Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

"Ho 46 anni e ho l'Alzheimer", la storia di James Smith

Questa è una storia di James Smith. L'articolo che accompagna il video (ndr: usa link alla fine dell'articolo per andare al video) è stato scritto nelle sue stesse parole. A James è stata diagnosticata la malattia di Alzheimer dalla Mayo Clinic nel 2005.

Video e articolo sono pieni di informazioni importanti che ogni famiglia e persona che è stata toccata dalla malattia di Alzheimer deve sapere e capire. James descrive molti dei cambiamenti che stava vivendo quando lui e la sua famiglia si resero conto che era affetto da Alzheimer, e di come siano state escluse tutte le altre spiegazioni possibili sui cambiamenti di memoria e comportamento.

L'articolo include una descrizione dettagliata del processo di diagnosi e di test a cui è stato sottoposto alla Mayo Clinic.


Smith family

Ciao, mi chiamo James Smith, ho 46 anni, sono sposato da 22 anni, padre di due figlie in età universitaria. E ho l'Alzheimer ad esordio precoce.

Nell'estate del 2004, eravamo una tipica famiglia del Midwest. Le nostre figlie gemelle si stavano preparando per il loro ultimo anno di liceo, ed eravamo già alla ricerca dell'università. Lavoravo come Direttore servizi informatici per una delle prime 100 società della classifica Fortune Global 100. Le cose stavano andando bene - ero stato recentemente avvicinato da un Vice Presidente della società in fase di pensionamento, che ha suggerito che sarei stato un buon successore nel suo ruolo, e stavo attivamente curando quella posizione. Parte del processo di crescita comportava l'assumere un ruolo in una nuova divisione della società con maggiore responsabilità e ampiezza di compiti. Era impegnativo e con molto lavoro, ma anche stimolante ed emozionante.

Dal momento che le nostre ragazze sarebbe partite per il college nello stesso momento, lasciandoci così nel nostro "nido vuoto", stavamo iniziando a pianificare alcune delle cose che volevamo fare insieme, una volta che erano partite. Mia moglie e le figlie erano sempre state molto insieme, e crescerle era stato il centro della nostra vita negli ultimi 17 anni. Così sapevo che sarebbe stato importante rimanere impegnati per aiutare ad ammorbidire lo shock di vederle partire entrambe contemporaneamente. Quando sono in casa, è viva con rumore ed energia. Quando se ne sono andate, puoi letteralmente sentire il ticchettio degli orologi.

Con l'inizio dell'autunno 2004, ho cominciato a notare diversi cambiamenti che stavano avvenendo. Mi era successo di dimenticare cose in precedenza nel corso dell'anno, ma ha iniziato a peggiorare. Stavo cominciando a dimenticare un sacco di cose - a caso. Per esempio, se stavo lavorando su qualcosa, e mi voltavo per parlare con qualcuno, o rispondere al telefono, la cosa su cui stavo lavorando semplicemente "cessava di esistere". Quando finivo tale attività, dimenticavo anche che stavo lavorando, e non riuscivo a ricordare quello che stavo facendo. Cominciai a dimenticare le riunioni, e ho iniziato ad avere difficoltà a gestire la mia agenda.

Se riesci a immaginare la tua mente come una scrivania, era come se qualcuno si fermasse di tanto in tanto prendendo pezzi di carta a caso dalla scrivania senza la tua conoscenza. Se ne sono appena andati, e tu non ricordi che siano mai stati lì. In un primo momento pensi che sei tu, e poi a un certo punto ti rendi conto che qualcos'altro sta succedendo. Nel tempo, sempre più "pagine" cominciavano a sparire.

La mia capacità di seguire diversi compiti contemporaneamente è crollata, e questo era estremamente preoccupante, perchè in un qualsiasi momento avevo 15 - 30 progetti principali in corso. Il tempo ha cominciato a non avere alcun significato - un'ora e un minuto sembravano lo stesso. Inoltre, ho cominciato ad avere problemi a dormire una notte intera. Dopo le cose sono andate sempre peggio, ho capito che avevo bisogno di capire cosa stava succedendo, così sono andato dal medico.

I miei medici inizialmente diagnosticarono una possibile depressione. Ho accettato la diagnosi, e cominciai a prendere le medicine prescritte. I farmaci non hanno modificato i sintomi, anche dopo diversi mesi. Inoltre, i medici hanno notato che non sembravo mostrare gli altri segni della depressione.

