Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

Esperienze e opinioni

Le lezioni sulla demenza dal Giappone, il paese più vecchio al mondo

Le lezioni sulla demenza dal Giappone, il paese più vecchio al mondoQuesta donna trascorre due giorni ogni settimana in un diurno per anziani di Setagaya, un grande sobborgo di Tokyo. In Giappone, i diurni sono una scelta popolare per le famiglie che hanno bisogno di aiuto a prendersi cura dei loro parenti anziani con demenza. (Foto: Motonari Tagawa / For the Toronto Star)In Dicembre 2007, un uomo di 91 anni ha lasciato la sua casa nella città di Obu e si è avviato tranquillamente verso i binari ferroviari, attraversando proprio mentre un treno di pendolari entrava nella stazione.


Agli occhi del pubblico, questo è stato un tragico incidente. L'uomo aveva una demenza e aveva vagato quando sua moglie di 85 anni si era assopita.


Ma per la Central Japan Railway Company, era un caso di negligenza. Essi hanno sostenuto che la famiglia non era riuscita a prendersi cura dell'uomo, e sono stati annullati o rinviati 54 treni di conseguenza. La società l'ha citato in giudizio, e ha vinto. L'anno scorso, un tribunale ha ordinato alla famiglia di pagare circa 27.400 € di danni.


Questo è un drammatico esempio della collisione che sta avvenendo ogni giorno in Giappone: lo scontro tra persone che vivono con demenza e gli angoli spigolosi di una società frenetica che non è mai stata costruita per loro. Il Giappone è tutt'altro che solo. La demenza è in aumento in tutto il mondo: 47 milioni di persone vivono già con la malattia, con una previsione di più di 130 milioni per il 2050.


Ma le prime onde si sono infrante sul Giappone. Per la demenza (una delle malattie che colpiscono la memoria e la cognizione, per la quale non esiste una cura nota), l'età è il fattore di rischio più grande. Nessun paese è diventato vecchio più velocemente del Giappone, la prima nazione 'super-invecchiata' del mondo.


Nei primi anni '60, il Giappone era il paese più giovane del G7 odierno. Ora, è il più vecchio, un cambiamento drastico alimentato dal crollo del tasso di natalità e dall'aspettativa di vita più alta del mondo, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, con una media di 84 anni (in Italia è di 83). Un quarto dei 128 milioni di giapponesi sono già anziani, il che significa che hanno più di 65 anni. Entro il 2060, gli anziani saranno il 40 per cento della popolazione.


Molti trascorreranno i loro ultimi giorni immersi nella demenza, che colpisce già 4,62 milioni di giapponesi. Tra dieci anni, si stima che saranno 7,3 milioni le persone in Giappone con la demenza, più di quelle che vivono a Hong Kong o a Rio de Janeiro. "L'impatto sarà enorme", ha detto il dottor Koji Miura, direttore generale dell'ufficio per gli anziani del Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare. "L'onere sui più giovani sta aumentando molto rapidamente. Se non facciamo nulla, la società sarà nei guai".


L'anno scorso sono scomparse in Giappone più di 10.700 persone affette da demenza. La stragrande maggioranza sono state ritrovate - alcune morte - ma 168 sono tutt'ora disperse. Stanno facendo sempre più notizia i crimini violenti alimentati dal kaigo Jigoku, il termine giapponese che significa 'inferno del badante'. In luglio, l'83-enne Kyuji Takahashi è stato accusato di aver accoltellato la moglie. Egli avrebbe detto alla polizia: "Mia moglie aveva la demenza e mi sono consumato a prendermi cura di lei".


In questo momento, queste storie sono ancora l'eccezione, ma la sfida del Giappone è impedire lo sviluppo di una crisi di salute pubblica, mentre combatte il debito più alto del mondo. C'è poco che può fare un qualsiasi governo per cambiare il corso della demenza. L'unica cosa che il Giappone può cambiare è il Giappone.


"Vediamo il punto di crisi nel 2025", ha detto Mayumi Hayashi, ricercatrice dell'Istituto di Gerontologia al King College di Londra. "E per far fronte a tale punto di crisi, il Giappone sta cercando di creare una società in cui ognuno contribuisce, e le persone con demenza hanno una migliore esperienza e qualità di vita". Gli sforzi di base hanno un ruolo di primo piano nella costruzione di questa nuova società, dove i volontari guidano gli sforzi per aumentare la consapevolezza e per formare reti che recuperano chi vagabonda, coloro che scompaiono dopo essere diventati disorientati o confusi.


