Iscriviti alla newsletter

Contare le pecore sbagliate: problemi di sonno non riguardano solo stile di vita e abitudini

woman not sleeping iStock

Dormire può sembrare semplice, dopo tutto lo facciamo tutti. Ma come molti di noi sanno, dormire a sufficienza non è sempre un compito semplice, nonostante ciò che potresti leggere nei media. «Come dormire 'correttamente'» è un argomento preferito degli articoli di auto-aiuto, con titoli come "Consigli degli esperti per dormire bene la notte qualunque sia la tua età" che promettono la risposta ai tuoi risvegli notturni.


Le persone anziane costituiscono in genere il pubblico di questi messaggi. La nostra analisi degli articoli pubblicati nei media della Nuova Zelanda tra il 2018 e il 2021 ha scoperto che il sonno è presentato come inevitabilmente in calo con l'età.


Allo stesso tempo, il sonno è ritratto come una cura per tutto: una buona notte di sonno è dipinta come un modo per mantenere la produttività, allontanare la malattia e la demenza e alla fine vivere più a lungo. Ma la maggior parte di questi articoli è rivolta all'individuo e a cosa può fare per migliorare il suo sonno. Spesso manca qualsiasi riferimento ai fattori esterni che possono contribuire al sonno scadente.

 

Scelta personale e sonno

Un messaggio chiave in molti degli articoli che abbiamo esaminato è che il sonno è una semplice questione di fare le scelte giuste. Quindi, se non dormi abbastanza, probabilmente è colpa tua. Le persone sono indottrinate sulla scarsa 'igiene del sonno': stare alzati troppo tardi guardando il proprio telefono, bere troppe tazze di caffè o non fare abbastanza esercizio durante il giorno.


Ed è vero, bere troppa caffeina o fissare uno schermo alle ore piccole potrebbe interferire con il sonno. È anche vero che il buon sonno è importante per una buona salute. Ma le cose sono più complicate di così. Come sa chiunque abbia lottato per mantenere un buon sonno, i semplici suggerimenti non superano sempre le complesse situazioni che contribuiscono a queste lotte.

 

Svegli per altri fattori

Il buon sonno non è solo una questione di 'fare le scelte giuste'. A livello internazionale, c'è un corpo crescente di ricerche che dimostrano che il sonno è influenzato da molto più del comportamento individuale: è spesso modellato dalle circostanze sociali ed economiche di una persona.


La ricerca fatta in Nuova Zelanda aumenta questo insieme di conoscenze. Uno studio, basato sui risultati di un sondaggio su poco più di 4.000 persone, ha riscontrato che il sonno insufficiente era più comune tra i Māori rispetto ai non Māori, in parte a causa di tassi più elevati di lavoro notturno.


La ricerca internazionale ha anche scoperto che le donne hanno maggiori probabilità di sperimentare insonnia a causa dei loro ruoli di cura. Uno studio USA ha trovato che i caregiver non retribuiti per bambini o genitori (o entrambi) hanno riferito una quantità più breve e una qualità più scarsa di sonno rispetto ai caregiver a pagamento o alle persone senza tali ruoli. Un sondaggio condotto su 526 caregiver in Nuova Zelanda ha mostrato che due terzi riferiscono disturbi del sonno lievi o gravi.


Sappiamo anche che la mancanza di sonno è legata a malattie gravi, che includono diabete e malattie cardiache. La durata del sonno e la qualità sono state identificate come predittori di livelli di emoglobina A1c, un importante marcatore del controllo della glicemia. E si è trovato che ipertensione, ictus, malattia coronarica e battiti cardiaci irregolari sono più comuni tra quelli con sonno disordinato rispetto a quelli senza anomalie del sonno.


Il mancato riconoscimento del contesto sociale del sonno scadente significa che i messaggi del sonno nei media ignorano le cause fondamentali a favore dell'illusione di una soluzione rapida.

 

La mercificazione del sonno

Il sonno è anche sempre più caratterizzato come merce, con un mercato in crescita per i prodotti - come i tracciatori del sonno - che affermano di aiutare a migliorarne la qualità. I tracciatori del sonno promettono di misurare e migliorare le prestazioni del sonno. Tuttavia, la loro affidabilità può essere limitata: uno studio ha scoperto che il tracciatore testato non ha rilevato accuratamente il sonno, in particolare negli anziani che avevano livelli maggiori di movimenti notturni.


Inquadrare i problemi di salute pubblica come questioni di scelta personale è comune. I consumi di alcol e cibo spazzatura, ad esempio, sono regolarmente presentati come questioni di responsabilità individuale e cattive scelte personali. Il ruolo del marketing e l'accesso a cibo sano riceve molta meno attenzione.


Naturalmente, semplici consigli per dormire bene possono essere utili per alcune persone. Ma ignorare i fattori sociali ed economici sottostanti che modellano le possibilità di un buon sonno non permette di affrontare il problema. I messaggi di promozione della salute che si concentrano sul comportamento individuale tralasciano le barriere strutturali a una migliore salute, come povertà, bassi livelli di istruzione, alti tassi di detenzione, alloggi affollati o scadenti e razzismo.


Dobbiamo andare oltre i messaggi di cambiamento del comportamento individuale e iniziare a parlare di disuguaglianze che contribuiscono al problema di chi ha una notte decente di sonno rispetto a chi non ce l'ha.

 

 

 


Fonte: Mary Breheny (prof.ssa di psicologia della salute, University of Wellington) e Rosie Gibson (docente senior di psicologia, Massey University)

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 



Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.