Iscriviti alla newsletter

5 Cause poco conosciute, e quasi dimenticate, di Alzheimer

5 Cause poco conosciute, e quasi dimenticate, di ADL'Alzheimer può essere una malattia estremamente debilitante, e milioni di americani ne sono affetti ogni anno. Decenni di ricerche hanno dimostrato che è l'accumulo di proteine ​​tossiche nel cervello (amiloide-beta e tau) a portare al morbo. Una cosa meno chiara sono i fattori che inducono queste proteine ​​ad accumularsi. Studi recenti però hanno cominciato a spiegare il processo, rivelando nuove possibili cause della malattia.

 

1. Farmaci anti-ansia

La classe di farmaci delle benzodiazepine è spesso usata per il trattamento di disturbi come l'ansia e l'insonnia. Essi comprendono farmaci popolari come il lorazepam (Ativan), l'alprazolam (Xanax) e il clonazepam (Klonopin). Vengono rivelati sempre più rischi per la salute ed effetti collaterali provocati da questi farmaci. Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha seguito 1.796 canadesi con Alzheimer e 7.184 controlli sani per un periodo di sei anni. Essi hanno scoperto che l'assunzione di questi farmaci per più di tre mesi, è associata ad un aumento fino al 51% dell'Alzheimer.

2. Trauma cerebrale

Si stima che 300.000 americani subiscano un trauma cranico legato allo sport ogni anno. Ci sono molte complicazioni che possono venire da una ferita alla testa, e l'aumento del rischio di Alzheimer è ora riconosciuto come uno di loro. Anche se alcuni recuperano in pieno, altri potrebbero sperimentare problemi legati all'infiammazione che aiuta a guarire il tessuto cerebrale danneggiato. Se l'infiammazione diventa cronica, le cellule del cervello hanno meno probabilità di eliminare l'amiloide-beta dal cervello. L'accumulo di questa proteina nel cervello è una causa nota di Alzheimer.

3. Privazione del sonno

Il tentativo di destreggiarsi tra scuola, lavoro, attività, amici, familiari e altri hobby e responsabilità extra curriculari fa sì che molte persone si privino ​​del sonno. La privazione del sonno può causare sonnolenza, irritabilità e minore concentrazione, ma può anche accelerare lo sviluppo dell' Alzheimer. Uno studio pubblicato sulla rivista Neurobiology of Aging ha dimostrato che i problemi del sonno sono comuni nelle persone con Alzheimer. La privazione cronica del sonno stressa corpo e cervello, e può portare a gravi problemi di salute.

4. Solitudine

Uno studio pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery, and Psychiatry ha trovato legami tra la solitudine e lo sviluppo della demenza. Nello studio di tre anni, i ricercatori hanno scoperto che gli adulti che si sentivano soli avevano una probabilità 1,63 volte maggiore di sviluppare la demenza. La causa e l'effetto esatti del legame è ancora in fase di studio, ma i ricercatori suggeriscono di restare collegati ad altri.

5. Diabete Tipo 3

Il neuroscienziato Suzanne de la Monte MD, della Brown University, ritiene che l'Alzheimer sia una malattia metabolica che colpisce il cervello. Lei chiama l'Alzheimer un "diabete di tipo 3". La sua ricerca l'ha portata a credere che le cellule del cervello sviluppano resistenza all'insulina, proprio come le altre cellule del corpo. "Ogni organo può essere influenzato dall'insulino-resistenza", ha detto. "Se avviene nel cervello, lo chiamiamo Morbo di Alzheimer".

 

Prevenzione

Una vita sana, con cibi corretti e attività continue, può aiutare a mantenere la mente acuta e il corpo forte. Non si conosce ancora nessuna "cura" per l'Alzheimer, ma ci sono prove che l'olio di cocco può contribuire a migliorare i sintomi o addirittura a invertirla. Per rimanere in buona salute, evitare di fumare, adottare una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura, e prendersi cura della propria salute mentale. Anche gli esercizi per la mente, come i cruciverba o i giochi per la memoria, possono aiutare a mantenere la mente attiva!

 

Le 10 migliori strategie per prevenire l'Alzheimer, secondo il dott. James Meschino (in inglese, con sottotitoli tradotti dal computer anche in Italiano- cliccare sull'icona 'ruota dentata', e poi su 'Subtitles', e scegliere la lingua italiana):

 

 


Fonte: Lindsey Shaffer in David Wolfe / Family Health Freedom Network (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il rischio...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli o...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.