Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Dieta chetogenica e disturbi mentali: una nuova revisione

ketogenic diet foods

Se hai un cervello, devi sapere qualcosa delle diete chetogeniche. Il fatto che queste diete, appositamente formulate con un basso contenuto di carboidrati, abbiano il potere di fermare le convulsioni dall'inizio è la prova concreta che il cibo ha un enorme impatto sulla chimica del cervello e dovrebbe ispirare la curiosità su come funzionano.


Mi sono interessata per la prima volta alle diete chetogeniche come potenziale trattamento per i disturbi dell'umore bipolare, date le molte somiglianze tra epilessia e disturbo bipolare. Le diete chetogeniche esistono da circa 100 anni e hanno dimostrato di essere strumenti inestimabili nel trattamento di condizioni neurologiche ostinate, in particolare l'epilessia.


Hanno anche mostrato risultati promettenti nella gestione di altri disordini cerebrali come il Parkinson, la SLA, la lesione cerebrale traumatica, la sclerosi multipla e il mal di testa cronico, nonché nei disordini metabolici come l'obesità, il cancro e il diabete di tipo 2.


Ma dove si trova attualmente la scienza per la dieta chetogenica e i disturbi psichiatrici come il disturbo bipolare, la schizofrenia e l'Alzheimer? Quanti studi umani abbiamo e cosa ci dicono? Se stai lottando con problemi di umore, attenzione o memoria, dovresti provare una dieta chetogenica? Se sei un medico, dovresti raccomandare una dieta chetogenica ai tuoi pazienti?


Uno studio recente di revisione eseguito da ricercatori dell'Università della Tasmania in Australia [Bostock et al 2017, Front Psychiatry 20 (8)] ci riporta in modo accurato su tutte le cose chetogeniche e sulla salute mentale. Riassumo la ricerca qui sotto e offro alcuni pensieri e suggerimenti personali. [Nota: Sono una psichiatra che studia la nutrizione e segue una dieta chetogenica].  Per iniziare, alcune nozioni di base per quelli di voi che non hanno familiarità con queste diete speciali.

 

Cosa sono le diete chetogeniche?

Le definizioni variano, ma ciò che tutte le diete chetogeniche hanno in comune è che sono molto povere di carboidrati (in genere 20 grammi al giorno o meno) e relativamente ad alto contenuto di grassi. L'obiettivo è abbassare i livelli di zucchero nel sangue e di insulina; quando questi sono buoni e bassi, il corpo si rivolge naturalmente al grasso (anziché allo zucchero) come fonte primaria di energia.


La maggior parte delle diete chetogeniche limita anche le proteine ​​(a non più di quanto richiede il corpo), perché le proteine ​​in eccesso possono aumentare i livelli di zucchero e di insulina nel sangue in una certa misura. Grasso corporeo e grasso dalla dieta si scompongono in chetoni, che viaggiano attraverso il flusso sanguigno e possono essere bruciati da varie cellule in tutto il corpo, compresa la maggior parte delle cellule cerebrali.


I livelli di chetoni aumentano nel sangue, nelle urine e nel respiro in pochi giorni e possono essere misurati usando vari metodi di test a casa, ma possono essere necessarie settimane affinché il corpo diventi efficiente nel bruciare i grassi, produrre energia e ottenere tutti i benefici.


Quando una persona è 'in chetosi', i livelli di glicemia a digiuno del mattino tendono a valori compresi tra 60 e 85 (mg/dl) e i livelli di chetoni nel sangue salgono a almeno 0,5 mM (con livelli molto più elevati raccomandati per determinate condizioni). Questi parametri distinguono le diete chetogeniche da altre diete a basso contenuto di carboidrati, che possono contenere troppe proteine ​​e/o carboidrati per produrre questi effetti metabolici.

 

 

Come funzionano le diete chetogeniche?

Non è chiaro come lavorino le diete chetogeniche per controllare le convulsioni, per non parlare di come possono migliorare i sintomi psichiatrici. A livello fondamentale, non siamo nemmeno sicuri se responsabili della stabilizzazione cerebrale effetti di queste diete sia la presenza di chetoni, la riduzione della glicemia, la riduzione dell'insulina e di altri ormoni che promuovono la crescita, o una combinazione di tutti questi.


