Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

L'Alzheimer è una malattia cerebrale? Nuova teoria suggerisce che è una condizione autoimmune.

PET Scans AD Vs Normal Aging

La ricerca di una cura per il morbo di Alzheimer sta diventando sempre più competitiva e controversa e negli ultimi anni abbiamo assistito a diverse controversie importanti.


Nel luglio 2022, la rivista Science ha riferito che un documento di ricerca chiave del 2006, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature, che identificava un sottotipo di proteina cerebrale chiamata amiloide-beta (Aβ) come causa del MA, potrebbe essere stato basato su dati fabbricati.


Un anno prima, nel giugno 2021, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti aveva approvato l'aducanumab, un farmaco anticorpo che puntava l'Aβ, come trattamento per il MA, anche se i dati a sostegno del suo uso erano incompleti e contraddittori. Alcuni medici credono che l'aducanumab non avrebbe mai dovuto essere approvato, mentre altri sostengono che dovrebbe avere una possibilità.


Con milioni di persone che necessitano di un trattamento efficace, perché i ricercatori stanno ancora armeggiando in questa ricerca di una cura per quella che è probabilmente una delle malattie più importanti di fronte all'umanità?

 

Fuggire dalla routine amiloide-beta

Per anni, gli scienziati si sono concentrati sul tentativo di elaborare nuovi trattamenti per il MA impedendo la formazione di ciuffi dannosi per il cervello di questa misteriosa proteina chiamata Aβ. In effetti, noi scienziati ci siamo probabilmente messi in un po' in un solco intellettuale che si concentra quasi esclusivamente su questo approccio, trascurando spesso o persino ignorando altre possibili spiegazioni.


Purtroppo, questa dedizione allo studio dei gruppi di proteine ​​anormali non si è tradotta in un farmaco o una terapia utili. La necessità di un nuovo modo di pensare al MA 'fuori dal gruppo' sta emergendo come una priorità assoluta nella scienza del cervello.


Il mio laboratorio al Krembil Brain Institute, che fa parte della rete sanitaria dell'Università di Toronto, sta elaborando una nuova teoria del MA. Sulla base degli ultimi 30 anni della nostra ricerca, non pensiamo più al MA come principalmente a una malattia del cervello. Piuttosto, crediamo che sia principalmente un disturbo del sistema immunitario all'interno del cervello.


Il sistema immunitario, presente in ogni organo del corpo, è un insieme di cellule e molecole che lavorano in armonia per aiutare a riparare le lesioni e proteggere dagli invasori stranieri. Quando una persona inciampa e cade, il sistema immunitario aiuta a riparare i tessuti danneggiati. Quando qualcuno subisce un'infezione virale o batterica, il sistema immunitario aiuta a lottare contro questi invasori microbici.


Gli stessi identici processi sono presenti nel cervello. Quando c'è un trauma cranico, il sistema immunitario del cervello entra in gioco per aiutare a ripararlo. Quando i batteri entrano nel cervello, il sistema immunitario è lì per reagire.

 

Alzheimer come malattia autoimmune

Riteniamo che l'Aβ non sia una proteina prodotta anormalmente, ma piuttosto una molecola presente di norma che fa parte del sistema immunitario del cervello. Dovrebbe essere lì. Quando si verifica il trauma cerebrale o quando i batteri sono presenti nel cervello, l'Aβ contribuisce in modo cruciale alla risposta immunitaria completa del cervello. Ed è qui che inizia il problema.


A causa delle sorprendenti somiglianze tra le molecole di grasso che compongono sia le membrane dei batteri che le membrane delle cellule cerebrali, l'Aβ non può capire la differenza tra i batteri invasori e le cellule cerebrali ospiti e attacca erroneamente proprio le cellule cerebrali che dovrebbe proteggere.


Ciò porta a una perdita cronica e progressiva della funzione delle cellule cerebrali, che alla fine culmina nella demenza, tutto perché il sistema immunitario del nostro corpo non può distinguere tra batteri e cellule cerebrali.


Se considerato un attacco erroneamente indirizzato da parte del sistema immunitario del cervello sull'organo stesso che si suppone stia difendendo, il MA emerge come una malattia autoimmune. Esistono molti tipi di malattie autoimmuni, come l'artrite reumatoide, in cui gli autoanticorpi svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo della malattia e per i quali le terapie a base di steroidi possono essere efficaci. Ma queste terapie non funzionano contro il MA.


Il cervello è un organo molto speciale e specifico, riconosciuto come la struttura più complessa dell'universo. Nel nostro modello di MA, l'Aβ aiuta a proteggere e rafforzare il sistema immunitario, ma sfortunatamente, svolge anche un ruolo centrale nel processo autoimmune che, riteniamo, potrebbe portare allo sviluppo di MA.


Sebbene i farmaci convenzionalmente usati nel trattamento delle malattie autoimmuni potrebbero non funzionare contro il MA, crediamo fermamente che puntare altri percorsi immunitari nel cervello ci porterà a nuovi ed efficaci approcci terapeutici per la malattia.

 

Altre teorie della malattia

Oltre a questa teoria autoimmune del MA, stanno iniziando a comparire molte altre teorie nuove e varie. Ad esempio, alcuni scienziati credono che il MA sia una malattia delle piccole strutture cellulari chiamate mitocondri, le fabbriche energetiche in ogni cellula cerebrale. I mitocondri convertono l'ossigeno dall'aria che respiriamo e il glucosio dal cibo che mangiamo nell'energia richiesta per ricordare e pensare.


Alcuni sostengono che è il risultato finale di una particolare infezione cerebrale, e i batteri della bocca spesso sono considerati i colpevoli. Altri ancora suggeriscono che la malattia può derivare da una gestione anormale dei metalli all'interno del cervello, forse zinco, rame o ferro.


È gratificante vedere un nuovo pensiero su questa secolare malattia. La demenza attualmente colpisce oltre 50 milioni di persone in tutto il mondo, una nuova diagnosi è fatta ogni tre secondi. Spesso, le persone con la malattia non sono in grado di riconoscere i propri figli o addirittura il coniuge di oltre 50 anni.


Il MA è una crisi di salute pubblica che necessita di idee innovative e nuove direzioni. Per il benessere delle persone e delle famiglie che vivono con demenza e per l'impatto socioeconomico sul nostro sistema sanitario già stressato che affronta i costi e le esigenze in continua evoluzione della demenza, abbiamo bisogno di capire meglio il MA, le sue cause, e cosa possiamo fare per trattarlo e aiutare le persone e le famiglie che ci convivono.

 

 

 


Fonte: Donald Weaver, prof. di chimica e direttore del Krembil Research Institute all'Università di Toronto

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.