Iscriviti alla newsletter

Quando mettere un freno al guidatore che ha la demenza

Quando mettere un freno al guidatore che ha la demenza

Cara Helen,

i coniugi di due mie amiche hanno l'Alzheimer. Purtroppo, continuano a guidare nonostante le ammaccature nelle loro auto, e periodicamente si perdono. Le mie amiche non stanno facendo nulla e aspettano che i loro medici si assumano la responsabilità. Non è stato fatto niente. Per me è una responsabilità morale tenere i nostri cari sicuri, fuori da incidenti e situazioni che possono causare danno ad altri. Ne posso parlare con le mie amiche o devo continuare a mordermi la lingua? - E.F.

 

Cara E.F.,

Io voto per parlarne con le tue due amiche proprio per le ragioni che hai citato. Guidare è una licenza per la libertà e la fiducia in sé, facendone un argomento sensibile.


Quand'è il momento giusto per appendere le chiavi? Questo dipende dallo stadio della malattia.


Secondo la Family Caregiver Alliance, gli individui nelle prime fasi della demenza (l'Alzheimer è la più comune) possono avere le competenze necessarie per guidare. La cattiva notizia è che, poiché la maggior parte delle demenze è progressiva, le competenze necessarie come l'orientamento visuo-spaziale e le funzioni cognitive peggiorano con la progressione della malattia.


Per guidare in modo sicuro, si dovrebbero avere le seguenti competenze e abilità:

  • tempo di reazione rapido, che può essere necessario per fermarsi quando dei bambini inseguono la loro palla attraversando la strada o l'auto davanti si ferma;
  • capacità di dividere l'attenzione quando arriva un veicolo di servizio con una sirena e, allo stesso tempo, i pedoni attraversano la strada;
  • esercitare il buon giudizio per quanto riguarda se e come superare una macchina o entrare in autostrada da una rampa;
  • capire e ricordare le regole della strada; esempi sono ricordare il limite di velocità, fermarsi alle strisce pedonali e sapere quando fermarsi a un semaforo;
  • trovare la propria destinazione, in particolare sulle strade familiari;
  • avere un'adeguata vista e udito.


Ci sono segnali di pericolo. Stai in allerta se l'individuo riceve multe per eccesso di velocità o di lentezza, non riesce a fermarsi o fa inversioni improprie, fa incidenti che includono piegare il parafango, o mancarli di poco, si perde o i suoi passeggeri si sentono a disagio o in pericolo.


Secondo la motorizzazione della California, i medici sono tenuti per legge a segnalare le malattie caratterizzate da calo di consapevolezza, così come l'Alzheimer e i disturbi correlati. Tuttavia, i medici possono non avere tutte le informazioni per valutare la situazione. Vedono i loro pazienti per troppo poco tempo e non al volante mentre guidano, spesso devono fare affidamento sulle informazioni della famiglia, che possono non essere accurate.


Altri medici possono essere riluttanti a prendere la decisione per evitare di rovinare il rapporto medico-paziente e, probabilmente, far arrabbiare il paziente che può non tornare da loro.


Alcuni individui con Alzheimer sono sollevati quando altri li incoraggiano a smettere di guidare, sentono sollievo dalla confusione e mancanza di fiducia. Se possibile, è utile coinvolgere l'individuo nelle discussioni e nelle decisioni che alla fine portano ad una migliore situazione. Eppure, anche con questa consapevolezza e partecipazione, le persone spesso avvertono un senso di perdita.


In situazioni estreme, l'Alzheimer's Association suggerisce di chiedere a un agente di polizia di intervenire e magari emettere una citazione. Un altro suggerimento è quello di chiedere a un medico di scrivere una prescrizione "non guidare". Se tutto il resto fallisce, si potrebbe disattivare la macchina rimuovendo la batteria o spostandola fuori dalla vista.


Uno dei modi migliori per determinare se una persona è un guidatore sicuro è chiedere una valutazione di un terapista occupazionale addestrato nel valutare i conducenti con problemi cognitivi e, in particolare, con una demenza.


[...] E.F., grazie per la tua domanda importante. Parlandone, saresti una buona amica per le tue amiche e i relativi compagni. Quindi non "morderti la lingua" e vai avanti.

 

 

 


Fonte: Helen Dennis in Whittier Daily News (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.