Le teorie abbondano e includono livelli di neurotrasmettitore alterati, variazioni nei gradienti elettrolitici (sodio intracellulare inferiore e calcio), riduzione dei marcatori di infiammazione e miglioramento della funzione mitocondriale. Il consenso generale è che il cervello funziona in modo più pulito ed efficiente quando una parte significativa della sua energia proviene dai chetoni, calmando le cellule cerebrali iperattive e troppo reattive.

 

Che dire degli integratori chetonici?

È possibile aumentare i livelli di chetoni nel sangue senza modificare la dieta, prendendo costosi integratori chetonici o ingerendo grassi ricchi di 'trigliceridi a catena media' (MCT), che il fegato trasforma rapidamente in chetoni. Gli MCT purificati sono in vendita oppure puoi semplicemente prendere l'olio di cocco, che è naturalmente ricco di MCT. Vedrai di seguito che questi approcci possono essere efficaci a breve termine, ma la mia opinione è che essi semplicemente mascherano la malattia sottostante, che continua a peggiorare a causa di livelli elevati di insulina e/o glicemia.

 

 

CHE DICE LA SCIENZA

Di seguito elenco tutti gli studi pertinenti trattati nella revisione Bostock 2017, prestando particolare attenzione agli studi sull'uomo e integrando con materiale originale dove è utile, in quanto vi sono alcuni errori lievi nel testo della recensione.

 

Diete chetogeniche e disturbo bipolare

2002: un caso-studio di un mese su una donna con disturbo bipolare non specificato e resistente al trattamento non ha notato alcun miglioramento dopo due settimane con una dieta chetogenica seguita da due settimane di integrazione con olio MCT. Il test delle urine ha rilevato che la chetosi non è mai stata raggiunta.

2012: un caso studio di due donne con disturbo bipolare II che hanno seguito una dieta chetogenica (una per due anni, l'altra per tre anni) ha trovato che la dieta era superiore alla lamotrigina anticonvulsivante / stabilizzatrice dell'umore (Lamictal) nella gestione dei sintomi. La chetosi è stata documentata usando strisce di test delle urine.

 

Diete chetogeniche e schizofrenia

Uno studio di 3 settimane sui topi ha mostrato che una dieta chetogenica ha normalizzato i comportamenti patologici.

1965: uno studio di 2 settimane su 10 donne con schizofrenia refrattaria al trattamento ha riscontrato una diminuzione significativa dei sintomi quando una dieta chetogenica è stata aggiunta ai trattamenti standard in corso (farmaci + ECT). Il monitoraggio dei chetoni non è stato segnalato.

2009: un caso di studio di 12 mesi descrive l'esperienza di una donna sovrappeso di 70 anni con schizofrenia cronica a cui è stata prescritta una dieta limitata a 20g di carboidrati al giorno. Ha notato un significativo miglioramento dei sintomi gravi a partire da soli otto giorni dopo l'inizio della dieta, che consisteva in "carne, pollame, prosciutto, pesce, fagiolini, pomodori, bevande dietetiche e acqua". [Kraft and Westman 2009 Nutrition & Metabolism 6: 10]. Lei ha riferito la risoluzione completa delle allucinazioni uditive e visive di cui soffriva dall'età di sette anni. I livelli di chetoni non sono stati monitorati.

Commento: Questa dieta si può caratterizzare meglio come una dieta a basso contenuto di carboidrati, principalmente alimenti integrali. Poiché la proteina non era limitata e l'assunzione di grassi non era manipolata, questa può essere o non essere stata una dieta veramente chetogenica.

 

Diete chetogeniche e ansia

Uno studio sui ratti ha rilevato che l'aggiunta di integratori chetonici a una dieta standard ricca di carboidrati ha ridotto il comportamento ansioso.

 

Diete chetogeniche e Depressione

Uno studio sui ratti ha scoperto che una dieta chetogenica riduceva i comportamenti depressivi.

Uno studio sui topi ha rilevato che l'alimentazione di animali in gravidanza con una dieta chetogenica riduceva la predisposizione della prole a comportamenti depressi (e ansiosi).

 

Diete chetogeniche e disturbo dello spettro autistico (ASD)

Uno studio di 70 giorni su topi ha rilevato che una dieta chetogenica ha migliorato il comportamento.

Uno studio di 10-14 giorni sui ratti ha rilevato che una dieta chetogenica migliorava i comportamenti sociali complessi e la funzione mitocondriale.

Uno studio di 3-4 settimane su topi ha rilevato che una dieta chetogenica migliorava i comportamenti in modi diversi per i maschi rispetto alle femmine.