Negli ultimi 15 anni, i politici giapponesi hanno anche cambiato tutto, dal sistema di assistenza sociale alla stessa parola che significa 'demenza'. Prima, il termine usato di solito era Chiho, che significa "idiozia" o "stupidità", anche nella letteratura medica. Nel 2004, il governo ha fatto un annuncio insolito: chiho doveva essere cambiato con ninchisho, che significa 'disturbi cognitivi'. "Dopo il cambio di nome, la conoscenza e l'accettazione della demenza si è diffusa ampiamente in tutto questo paese", ha detto il dottor Takashi Asada, un psico-geriatra membro del comitato di ri-denominazione.


La strategia di coinvolgimento per la demenza del Giappone (introdotta nel 2012 e rivista l'anno scorso) coinvolge non solo il ministero della salute, ma altri 11 ministeri e agenzie. La strategia finanzia ricerche, ma dà la priorità anche alla diagnosi precoce, alla formazione degli operatori sanitari di prima fila, al supporto per i caregiver e alla creazione di comunità 'amichevoli con la demenza'.


Ma il cambiamento più importante, e radicale, attuato dal Giappone per migliorare la cura della demenza è avvenuto nel 2000, quando il governo ha introdotto l'assicurazione obbligatoria per l'assistenza a lungo termine. Un obiettivo primario era aiutare gli anziani a vivere più indipendenti e a ridurre l'onere per i parenti, in particolare le donne, che sono spesso le caregiver. Quindi, a differenza dell'assicurazione per l'assistenza a lungo termine di paesi come la Germania, che offrono denaro contante, il sistema giapponese offre servizi, e scelta ai consumatori.


Il sistema funziona così: dai 40 anni, ogni residente giapponese paga un premio assicurativo mensile. Quando compie 65 anni, o si ammala di una malattia correlata all'invecchiamento, diventa idoneo per una serie di servizi: tutto, dal diurno per la demenza, alla consegna dei pranzi, all'assistenza per il bagno. A seconda del reddito, gli utenti pagano anche una tassa di servizio dal 10 al 20 per cento, una misura che scoraggia gli eccessi.


Questo sistema ha anche creato qualcosa di fondamentale nel campo delle cure a lungo termine: un mercato. "Moltissimi servizi si sono sviluppati molto rapidamente", ha dichiarato John Creighton Campbell, professore emerito della Università del Michigan ed esperto di sistemi di assistenza a lungo termine del Giappone. "Senza il sistema di assicurazione di assistenza a lungo termine, non sarebbero stati concepibili".


Campbell crede che il Giappone sia "migliore di qualsiasi altro posto al mondo per l'assistenza alla demenza". Naturalmente, il sistema unico e complicato del Giappone non si potrà trasferire necessariamente ad altri paesi e restano questioni importanti, in particolare quando si parla di sostenibilità finanziaria; il numero di giapponesi con cure a lungo termine è più che raddoppiato da quando è iniziato il programma: nel 2013 vi hanno avuto accesso 5,6 milioni di persone. Le famiglie giapponesi continuano anche a chiedere assistenza istituzionalizzata per i loro parenti e il burnout [esaurimento psico-fisico] del caregiver è ancora un problema crescente.


Ma i tentativi e gli errori del Giappone sono istruttivi per le altre nazioni, in marcia verso l'obiettivo del super-invecchiamento. Il paese sta già vivendo il futuro su cui si stanno preparando paesi come il Canada [o l'Italia]. In Canada lo scorso Settembre c'è stato un momento di ansia nazionale quando Statistics Canada ha annunciato che, per la prima volta in assoluto, la popolazione anziana del Canada aveva superato quella dei bambini. Il Giappone aveva raggiunto questa stessa pietra miliare nel 1997.


E' chiaro che ci sono buone ragioni per mantenere un occhio verso la terra del sol levante, un articolo sulla rivista medica Lancet ha recentemente suggerito: "Il modo in cui il Giappone affronta le sfide, e le opportunità, poste da una società in rapido invecchiamento diventerà un modello per altri paesi che affrontano le proprie bombe demografiche a orologeria".


