Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Gli studi sul cuore portano a importanti passi avanti per l'Alzheimer

 Gli studi sul cuore portano a importanti passi avanti per l'Alzheimer

Nell'articolo precedente ho parlato della ricerca innovativa di lungo periodo che ha rivelato che la patologia cerebrale (amiloide e tau) non è accurata in termini di diagnosi della demenza. Anche nelle autopsie che mostrano le "anomalie patologiche" associate alla demenza, c'è solo il 50% di possibilità che il paziente avesse realmente la demenza.


Il rovescio della medaglia: se sviluppi la demenza quando invecchi, c'è solo il 50% di possibilità di avere realmente le "anomalie patologiche" della demenza. Come ha detto un esperto, "la patologia non è il destino" quando si tratta di demenza. Per dirla in termini ancora più semplici, non c'è assolutamente alcuna connessione tra le funzioni cognitive e le anomalie cerebrali patologiche che, presumibilmente, causano la demenza.


Nessuna ricerca tradizionale miracolosa e nessun trattamento per la demenza sono stati un fallimento completo. Hanno abbaiato contro l'albero sbagliato, come ho detto fin dall'inizio.


La presenza di queste cosiddette "anomalie patologiche della demenza" non prevede né spiega come prevenire o trattare la demenza. Quindi perché gli esperti dovrebbero chiamarle "prove" della demenza, tanto per cominciare? Forse non avrò mai una risposta a questa domanda, quindi cerchiamo di adottare un approccio più positivo ...

 

Gli esperti trovano un forte legame tra buona salute cardiovascolare e funzionamento sano del cervello.

Come ho spiegato in precedenza, questa potente associazione può coinvolgere una proteina chiamata «fattore di crescita vascolare endoteliale» (VEGF - Vascular Endothelial Growth Factor). Come suggerisce il nome, il VEGF promuove una crescita sana dei vasi sanguigni, e anche uno sviluppo sano del cervello. E, in ultima analisi, può fornire il collegamento tra un cuore sano e un cervello sano.


Uno studio effettuato nell'ambito dell'Alzheimer's Disease Neuroimaging Initiative ha collegato i livelli superiori di VEGF nel liquido cerebrale a un sano invecchiamento cerebrale. Questo risultato rimaneva valido in particolare per le persone che avevano biomarcatori della presenza di amiloide-beta e di proteine tau che si "aggrovigliano" nei tessuti cerebrali.


Gli esperti associano questi grovigli e placche nel cervello alla demenza. I vasi sanguigni intorno a queste placche amiloidi possono deteriorarsi, privando così del sangue e dell'ossigeno le cellule circostanti e provocando la morte cerebrale. Questo processo porta alla demenza. Ma il VEGF può proteggere i vasi sanguigni sani e anche promuovere la guarigione in caso di lesioni o danni.


Così, anche negli individui con la cosiddetta "patologia di Alzheimer" di placche di amiloide-beta, possono intervenire i meccanismi di protezione come il VEGF, per conservare le cellule cerebrali e la funzione cognitiva. La ricerca mostra che l'attività fisica aumenta anche il VEGF. Questo fa nascere la curiosità di che altro promuove questa importante proteina di auto-guarigione.


Il cervello è il tessuto più sensibile nel corpo. Quindi, qualsiasi privazione di sangue, ossigeno o di energia può portare a gravi lesioni e infezioni.

 

Il cervello ha un antico sistema di difesa

A differenza di qualsiasi altro organo del corpo, il cervello è circondato interamente da osso spesso, isolato e protettivo, e da membrane protettive durature. Inoltre, ha la barriera emato-encefalica unica per filtrare le tossine, i veleni del metabolismo, e i microbi. Tali difese fanno parte del concetto di «resilienza cognitiva».


Anche il sistema immunitario protegge il cervello. Ma la ricerca mostra che alcune persone so portatrici di una variante genetica (mutazione) che si traduce in un minor numero di recettori per le cellule del sistema immunitario nel cervello. Negli studi con scansioni PET, si è verificato che i cervelli anziani con la variante genetica, che hanno un minor numero di cellule immunitarie funzionali nel cervello, non riescono ad eliminare l'amiloide-beta. Come risultato, la placca può accumularsi nel cervello, e a sua volta può ledere i vasi sanguigni, danneggiare le cellule cerebrali e causare la demenza.


In qualche modo l'idea di avere "placche" nel cervello deve essere un modo interessante per la tradizione di pensare al problema tenace della demenza. Dopo tutto, dobbiamo lavarci i denti tutti i giorni per eliminare la placca. (Questo è il modo in cui vendono il dentifricio quattro dentisti su cinque). Allora, perché non tirar fuori il vecchio caro spazzolino da denti per ripulire quelle cellule cerebrali?

 

Una vera e propria cura di Alzheimer dovrà "spazzare via" le vecchie idee.

La buona notizia è ...


Il cervello stesso è senza dubbio il nostro strumento più importante nella lotta contro l'Alzheimer. Ed è diventato questo strumento complesso e sensibile attraverso diversi meccanismi adattativi e protettivi. Sono convinto che questi stessi meccanismi - come il VEGF - sono la chiave per prevenire e curare la demenza.


Credo anche che dovremmo guardare al mondo naturale di supportare il cervello e auto-guarire. Come dico spesso, il corpo umano e il cervello si sono sviluppati fin dall'inizio in un ambiente terrestre circondato da piante, che erano le migliori (e uniche) fonti possibili di cibo e di medicine.


Tutto ciò che riguarda il modo in cui cervello e corpo si sono sviluppati è basato sull'uso della potenza biologica dei composti vegetali in natura. Pertanto, è così sorprendente che tanti nutrienti efficaci e rimedi a base di erbe dalle piante possano agire per proteggere il cervello e prevenire la demenza?


La ricerca attuale dimostra che questi rimedi naturali possono anche invertire la demenza con un tasso di successo del 90 per cento. Questo sarà dettagliato nei prossimi articoli e nel mio protocollo di inversione dell'Alzheimer che uscirà più avanti nel 2016.


Nel frattempo, rimanete attivi. Restate socialmente connessi. E continuate ad usare quel cervello. E' il modo migliore per proteggerlo.

 

 

 


Fonte: Marc S. Micozzi MD/PhD (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  1. “The Brain Fights Back: New Approaches to Mitigating Cognitive Decline,” JAMA Neurol. 2015; 72(5): 520-529
  2. “CD33 Alzheimer’s disease locus: altered monocyte function and amyloid biology,” Nature Neuroscience 2013;16(7):848-850

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.