Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Annunci e info

Brevettato dispositivo a onde radio che potrebbe aiutare con l'Alzheimer

Brevettato dispositivo a onde radio che potrebbe aiutare con l'AlzheimerIl prototipo del dispositivo di Eric Knight che invia onde radio ai pazienti di Alzheimer. (Foto: Harriet Jones / WNPR) Clicca per ingrandire.Un inventore del Connecticut ha appena brevettato un dispositivo, basato su una teoria delle onde radio, che egli spera possa aiutare nella lotta contro l'Alzheimer.


Eric Knight è inventore e imprenditore «seriale» [inventa qualcosa, fonda l'azienda, la assegna a qualcuno per la gestione e passa a un'altra idea], ingegnere ed ex-alunno della Università del Connecticut, che vanta invenzioni nel commercio elettronico e nella scienza missilistica tra i suoi successi con la società Remarkable Technologies.


"Mi piace affrontare i problemi e le sfide che sono ancora irrisolti", ha detto Knight. Ma nulla nella sua carriera lo ha motivato tanto quanto questa ultima sfida. "Come tutti, conosciamo persone che hanno avuto l'Alzheimer, ed è qualcosa che ci ha toccato".


Mentre rimuginava sul problema nel 2010, Knight si è imbattuto nella ricerca di un team della University of South Florida pubblicato sul Journal of Alzheimer. Essa mostrava che il trattamento con un campo elettromagnetico sembrava invertire il deterioramento cognitivo nei topi che erano stati appositamente allevati per avere l'Alzheimer.


"I topi e un trasmettitore radio erano in una gabbia e due volte al giorno, per un'ora totale, il trasmettitore era acceso. E lo hanno fatto ogni giorno per sette mesi", ha detto Knight.


I topi che ricevevano questo trattamento hanno cominciato a mostrare segni che le loro funzioni cerebrali stavano migliorando, come trovare la strada più facilmente in un labirinto di test. Quando sono stati sezionati, si è trovato che erano inibite, o addirittura invertite, le placche di amiloide-beta nel cervello, un segno distintivo della malattia.


Anche se non ha una formazione medica, Knight ha competenza nelle comunicazioni radio e nell'avionica, avendo lavorato in una squadra che ha inviato il primo razzo finanziato privatamente nello spazio. "Pensando di nuovo alle antenne che avevamo usato sul nostro razzo, ho avuto una intuizione: invece di farle trasmettere verso l'esterno del razzo, potevamo capovolgerle e fare in modo che queste antenne sottili potessero trasmettere verso l'interno del cervello di un paziente", ha detto Knight.


Questo è quello che ha portato all'invenzione di Knight. E' un dispositivo portato sulla testa del paziente, che può inviare una dose di radiofrequenza controllata al cervello, senza interferire con altri dispositivi elettronici nella stanza dove è usato.


Proprio la scorsa settimana, Knight ha ottenuto l'approvazione dall'ufficio brevetti degli Stati Uniti.


"Sono stato molto sorpreso di sentir parlare del suo brevetto, ma lo applaudo per il lavoro meraviglioso che ha fatto nel metterlo insieme", ha detto il dottor Gary Arendash, l'autore principale dello studio originale sui topi. Anche lui si è dato da fare per commercializzare la sua ricerca, e ha fondato una società denominata Neuro EM Therapeutics con sede a Phoenix in Arizona.


Dopo che la nostra emittente WNPR ha avvicinato Arendash per un commento sull'invenzione di Knight, i due si sono messi in contatto per la prima volta. "Penso che abbia una prospettiva notevole e può certamente aggiungere a quello che abbiamo già fatto qui, per quanto riguarda la progettazione di antenne e per migliorare il dispositivo reale che alla fine viene utilizzato", ha detto Arendash.


Ora potrebbe essere in vista una collaborazione, che potrebbe potenzialmente portare a test clinici sull'uomo. Arendash ha detto di avere pazienti disposti a partecipare, e l'esperimento è già progettato. Ma deve ancora ottenere finanziamenti per quella che potrebbe essere un'impresa costosa. Vengono riversati milioni nella ricerca di Alzheimer in tutto il mondo, ma la maggior parte del denaro è per nuovi trattamenti farmaceutici. E non c'è garanzia che questo percorso alternativo sarà un vincitore.


"Concettualmente, è un approccio interessante", ha detto il dottor George Kuchel, cattedra di Geriatria e Gerentologia all'Università del Connecticut. Egli non può commentare l'efficacia dell'utilizzo dei campi elettromagnetici, ma crede che l'idea generale di puntare le placche amiloidi sia valida. "Potrebbe essere interessante l'approccio che in qualche modo aumenta l'eliminazione, la capacità del cervello di sbarazzarsi dell'amiloide tossica, nelle fasi iniziali, prima che la malattia avanzi molto, e fare in modo che non diventi tossica".


Kuchel però ha espresso una nota di cautela: egli ha detto che i pazienti che hanno sviluppato i sintomi dell'Alzheimer, e hanno avuto la diagnosi, sono già molto avanti nella malattia; non c'è ancora un modo per capire la partenza dell'Alzheimer. Ciò che funzionava nei topi negli studi precedenti, ha detto, di solito ha fallito nella sperimentazione umana, forse perché i topi sono relativamente giovani, mentre per gli esseri umani il processo di invecchiamento complica la malattia.


"I modelli animali di Alzheimer sono stati per un verso incredibilmente utili per comprendere alcuni aspetti meccanicistici di queste malattie", ha detto Kuchel. "Il problema è innanzitutto, in termini semplici, che i topi non sono persone, in particolare a livello del cervello".


Ma l'inventore Eric Knight spera ancora che il suo lavoro si rivelerà valido. "Ci sono ora 5,3 milioni di persone negli Stati Uniti, e 44 milioni di persone in tutto il mondo, con questa terribile, terribile malattia", ha detto. "Mantenere la loro salute nel lungo periodo è l'obiettivo di questa invenzione".

 

 

 


Fonte: Harriet Jones in WNPR.org (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.