2003: uno studio di 6 mesi su degenti ha valutato gli effetti di una dieta chetogenica ciclica (4 settimane e 2 settimane di riposo) su 30 bambini con ASD. Dei 18 bambini che hanno completato lo studio, 8 hanno mostrato un miglioramento moderato e 2 hanno mostrato un miglioramento 'significativo'. I benefici sembravano persistere anche durante i periodi 'senza dieta' di 2 settimane. Il monitoraggio delle urine e del sangue chetonico ha confermato che tutti i bambini erano in chetosi.

Commento: i livelli di chetoni nel sangue variavano da 1,8 a 2,2 mMol durante le fasi chetogeniche e da 0,8 a 1,5 mMol durante i periodi 'senza dieta', il che significa che i bambini hanno effettivamente trascorso l'intero periodo di studio di 6 mesi in chetosi.

2013: un caso clinico dettagliato di 14 mesi di un bambino con ASD, epilessia e obesità che è stato posto su una dieta chetogenica in combinazione con farmaci antiepilettici, ha notato numerosi miglioramenti. "Oltre al miglioramento delle crisi, c'era una perdita di peso di 27 kg ... oltre a migliorare la funzione cognitiva e linguistica, un netto miglioramento delle abilità sociali, maggiore calma e completa risoluzione delle stereotipie." [Herbert and Buckley 2013 J Child Neurol 28 (8)]. La chetosi è stata confermata (presumibilmente con il test delle urine).

 

Dieta chetogenica e disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Uno studio di 6 mesi su cani con ADHD ed epilessia ha riscontrato un miglioramento significativo nei comportamenti ADHD su una dieta chetogenica.

 

Diete chetogeniche e Alzheimer

2009: uno studio parallelo randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di 90 giorni su 152 persone con Alzheimer da lieve a moderato ha testato gli effetti dell'integrazione giornaliera di MCT (in precedenza commercializzato con il nome Axona) sulle prestazioni del test cognitivo. Le persone hanno continuato le loro diete abituali e prendevano l'integratore MCT oppure un placebo con olio di cartamo. I farmaci regolari sono stati continuati durante lo studio. A 45 e 90 giorni, i pazienti che assumevano MCT hanno mostrato un miglioramento significativo sul test cognitivo chiamato 'scala ADAS-Cog', a meno che non fossero portatori di un gene chiamato ApoE4, che è associato a un rischio più alto di Alzheimer. I benefici cognitivi non persistevano dopo l'interruzione degli MCT.

Non sono menzionati nella recensione di Bostock i seguenti due studi:

Uno studio di 6 settimane con una dieta semplice a basso contenuto di carboidrati (proteine ​​e grassi non limitati) in persone con lieve decadimento cognitivo (MCI, chiamato anche 'pre-Alzheimer') ha dimostrato un miglioramento nella memoria verbale, con maggiori benefici in coloro che hanno raggiunto livelli di chetone più elevati [Krikorian R et al 2012 Neurobiol Ageing 33 (2): 425].

Un caso studio di 20 mesi di un uomo con Alzheimer la cui cognizione e funzione sono migliorate in modo significativo con l'uso di integratori chetonici [Newport MT et al., 2015, Alzheimer's and Dementia, 11].

 

Limiti della ricerca

Se sei scettico sulla dieta chetogenica, non sarai impressionato dal riassunto qui sopra. Non posso biasimarti: ci sono preziosi dati umani sulle diete chetogeniche e sui disturbi psichiatrici ... ma anche qualcosa di sbagliato: piccole dimensioni dei campioni, nessun controllo, chetosi non confermata in alcuni casi, composizione della dieta e durata del trattamento variabile tra gli studi, ecc.


Tuttavia, come appassionata di dieta a basso contenuto di carboidrati, trovo molto di cui essere entusiasta in questa effimera raccolta di ricerche. Gli studi di nutrizione sono difficili. Farli in ceco è quasi impossibile, i finanziamenti sono difficili da ottenere, la conformità è difficile e i controlli sono difficili da progettare.


Paura, devianze ed errata educazione nutrizionale limitano il numero di scienziati interessati e disposti a condurre studi su diete a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi. Abbiamo chiaramente bisogno di studi umani di alta qualità che esplorino gli effetti delle diete chetogeniche sui disturbi mentali, poiché molti clinici e pazienti avranno paura di utilizzare questa dieta senza prove più evidenti. Se solo più persone pretendessero che le linee guida dietetiche USDA abbiano lo stesso standard scientifico e le osservassero con lo stesso sano scetticismo ...

