Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Troppi cibi grassi preparano i bambini ai problemi mentali più avanti nella vita



Troppi cibi grassi preparano i bambini ai problemi mentali più avanti nella vitaÈ probabile che i bambini che assumono una quantità eccessiva di cibi grassi non solo diventino obesi, ma potranno sviluppare problemi cognitivi e psichiatrici quando sono più grandi.


Questo perché, secondo un recente studio, le diete ricche di grassi riducono i livelli di una proteina chiave che aiuta le sinapsi nel cervello a funzionare correttamente. A sua volta, questa riduzione porta a crolli in diverse forme di funzioni cognitive, tipo la flessibilità comportamentale e la memoria.


"Questi cambiamenti dalla giovane età in poi sono il risultato più dei cibi grassi stessi e dell'impatto che hanno sul cervello giovane, che dal solo fatto di essere obesi", osserva Urs Meyer del Politecnico Federale di Zurigo in Svizzera, nella rivista Molecular Psychiatry. Insieme a Pascale Chavis dell'INMED Institute di Marsiglia in Francia, ha condiretto il primo studio che fornisce i meccanismi molecolari con cui le diete ad alto contenuto di grassi influenzano negativamente il normale funzionamento del cervello e la cognizione durante l'adolescenza.


I ricercatori hanno condotto uno studio sui topi, e hanno osservato dei difetti cognitivi fin dalla 4a settimana di alimentazione dei topi con cibi ad alto contenuto di grassi. Questi difetti erano evidenti anche prima che gli animali iniziassero ad aumentare di peso e sono apparsi in particolare nei topi nutriti con alimenti ad alto contenuto di grassi durante l'adolescenza, e non nei topi alimentati con la stessa dieta durante l'età adulta.


Per capire i meccanismi alla base di tali osservazioni, gli autori si sono concentrati su un'area frontale del cervello chiamata corteccia prefrontale. Negli esseri umani, la corteccia prefrontale è associata alla pianificazione di azioni complesse e al processo decisionale, all'espressione della propria personalità e al controllo del comportamento sociale.


Diversi studi umani avevano dimostrato che le diete ricche di grassi possono ridurre le prestazioni nei compiti esecutivi, come la soluzione dei problemi e la memoria di lavoro, in particolare negli adolescenti. Questo sembra preoccupante alla luce di una marcata diminuzione nella qualità delle diete negli ultimi decenni e della scarsa comprensione dell'impatto di queste diete sui nostri neuroni.


Questi effetti potrebbero essere particolarmente rilevanti per gli adolescenti, secondo gli autori dello studio, perché l'adolescenza è un periodo fondamentale di aumento del fabbisogno calorico e di maggiore appetito dei giovani. E' il momento in cui iniziano a fare più scelte autonome su cosa mangiare.


Gli adolescenti con diete ad alto contenuto di grassi possono anche essere soggetti a deficit cognitivi a causa del carattere immaturo della corteccia prefrontale durante questi anni. "Quest'area del cervello è molto interessante", osserva l'investigatore francese Chavis dell'INSERM, "perché, a differenza del resto del cervello, non è pienamente sviluppato fino all'inizio dell'età adulta".


I ricercatori ritengono che questa relativa immaturità renda la corteccia prefrontale molto sensibile alle esperienze non ottimali che si fanno durante l'adolescenza, come ad esempio i traumi, lo stress eccessivo o l'abuso di droghe. "Il nostro studio mette in evidenza che la qualità del cibo degli adolescenti può essere particolarmente importante per una maturazione ottimale della corteccia prefrontale", spiega Marie Labouesse, prima autrice dello studio. "Pensiamo che questa vulnerabilità degli adolescenti ai cibi ad alto contenuto di grassi potrebbe essere dovuta alla ipersensibilità di una proteina chiamata «reelina»".


I ricercatori hanno visto che la corteccia prefrontale dei topi nutriti con cibi ad alto contenuto di grassi ha un minor numero di neuroni che esprimono reelina e questo è il caso solo quando queste diete sono state seguite durante il periodo adolescenziale. Gli autori si sono concentrati sulle sinapsi, quelle piccole strutture microscopiche che permettono ai neuroni di comunicare tra loro. La proteina reelina regola la funzione sinaptica, e in particolare la plasticità sinaptica, cioè la capacità delle sinapsi di rafforzarsi o indebolirsi in risposta ai cambiamenti dell'attività cerebrale.


"Negli animali nutriti con cibi ad alto contenuto di grassi durante l'adolescenza, abbiamo osservato la compromissione della plasticità della corteccia prefrontale; e, piuttosto importante, abbiamo poi osservato che quando si ripristinano i livelli di reelina, sia la plasticità sinaptica che le funzioni cognitive tornano alla normalità", osserva Chavis.


"La nostra scoperta che le diete ad alto contenuto di grassi durante l'adolescenza perturbano il funzionamento della corteccia prefrontale da adulti suggerisce che è fondamentale un attento equilibrio nutrizionale durante questo periodo sensibile, per acquisire la piena capacità delle funzioni prefrontali da adulti", dice la Labouesse. "Anche se dobbiamo ancora scoprire l'esatto meccanismo con cui la reelina dei neuroni si esaurisce durante l'adolescenza, sembra che gli alimenti ad alto contenuto di grassi possano innescare i cambiamenti nel modo in cui si sviluppa la corteccia prefrontale dei giovani".


Questi risultati possono aiutare a spiegare perché alimenti malsani e obesità sono sempre più legati allo sviluppo di malattie neuropsichiatriche e neurologiche.


La carenza di reelina è una caratteristica più volte documentata anche nei disordini del cervello come la schizofrenia o l'Alzheimer. Secondo Meyer "anche se sono assolutamente necessari ulteriori studi su questo argomento, le diete ad alto contenuto di grassi potenzialmente potrebbero anche esacerbare il deficit di reelina e di sinapsi nei pazienti con malattie mentali come la schizofrenia o l'Alzheimer, o aggravare le anomalie cognitive".


E Chavis conclude che "la reelina è ormai affermata come un giocatore chiave nella regolazione delle normali funzioni cerebrali. Il fatto che la proteina reelina mostri la vulnerabilità verso gli effetti negativi dei cibi malsani è affascinante dal punto di vista scientifico, ma anche molto preoccupante quando pensiamo al potenziale impatto che questo potrebbe avere per la salute umana".

 

 

 


Fonte: Springer (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti
: M A Labouesse, O Lassalle, J Richetto, J Iafrati, U Weber-Stadlbauer, T Notter, T Gschwind, L Pujadas, E Soriano, A C Reichelt, C Labouesse, W Langhans, P Chavis, U Meyer. Hypervulnerability of the adolescent prefrontal cortex to nutritional stress via reelin deficiency. Molecular Psychiatry, 2016; DOI: 10.1038/mp.2016.193

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.