Entrando nell'inverno, le cose continuarono a peggiorare. Ho cominciato a capire che rischiavo di fare qualche grave errore sul lavoro. Proprio come un pilota di aereo ha il dovere di informare qualcuno e abbandonare i controlli se si sente non più in grado di condurre in modo sicuro l'aereo, sentivo il dovere di fare altrettanto nel mio lavoro. L'ho comunicato al mio capo, e abbiamo concordato una breve assenza dal lavoro a partire dal primo dell'anno. Questo era nel gennaio del 2005.

Durante l'assenza, ho continuato a lavorare con i dottori, cambiando farmaci e dosaggi - sempre nell'ipotesi che il problema di fondo fosse la depressione. Ho provato a tornare al lavoro dopo questo primo congedo breve, ma avevo ancora gli stessi sintomi, così ho esteso il congedo di un altro mese e mezzo. Mi sono confidato pienamente con i miei superiori e collaboratori e la società, a sua volta, è stata estremamente comprensiva durante tutto questo.

Mentre tutto questo stava accadendo sul lavoro, le mie figlie si stavano preparando per diplomarsi alle superiori. Entrambe andavano molto bene, classificate prima e terza nella loro classe. Ci stavamo preparando per la promozione, il diploma, e le altre celebrazioni. Mi sono sentito male durante questo tempo, perché avevo a casa gli stessi problemi che mi affliggevano al lavoro. Così, la maggior parte del lavoro e la preparazione di tutti questi eventi sono ricaduti su mia moglie. Questo è stato l'inizio di un momento molto difficile per lei, ed sarebbe diventato peggiore.

Durante l'estate, dopo aver invano cercanto di tornare al lavoro una seconda volta, il mio superiore ha creato una posizione speciale con responsabilità molto minori e ampiezza di compiti. Era qualcosa che prima avrei potuto fare con una mano legata dietro la schiena. Ho provato di nuovo a tornare in questo nuovo ruolo, e ancora una volta non ci sono riuscito. In effetti, i sintomi cominciarono a peggiorare. Poi in qualche momento di luglio 2005, ho avuto una battuta d'arresto. La mia andatura è cambiata notevolmente, e sono diventato molto instabile. Inoltre, la mia parlata è peggiorata. Ero ignaro di tutto questo, ma la mia famiglia si è spaventata, e mi hanno portato ancora dai medici.

E così sono iniziati i test ... Mi sono preso il terzo congedo dal lavoro, in ultima analisi quello finale, quello da cui non sarei mai ritornato. I test sono continuati nel corso dei sucesivi sei mesi, prima all'Università del Minnesota, e successivamente alla Mayo Clinic. I test comprendevano:

  • Test completo del sangue e delle urine
  • Prelievo spinale (e trasfusioni di sangue per correggere le perdite relative)
  • Risonanza Magnetica
  • Esami neurologici
  • Test equilibrio e andatura
  • Esami neuropsicologici
  • Altri esami neurologici
  • Altri prelievi spinali
  • Altri test del sangue
  • Una PET (Positron Emission Tomography - molto high-tech).

La fase di test ha avuto luogo per il resto dell'estate, autunno e inverno 2005. Nel settembre dello stesso anno, abbiamo portato le nostre figlie a Chicago per iniziare il loro primo anno di università. Questo è stato un periodo estremamente difficile per mia moglie. Non solo doveva gestire il trasloco di entrambe le figlie contemporaneamente, doveva anche affrontare l'incertezza di quello che stava accadendo a suo marito e compagno di vita per 21 anni. Noi non sapevamo ancora che cosa stava realmente avvenendo in quel momento.

Il processo diagnostico è un processo di eliminazione e di esclusione. Si inizia con una pila enorme di "rocce" - ognuna delle quali rappresenta una causa potenziale per la costellazione dei sintomi presentati. Attraverso i vari test, quindi si inizia a eliminare le rocce dalla pila, una per una. Ad esempio, attraverso l'esame del sangue, sono stati in grado di escludere l'avvelenamento da rame o da metalli pesanti, la malattia di Lyme, ecc ... La MRI ha escluso cose come tumori, ictus, ecc ... E' cominciato ad essere chiaro verso la fine dei test che, attraverso il processo di eliminazione, non c'erano molte rocce rimaste sulla pila. E nessuna di quelle rimaste era molto buona.