Servizi speciali per la demenza in Giappone

Diurni per demenza

In Giappone, i diurni sono una scelta popolare, non solo per i più piccoli (daycare=l'assistenza diurna può essere sia asilo che diurno), ma anche per le persone con demenza. "Il 6/7% dell'intera popolazione over-65 va al diurno", dice Campbell. "Porta le persone fuori dal loro ambiente familiare e dà ai loro caregiver familiari una pausa".


All'interno di un bungalow incantevole, cinque operatori e un infermiere si occupano di una dozzina di persone, uno dei circa 300 diurni nel quartiere più grande di Tokyo. Oggi fuoriescono dalla cucina i suoni di pesce scoppiettante e il tintinnio di porcellana; due volte alla settimana, i pazienti, con età da 59 a 98 anni, sono invitati a cucinare i loro pasti. Nel menu c'è salmone, soba e zuppa di miso.


L'obiettivo del diurno è tenere attivi tutti, fisicamente e mentalmente, nella speranza di rallentare la progressione della malattia. Le attività quotidiane comprendono escursioni e arte-terapia e sessioni di narrazione. Il diurno offre anche il trasporto in modo che i caregiver non debbano affannarsi dopo il lavoro per riprendere i loro cari.


Diurni come questo, che si trova in una tranquilla strada residenziale, sono coperti dal piano di assicurazione per l'assistenza a lungo termine del Giappone. Il costo giornaliero dipende dal 'livello di cura' di ogni persona, nel sistema di assicurazione di assistenza a lungo termine. In questo particolare diurno, le persone con la malattia più mite pagano circa 7€ al giorno, il resto è coperto dall'assicurazione, dice il proprietario.

 

Ricerca e Recupero Demenza

Il Giappone sta introducendo una sorta di programma di ricerca e recupero, per cui squadre di operatori sociali e medici professionisti cercano le persone con demenza non ancora diagnosticate. Oggi un team visita un uomo di 92 anni a Machida, una delle 41 città pilota di questo programma (i piani sono di avere team in ogni città entro il 2018). L'ex artista è sempre più smemorato e incline a svegliarsi durante la notte, gridando. Sua moglie 86-enne è esausta ma resiste all'aiuto, insistendo che lei può prendersi cura di lui.


Dopo tre visite, il team di quattro persone persuade la coppia a vedere un medico. Per la loro quarta visita, l'obiettivo è iscrivere l'uomo ai servizi coperti dal sistema di assicurazione per l'assistenza a lungo termine del Giappone. "Pensiamo che il marito abbia bisogno di stimoli, fisicamente e mentalmente, ed è meglio ridurre l'onere della moglie", dice l'assistente sociale Furuya Masumi. E' una danza delicata. Chiacchierano della nipote della coppia, ascoltano i ricordi di guerra dell'uomo, ammirano la sua calligrafia. Ogni volta che può, Masumi si intrufola in una proposta: perché non visitiamo un diurno? La moglie dice ripetutamente no. "Lei può decidere di mantenere il marito a casa, perché vuole dimostrare che è una brava moglie", dice Masumi.


Successo! Alla fine della seduta, la coppia ha deciso di visitare un diurno. Il team organizza riunioni per discutere il caso di questa coppia; essi continueranno anche regolarmente a visitarla fino a sei mesi dopo l'entrata nel programma. Se la coppia si rifiuta ancora di accettare l'assistenza esterna, il team dovrà andare oltre, ma continuerà a monitorare il loro benessere. "La cosa importante è supportarli come comunità", dice l'assistente sociale psichiatrico Rei Takagi. "Li supporteremo sempre".

 

Sollievo per i caregiver

Benvenuti al 'shokibo takino', una opzione intermedia per i familiari che vogliono mantenere i loro parenti a casa, ma hanno bisogno di pause occasionali. Le famiglie che programmano una vacanza fuori città, o semplicemente che si sentono esaurite e desiderano una notte di sollievo, possono portare i parenti in un soggiorno di breve durata da una a 30 notti. "L'idea è che quando hanno bisogno, restano", spiega Reiko Suzuki.


Quando Shosuke Sato, di 85 anni, ha iniziato a vagare, la moglie Hiroko lo seguiva tranquillamente. A volte camminavano per un'ora prima che Hiroko decidesse che ne aveva abbastanza e lo guidava verso casa. Ma quando le sparizioni sono diventate più frequenti, Hiroko si è rivolta ad altre misure: installando un campanello sulla porta o mettendo un cellulare con il tracking GPS in tasca. Ha chiamato la polizia cinque o sei volte; una volta, un tassista lo ha trovato che vagava lungo la strada. Un'altra volta, il loro ex elettricista ha portato Shosuke a casa dopo che l'aveva visto dormire nel parco. "E' così estenuante", ammette Hiroko, che soffre di problemi di salute di suo.


