corpo è strutturato in modo che eventuali organismi invasori abbiano difficoltà a raggiungere il cervello, un organo ovviamente cruciale per la sopravvivenza.


La barriera emato-encefalica è formata dalle cellule che rivestono il cervello e il midollo spinale, stipate molto strettamente, che rendono difficile a qualunque cosa che non sia una molecola molto piccola di passare dal flusso sanguigno al sistema nervoso centrale. Pur essendo benefico, questo blocco è attivo anche per i farmaci destinati al trattamento di disturbi neurologici, come l'Alzheimer.


In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Molecular Therapy, dei ricercatori della University of Pennsylvania hanno trovato un modo di attraversare la barriera emato-encefalica, così come l'ostacolo fisiologico simile negli occhi, la barriera emato-retinica.


Accoppiando un recettore che punta i neuroni, ad una molecola che degrada il componente principale delle placche di Alzheimer, i biologi hanno potuto sciogliere in modo sostanziale queste placche nel cervello di topi e nel tessuto cerebrale umano, delineando un meccanismo potenziale per il trattamento della malattia debilitante, nonché di altre condizioni che coinvolgono sia il cervello che gli occhi.


Il lavoro è stato condotto da Henry Daniell, professore nei dipartimenti di biochimica e patologia della School of Dental Medicine e direttore della ricerca traslazionale alla Penn. Il team di ricerca comprendeva Neha Kohli, Donevan R. Westerveld, Alexandra C. Ayache e Sich L. Chan, tutti della Dental Medicine alla Penn. I tessuti della retina sono stati analizzati dai co-autori del College of Medicine dell'Università della Florida, che comprendevano Amrisha Verma, Pollob Shil, Tuhina Prasad, Ping Zhu e Quihong Li.


I ricercatori hanno iniziato il loro lavoro pensando come riuscire a violare la barriera emato-encefalica. Daniell ha ipotizzato che una molecola potrebbe avere il permesso di attraversarla se è collegata ad un vettore che è in grado di passare, come una sorta di guardia di frontiera molecolare. Questo vettore è stato individuato nella proteina della tossina colerica B (CTB), un vettore non tossico attualmente approvato per l'uso negli esseri umani da parte della Food and Drug Administration.


I ricercatori hanno poi identificato una proteina che potrebbe cancellare le placche che si trovano nel cervello dei malati di Alzheimer. Queste placche, ritenute causa della demenza associata alla malattia, sono costituite da grovigli di amiloide-beta (Aβ), una proteina che si trova in forma solubile negli individui sani. Notando che la proteina basica della mielina (MBP) ha dimostrato di degradare le catene di Aβ, il team ha deciso di accoppiarla alla CTB per vedere se la MBP sarebbe riuscita a passare.


"Questi grovigli di amiloide-beta sono noti per essere il problema dell'Alzheimer", dice Daniell. "Così la nostra idea era tagliare la proteina di nuovo alle dimensioni normali in modo da non formare questi grovigli". Per verificare questa idea, il team guidato dalla Penn ha inizialmente esposto dei topi sani al composto CTB-MBP somministrando loro capsule di foglie liofilizzate, modificate geneticamente per esprimere le proteine ​​fuse, un metodo sviluppato e perfezionato da Daniell nel corso di molti anni come mezzo di somministrazione per via orale di vari farmaci e vaccini.


Aggiungendo una proteina verde fluorescente al vettore CTB, i ricercatori hanno monitorato il "bagliore" per vedere dove i topi assorbivano la proteina. Hanno trovato lo scintillio della proteina sia nel cervello che nella retina. "Quando abbiamo scoperto la proteina incandescente nel cervello e nella retina eravamo abbastanza elettrizzati", ha detto Daniell. "Se la proteina è riuscita ad attraversare la barriera nei topi sani, abbiamo pensato, era probabile che sarebbe riuscita ad attraversarla nel cervello dei pazienti di Alzheimer, perché la loro barriera è un po' compromessa".