Nel dicembre del 2005, siamo tornati alla Clinica Mayo per una consultazione con il nostro neurologo. A questo punto noi, o almeno io, già sospettavo cosa avremmo sentito. Ha fatto dei test di controllo preliminare, e poi ci ha detto la sua conclusione - è Alzheimer. Mia moglie scoppiò in lacrime, e anche se me lo aspettavo - ero stordito.

Mia moglie ha cominciato a fare domande, mettendo in dubbio la diagnosi. Come poteva essere sicuro? Non ero troppo giovane per avere l'Alzheimer? C'era un rischio per le nostre ragazze? Il neurologo ha spiegato con calma che a questo punto, l'Alzheimer era l'unica roccia rimasta sul tavolo. Ha detto che, sebbene l'Alzheimer ad insorgenza precoce sia relativamente rara, non lo è come si pensa. Ha detto di aver visto persone sulla trentina con la malattia.

Abbiamo chiesto circa la possibilità di studi clinici, e ha detto che, purtroppo, non vi erano studi clinici per l'Alzheimer che ammettessero pazienti di età inferiore ai 50 anni. Egli ha spiegato che c'erano farmaci disponibili in grado di contribuire ad aumentare la funzionalità nella prime/medie fasi della malattia, ma che purtroppo non avrebbero modificato la progressione di fondo o la tempistica della malattia.

Credo di aver chiesto quante persone muoiono della malattia, e ha spiegato che al momento, l'Alzheimer è fatale nel 100% dei casi. Le persone più anziane (65 anni in su), spesso muoiono di qualcosa d'altro prima che la malattia dispieghi interamente i suoi effetti. Ha spiegato che la linea temporale della malattia potrebbero andare da 5 a forse anche 20 anni - a seconda del tasso di progressione. Dovremo solo aspettare e vedere. Ho dato il mio consenso a prendere un campione di sangue per i test genetici che stabiliscono se le nostre figlie sono a rischio per la malattia. Poi ha scritto una ricetta per l'Aricept, e ha detto che avrebbe voluto vedermi di nuovo tra un anno.

Entrambi sapevamo quello che era rimasto non detto quel giorno. Avevamo visto soccombere la madre di mia moglie per Alzheimer, e abbiamo conosciuto le devastazioni della malattia perpetrate sulla mente di quelli che ne erano afflitti. Era come guardare la morte al rallentatore, con un pezzo molto piccolo della persona rimosso ogni giorno. Ho un sensazione, che quando qualcuno muore di Alzheimer muore mille morti, e ogni perdita di funzionalità o di capacità porta un nuovo ciclo di dolore. Alla fine, la morte è spesso un sollievo benvenuto. E avevamo appena scoperto che questo era ciò che ci attendeva.

Era una fredda notte di grigio inverno, e il viaggio di ritorno da Rochester a Twin Cities era tranquillo, a volte punteggiato da una breve conversazione e lacrime. Mia moglie è una ottimista, e ha detto che fino a quando il neurologo ha detto la parola "Alzheimer", ha continuato a sperare che fosse qualcos'altro. Ha appena lottato per venire a patti con la finalità della diagnosi e tutto ciò che essa implicava. Per la maggior parte del tempo, ero semplicemente intontito.

Quando le nostre figlie tornarono a casa per la pausa invernale, abbiamo incontrato il neuropsicologo perchè ci aiutasse a dire loro le novità e rispondere alle loro domande. Anche esse hanno lottato con la diagnosi, e c'è voluto un po' perchè la realtà fosse accettata. Ho cercato di sottolineare che la cosa più importante che potessero fare per me era continuare a concentrarsi sugli studi, e non lasciare che questo problema le facesse deragliare a scuola. Una delle maggiori incognite, a questo punto era se fossero state geneticamente a rischio per la malattia, perchè i biomarcatori per molti tipi di Insorgenza precoce di Alzheimer possono essere trasmessi geneticamente. Un mese dopo, abbiamo scoperto che le ragazze non erano a rischio, e tutti noi abbiamo pianto di nuovo - questa volta in sollievo.