In Maggio 2013, Hiroko ha portato il marito al shokibo takino, dove resta ogni Lunedi e Giovedi. "E' diventato più facile per me vivere", dice. "Mi aiuta molto". Hiroko usa i giorni liberi per recuperare sui lavori di casa o guardare la televisione. Aveva smesso di andare al suo coro, ma ha iniziato a cantare di nuovo. Hiroko si prende cura di suo marito a tempo pieno durante il fine settimana, e al Lunedi, è esausta e pronta per una pausa. "Al mattino, mi sento 'wah'", dice, ridendo. Lei finge di collassare su un divano. "Trascorro il mio pomeriggio in questo modo".

 

 

 


Fonte: Jennifer Yang in Toronto Star (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Pensaci: tenere attivo il cervello può ritardare l'Alzheimer di 5 anni

21.07.2021

Mantenere il cervello attivo in vecchiaia è sempre stata un'idea intelligente, ma un nu...

Interleuchina3: la molecola di segnalazione che può prevenire l'Alzheimer

20.07.2021

Una nuova ricerca su esseri umani e topi ha identificato una particolare molecola di seg...

Scoperta inaspettata: proteine infiammatorie possono rallentare il declino cog…

5.07.2021

Finora la ricerca aveva collegato l'infiammazione al morbo di Alzheimer (MA), però scie...

Puoi distinguere il delirium dalla demenza? È solo questione di tempi

17.06.2021

Quante volte hai sentito qualcuno esclamare "Tu deliri!" o "Sei un demente!", nell'incre...

Livelli di ossigeno nel sangue potrebbero spiegare perché la perdita di memor…

9.06.2021

Per la prima volta al mondo, scienziati dell'Università del Sussex hanno registrato i l...

Dosi basse di radiazioni possono migliorare la qualità di vita nell'Alzheimer…

6.05.2021

Individui con morbo di Alzheimer (MA) grave hanno mostrato notevoli miglioramenti nel co...

L'Alzheimer è composto da quattro sottotipi distinti

4.05.2021

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato dall'accumulo anomale e dalla diffusione de...

Un nuovo modello per l'Alzheimer: fenotipi di minaccia, stati di difesa e meta…

23.04.2021

Che dire se avessimo concettualizzato erroneamente, o almeno in modo incompleto, il morb...

Nuovo sensore nel cervello offre risposte all'Alzheimer

12.03.2021

Scienziati della Università della Virginia (UVA) hanno sviluppato uno strumento per mon...

Nuova teoria sulla formazione dei ricordi nel cervello

9.03.2021

Una ricerca eseguita all'Università del Kent ha portato allo sviluppo della teoria Mesh...

Nuovo farmaco previene le placche amiloidi, un segno specifico di Alzheimer

8.03.2021

Le placche di amiloide sono caratteristiche patologiche del morbo di Alzheimer (MA): son...

Variante della proteina che causa l'Alzheimer protegge dalla malattia

15.02.2021

Le scoperte di un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA), guidato da ricercatori dell...

Che speranza hai dopo la diagnosi di Alzheimer?

25.01.2021

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia che cambia davvero la vita, non solo per la p...

Il gas da uova marce potrebbe proteggere dall'Alzheimer

15.01.2021

La reputazione dell'[[acido solfidrico]] (o idrogeno solforato), di solito considerato v...

4 Benefici segreti di un minuto di esercizio al giorno

29.12.2020

Conosci tutti gli effetti positivi dell'esercizio fisico sul tuo corpo e sulla tua mente...

Il ruolo sorprendente delle cellule immunitarie del cervello

21.12.2020

Una parte importante del sistema immunitario del cervello, le cellule chiamate microglia...

Come rimodellare con le arti l'assistenza alla demenza

14.12.2020

Da bambina, Anne Basting è andata a trovare la nonna nella casa di riposo. 'Impressionante' è l...

Rete nascosta di enzimi responsabile della perdita di sinapsi nell'Alzheimer

8.12.2020

Un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA) eseguito da scienziati dello Scripps Researc...