 

Diete chetogeniche nel mondo reale

Tuttavia, credo nel potenziale terapeutico delle diete a basso contenuto di carboidrati per stabilizzare la chimica del cervello e sento fortemente che le persone dovrebbero essere consapevoli delle strategie dietetiche come opzione.


Per le persone che non vogliono assumere farmaci, non rispondono ai farmaci, non tollerano i farmaci o non possono permettersi i farmaci, l'intervento nutrizionale può offrire una vera speranza. Personalmente ho notato un miglioramento generale della concentrazione, dell'umore, dell'energia e della produttività quando ho cambiato la mia dieta anni fa e ho visto persone nella mia stessa pratica il cui umore si è stabilizzato passando a una dieta a basso contenuto di carboidrati e molti grassi.


La mia filosofia per quanto riguarda il trattamento dietetico dei problemi di salute mentale è la seguente:

  1. Tutti dovrebbero mangiare cibi veri e integrali e ridurre al minimo i carboidrati raffinati come lo zucchero e la farina. La maggior parte considera questo come buon senso (con la notevole eccezione dell'USDA). Personalmente raccomando un modello alimentare pre-agricolo (che include proteine ​​animali / grassi ed elimina cereali / legumi).
  2. Chi ha insulino-resistenza (compreso il diabete di tipo 2) sarebbe saggio ad apportare cambiamenti nello stile di vita che possono aiutare a normalizzare i livelli di insulina e zucchero nel sangue. Le strategie con il potenziale per realizzare questo includono semplici diete a basso contenuto di carboidrati, digiuno intermittente, allenamento di forza e restrizione calorica. E' importante adottare istruzione, orientamento professionale, supporto e monitoraggio medico prima di provare cambiamenti nella dieta, in particolare se si hanno problemi di salute o si assumono farmaci.
  3. Gli individui che non hanno beneficiato delle modifiche sopra o che semplicemente vogliono provare un approccio diverso potrebbero voler considerare una dieta chetogenica.


Potrebbero passare molti anni prima di vedere studi di alta qualità sulle diete chetogeniche nel trattamento dei disturbi psichiatrici. Per quelli di voi che non vogliono aspettare così a lungo, cosa c'è da sapere?

 

Dieta chetogenica: sicurezza ed effetti collaterali

La dieta chetogenica è sicura per la maggior parte delle persone, ma ci sono chiare eccezioni da considerare che vanno oltre lo scopo di questo post, quindi per favore non intraprendere da soli una dieta chetogenica né raccomandarla a qualcun altro senza prima leggere il mio articolo dettagliato Ketogenic Diets and Psychiatric Medications, (il post breve è Is the Ketogenic Diet Safe for Everyone?) e aver cercato ulteriori indicazioni e risorse per istruirti sulla dieta. Due dei migliori libri sull'argomento sono The Art and Science of Low Carbohydrate Living dei Drs. Phinney e Volek e The New Atkins for a New You del Dr. Eric Westman.


Alcuni studi riportano effetti collaterali quali stitichezza, crampi alle gambe e aumento del rischio di calcoli renali. Ci sono cambiamenti molto reali nel sale e nell'equilibrio dei fluidi che si verificano nelle prime fasi della dieta che possono spiegare alcuni di questi effetti collaterali, ma la maggior parte delle persone tollerano bene la dieta, me compresa.


La mia opinione è che la maggior parte degli effetti collaterali non è dovuta alla natura di basso contenuto di carboidrati e di alto contenuto di grassi della dieta, ma piuttosto alle scelte alimentari. Sfortunatamente, la maggior parte delle diete chetogeniche, in particolare quelle prescritte ai bambini con epilessia, sono ad alto contenuto di ingredienti e alimenti lavorati/artificiali a cui molte persone sono sensibili, come noci, latticini, uova e ammine biogeniche.


Se sei un medico psichiatrico interessato a raccomandare la dieta chetogenica a un paziente, consiglio vivamente di collaborare con un dietista, un medico di base o uno specialista esperto in diete chetogeniche. Se non c'è un tale individuo nella tua zona, ci sono altre opzioni, inclusi dietologi speciali e centri medici che offrono consulenza on-line.

 

 

 


Fonte: Georgia Ede MD, psichiatra certificata da Harvard, specializzata in consulenze focalizzate sulla nutrizione e servizi di consulenza per singoli e colleghi medici.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...