Dopo che le nostre figlie sono tornate a scuola, abbiamo cominciato a fare sul serio con tutte i problemi "amministrativi" che abbiamo ora di fronte. A gennaio, ho fatto domanda per le indennità della mia invalidità a lungo termine. Questo si rivelò essere un processo lungo due mesi, visto che non ho ricevuto effettivamente il primo assegno fino alla fine di marzo. Ho anche iniziato il processo di richiesta della dichiarazione di Disabilità della Sicurezza Sociale, un requisito per continuare ad ottenere l'indennità di invalidità. La domanda alla Sicurezza Sociale richiede molto più tempo - nel mio caso circa sei mesi. Ho ricevuto l'approvazione dell'indennità della Social Security, nel settembre del 2006. La documentazione coinvolta in entrambi i processi è incredibile, anche per chi non ha l'Alzheimer. Per una persona con la malattia, è opprimente.

Inoltre, abbiamo lavorato con il nostro consulente finanziario e legale per aggiornare le nostre volontà, messo in atto le Advance Medical Directives (decisioni sul termine di vita), e progettato ed eseguito il mandato di rappresentanza legale durevole (mandato a gestire i beni). Il nostro intero mondo finanziario è stato capovolto. La mia assicurazione sulla vita era attraverso la mia azienda, e sin dal primo congedo di malattia sono diventato non assicurabile. Io ora non posso beneficiare di assicurazione di cura a lungo termine, e tuttavia è ormai quasi certo che avrò bisogno di assistenza a lungo termine a un certo punto. Era importante sistemare il maggior numero di queste cose mentre io potevo ancora contribuire alla soluzione, altrimenti sapevo che mia moglie le avrebbe dovute affronare da sola. Dire che non l'avremmo mai immaginato sarebbe un eufemismo. Non era nemmeno ai margini esterni del nostro schermo radar.

Siamo passati attraverso periodi di tristezza incredibile, nei primi mesi del 2006. Ad un certo punto, ho cominciato a sentire questo forte senso di "tempo rimasto". Sono arrivato alla conclusione che ogni minuto, ogni ora che abbiamo passato tristi, arrabbiati, frustrati e ingannati era tempo a cui stavamo rinunciando in favore della malattia. Era tempo che potevamo utilizzare per fare le cose che avremmo voluto fare, e tempo da passare insieme in modo più positivo. Inoltre, l'Aricept ha iniziato a fare effetto, e a fare una vera differenza.

Alcuni giorni mi sento quasi normale, anche se cerco duramente di non paragonare le cose a come erano prima. Questa è solo una ricetta per la tristezza e la perdita. Invece lavoro molto per concentrarmi su ciò che posso controllare, e quello che posso fare oggi. Ho sostenuto un esame intensivo di guida attraverso il Courage Center, e l'ho superato, così posso ancora guidare. Non guido molto però, e di solito è solo in loco.

C'è stata una donna che viveva a pochi chilometri da noi con l'Insorgenza precoce di Alzheimer che ha lasciato casa per prendere qualcuno all'aeroporto. Ha perso la strada, ed è finita in Wyoming, due giorni dopo - in un piccolo burrone a circa 30 metri dalla sua auto. Si pensa che abbia solo dimenticato dove stava andando, e poi si è persa. Ha guidato fino a quando è finita in una remota strada di ghiaia nel Wyoming nel bel mezzo della notte, e poi è uscita cercando di camminare. Non riusciva a vedere dove stava andando, è caduta nel burrone, e non è riuscita a venire fuori. E' difficile immaginare la confusione e la paura che deve aver provato durante quelle ultime ore. Io uso un GPS ora quando guido da solo, ma lei è sempre nella mia mente.

Ora, a due anni da quando tutto è cominciato, le ragazze sono a scuola di nuovo, ed è incredibilmente tranquillo e silenzionso in casa dopo che mia moglie parte per il lavoro. È davvero possibile ascoltare il battito degli orologi. Io lavoro per trovare il modo di tenermi occupato, e devo solo gestire le mie aspettative su quello che ho da compiere ogni giorno. Una delle cose più difficili da affrontare è l'inefficienza personale che questa malattia porta con sé. Più lavori contemporeneamente non sono possibili. Perdo sempre le cose, anche in casa, e dimentico sempre ciò che stavo per fare. Mi sento abbastanza bene nel "qui ed ora", è il "ieri" e "solo un minuto fa" con i quali non vado così bene.  Credo che sia solo parte del gioco.

James James

Fonte AlzInfo e MSNBC. Via Alzheimer's Reading Room, 14 gennaio 2011

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...