Quando la CTB non faceva parte della proteina fusa, non si vedeva questa espressione; questo suggerisce che la proteina trasportatrice, la guardia di frontiera, ha un ruolo essenziale nel trasferire la proteina interessata. Per vedere poi cosa avrebbe fatto la MBP una volta arrivata al cervello, Daniell e colleghi hanno esposto la proteina CTB-MBP nel cervello di topi allevati per avere l'Alzheimer. Hanno usato un colorante che si lega alle placche cerebrali e hanno scoperto che l'esposizione al composto CTB-MBP genera riduzioni di colorazione fino al 60 per cento, indicando che le placche si stavano dissolvendo.


Fiduciosi che il loro composto attacca le placche, i ricercatori hanno lavorato assieme al National Institutes of Health per ottenere tessuto cerebrale di persone morte di Alzheimer e hanno eseguito lo stesso tipo di colorazione. I loro risultati hanno mostrato una riduzione del 47 per cento nella colorazione della corteccia parietale inferiore, una porzione del cervello con un ruolo importante nello sviluppo della demenza associata all'Alzheimer.


Come passo finale, i ricercatori hanno dato le capsule contenenti CTB-MBP a dei topi di 15 mesi di età (equivalente a 80 o più anni umani) allevati per sviluppare l'Alzheimer. Dopo tre mesi di alimentazione, i topi avevano delle placche di Aβ ridotte fino al 70 per cento nell'ippocampo e fino al 40 per cento nella corteccia, mentre i topi alimentati con capsule contenenti foglie di lattuga senza CTB-MBP, e i topi che nutriti senza alcuna capsula, non avevano alcuna riduzione evidente delle placche cerebrali.


Poiché i malati di Alzheimer sono dimostrato anche di avere placche nell'occhio, i ricercatori hanno esaminato gli occhi dei topi alimentati con la proteina. Essi hanno scoperto che, in effetti, i topi di Alzheimer avevano placche nella retina, ma quelli alimentati con il composto CBP-MBP non avevano placche Aβ rilevabili nella retina. "Nessuno sa in realtà se i problemi di memoria che sperimentano le persone con Alzheimer siano dovuti alla demenza o a problemi con i loro occhi", ha detto Daniell. "Qui mostriamo che possono essere entrambe le cose, e che possiamo sciogliere le placche attraverso un percorso orale".


Daniell spera che questa tecnica di invio delle proteine ​​attraverso le barriere emato-encefalica e emato-retinica possa servire per trattare una varietà di malattie, oltre all'Alzheimer. Diversi studi clinici attuali hanno fallito a causa dell'incapacità di portare i farmaci al cervello. Attualmente, i trattamenti di alcune patologie oculari devono penetrare fisicamente la retina con una iniezione, un approccio che richiede anestesia e rischio di stacco della retina. Il trattamento con una capsula ingeribile sarebbe più sicuro, più facile e più conveniente.


Come passo successivo, Daniell spera di collaborare con gli esperti di Alzheimer della Penn per portare avanti questi studi e aggiungere una componente comportamentale per determinare se il composto CBP-MBP non solo rimuove le placche, ma migliora anche la memoria e il funzionamento dei topi con Alzheimer.


Lo studio è stato finanziato dal National Institutes of Health, dalla Bill and Melinda Gates Foundation, dalla Juvenile Diabetes Research Foundation, dall'American Diabetes Association, dall'American Heart Association, e dalla Research to Prevent Blindness.

 

 

 

 

 


Fonte: University of Pennsylvania.

Riferimenti: Neha Kohli, Donevan R Westerveld, Alexandra C Ayache, Amrisha Verma, Pollob Shil, Tuhina Prasad, Ping Zhu, Sic L Chan, Qiuhong Li, Henry Daniell. Oral delivery of bioencapsulated proteins across blood-brain and retinal barriers. Molecular Therapy, 2013; DOI: 10.1038/mt.2013.273

Pubblicato in upenn.edu (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.