Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Memoria autobiografica può individuare precocemente l'Alzheimer

Memoria autobiografica può individuare precocemente l'Alzheimer

Secondo un nuovo studio svolto all'Università dell'Arizona, testare quanto le persone ricordano degli eventi passati della loro vita potrebbe aiutare i professionisti medici a fare previsioni precoci su chi è a rischio di morbo di Alzheimer (MA).


I ricercatori hanno eseguito un test di 'memoria autobiografica' ad un gruppo di 35 adulti sani, circa la metà dei quali erano portatori della variante genetica APOE e4, un fattore noto di rischio genetico che quasi raddoppia la probabilità di sviluppare il MA. Come gruppo, quelli con il rischio genetico descrivevano ricordi con molti meno dettagli di quelli che non l'avevano.


Il MA, chiamato a volte 'malattia con un inizio clinicamente silente', è difficile da individuare precocemente, anche se i cambiamenti nel cervello correlati alla malattia possono iniziare ad accadere anni o addirittura decenni prima che un individuo inizi a manifestare difficoltà di memoria, ha detto Matthew Grilli, neuropsicologo della UA, primo autore della nuova ricerca, pubblicata sul Journal of the International Neuropsychological Society.


"Questo solleva un'enorme sfida per lo sviluppo di trattamenti efficaci", ha detto Grilli, assistente professore e direttore del Laboratorio Memoria Umana nel Dipartimento di Psicologia dell'UA. "La speranza è che in un prossimo futuro possiamo avere farmaci e altri trattamenti che rallentano, fermano e anche invertono alcuni di questi cambiamenti cerebrali che pensiamo siano le caratteristiche del MA. Il problema è che se non riusciamo a scoprire abbastanza presto chi ha questi tratti distintivi, questi trattamenti potrebbero non essere pienamente efficaci, se lo saranno".


L'obiettivo di Grilli è aiutare a cogliere i cambiamenti cerebrali molto prima, prima che comincino ad avere un effetto evidente sulla cognizione e sulla memoria. Lui e i suoi colleghi Aubrey Wank, John Bercel e Lee Ryan della UA hanno deciso di concentrarsi sulla memoria autobiografica, che è il ricordo delle persone degli eventi passati nella loro vita, perché questo tipo di memoria dipende da aree del cervello che sono vulnerabili ai primi cambiamenti dal MA.


"Quando recuperiamo questi tipi complessi di ricordi che hanno dettagli multimodali, sono molto vivaci o ricchi, sono accompagnati da narrativa, contesto e retroscena", ha detto Grilli. "Abbiamo capito dallo neuroscienza cognitiva che la capacità di ricreare questi ricordi nell'occhio della mente dipende da una rete ampiamente distribuita nel cervello, e dipende in modo critico dalle regioni del cervello che sappiamo essere compromesse presto nella patologia del MA".


Nelle interviste autobiografiche, i partecipanti allo studio, da 50 a 80 anni di età, sono stati invitati a richiamare i ricordi recenti, quelli della loro infanzia e quelli della prima età adulta, con quanti più dettagli possibile. Gli intervistatori - che non sapevano quali partecipanti avevano un fattore di rischio genetico per il MA - hanno registrato e dato un punteggio alle risposte dei partecipanti, valutando quali dettagli aumentavano la ricchezza e la vivacità dei ricordi e quali no.


Quelli con il fattore di rischio genetico per il MA, come gruppo, descrivevano ricordi con dettagli molto meno vividi rispetto a quelli senza il fattore di rischio, nonostante il fatto che tutti i partecipanti allo studio avessero prestazioni normali e comparabili su una batteria di altri test standard neuropsicologici.


"Nessuno di questi individui riceverebbe la diagnosi di demenza o lieve deterioramento cognitivo", ha detto Grilli. "Sono clinicamente e cognitivamente normali, ma c'è una sottile difficoltà di un gruppo a recuperare i ricordi del mondo reale, secondo noi perché ci sono più persone nel gruppo che si trovano in uno stadio preclinico di MA".


Non tutti quelli con la variante genica APOE e4, che è presente in circa il 25% della popolazione, svilupperanno il MA, e non tutti quelli che sviluppano il MA hanno il gene. "Da questo studio, non possiamo identificare una persona e dire per certo che è nella fase preclinica del MA. Questa è la prossima fase di lavoro che dobbiamo fare", ha detto Grilli. "Ma sappiamo che come gruppo probabilmente ci sono più persone nel gruppo di portatori della variante e4 che si trovano nella fase preclinica del MA, e pensiamo che questo sia il motivo per cui hanno avuto una difficoltà a generare questi ricordi".


Grilli ha detto che il prossimo passo è studiare l'attività cerebrale nelle persone che lottano per generare vere memorie autobiografiche per vedere se hanno cambiamenti osservabili nella struttura del cervello o attivazione delle regioni del cervello colpite all'inizio del MA. La speranza è che il lavoro possa portare allo sviluppo di un test clinico abbastanza sensibile ai cambiamenti preclinici cerebrali del MA per identificare le persone che dovrebbero sottoporsi a test più estesi per la patologia precoce del MA.


"I test attuali per i primi segni della patologia di MA sono invasivi e costosi, quindi questo nuovo test cognitivo potrebbe potenzialmente essere usato come vaglio", ha detto Grilli. "Potrebbe anche essere usato per aiutare le sperimentazioni cliniche. Al momento, è molto difficile e costoso condurre studi clinici su nuovi farmaci perché ci vuole molto tempo per determinare se quel farmaco ha avuto un impatto sulla memoria. Se avessimo misurazioni sensibili, potremmo ottenere risposte più presto, soprattutto se stiamo cercando di somministrare farmaci prima che siano rilevabili segni evidenti di deterioramento della memoria".

 

 

 


Fonte: University of Arizona via ScienceDaily (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Matthew D. Grilli, Aubrey A. Wank, John J. Bercel, Lee Ryan. Evidence for Reduced Autobiographical Memory Episodic Specificity in Cognitively Normal Middle-Aged and Older Individuals at Increased Risk for Alzheimer’s Disease Dementia. Journal of the International Neuropsychological Society, 2018; 1 DOI: 10.1017/S1355617718000577

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.