La lunga strada verso la demenza inizia con piccoli 'semi' di aggregazione

20.11.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) si sviluppa nel corso di decenni. Inizia con una reazione a c...

Come vivere in modo sicuro con la demenza a casa tua

12.11.2020

C'è un malinteso comune che la persona con una diagnosi di demenza perde la sua indipen...

LipiDiDiet trova effetti ampi e duraturi da intervento nutrizionale all'inizio…

9.11.2020

Attualmente non esiste una cura nota per la demenza, e le terapie farmacologiche esisten...

Paesi asiatici assistono gli anziani in modo diverso: ecco cosa possiamo impar…

28.10.2020

A differenza dei paesi occidentali, le culture tradizionali asiatiche mettono un forte a...

Fruttosio prodotto nel cervello può essere un meccanismo che guida l'Alzheime…

29.09.2020

Una nuova ricerca rilasciata dalla University of Colorado propone che il morbo di Alzhei...

Proteine grumose induriscono i capillari del cervello: nuovo fattore di rischi…

11.09.2020

I depositi di una proteina chiamata 'Medin', che è presente in quasi tutti gli anziani...

Come dormiamo oggi può prevedere quando inizia l'Alzheimer

8.09.2020

Cosa faresti se sapessi quanto tempo hai prima che insorga il morbo di Alzheimer (MA)? N...

IFITM3: la proteina all'origine della formazione di placche nell'Alzheimer

4.09.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia neurodegenerativa caratterizzata dall'accumul...

Perché le cadute sono così comuni nell'Alzheimer e nelle altre demenze?

4.09.2020

Le cadute hanno cause mediche o ambientali

Una volta che si considerano tutte le divers...

Laser a infrarossi distrugge le placche di amiloide nell'Alzheimer

7.08.2020

L'aggregazione di proteine ​​in strutture chiamate 'placche amiloidi' è una caratte...

Perché è importante la diagnosi precoce di demenza?

31.07.2020

Vedere problemi di memoria nel tuo caro anziano può essere davvero spaventoso. Magari n...

Tre modi per smettere di preoccuparti

29.07.2020

Sai di essere una persona apprensiva se ti identifichi con Flounder in La Sirenetta<...

I dieci fattori legati a un aumento del rischio di Alzheimer

27.07.2020

Anche se non c'è ancora alcuna cura, i ricercatori stanno continuando a migliorare la c...

Smetti di chiederti se sei un bravo caregiver

3.07.2020

Amare e prendersi cura di qualcuno con demenza può essere difficile. Forse, è una dell...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua carrier...

Relazioni personali ricche migliorano il funzionamento del cervello

22.06.2020

Come interagiscono gli individui, come si percepiscono uno con l'altro, e i pensieri e i...

Identificata nuova forma di Alzheimer ad esordio molto precoce

16.06.2020

Ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer (MA) che co...

Scoperta importante sull'Alzheimer: neuroni che inducono rumore 'coprono' i ri…

11.06.2020

I neuroni che sono responsabili di nuove esperienze interferiscono con i segnali dei neu...

Falsi miti: perché le persone sono così pessimiste sulla vecchiaia?

4.06.2020

Non smettiamo di giocare perché invecchiamo, ma invecchiamo perché smettiamo di gi...

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie…

28.05.2020

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e pe...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l…

26.05.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del ...

Il nuovo collegamento tra Alzheimer e inquinamento dell'aria

13.05.2020

Il mio primo giorno a Città del Messico è stato duro. Lo smog era così fitto che, men...

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di…

6.05.2020

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cos...

Sempre più giovani con Alzheimer e demenza: colpa delle tossine ambientali, m…

6.05.2020

È abbastanza straziante quando le persone anziane sviluppano condizioni di perdita di m...

5 tipi di ricerca, sottostudiati al momento, potrebbero darci trattamenti per …

27.04.2020

Nessun ostacolo fondamentale ci impedisce di sviluppare un trattamento efficace per il m...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo da zero

17.04.2020

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrionale, secon...

Cosa rimane del sé dopo che la memoria se n'è andata?

7.04.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria. Nell...

Convalidare il sentimento aiuta meglio di criticare o sminuire

30.03.2020

Sostenere i tuoi amici e la famiglia può aiutarli a superare questi tempi di incertezza...

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Tutti gli articoli da non perdere