Iscriviti alla newsletter

Tracce di memoria ricorrenti formano ricordi duraturi

Tracce di memoria ricorrenti formano ...Jessica Aponte / Flikr: Recurring Dreams, Recurring Memories, Recurring AwakeningsMentre il cervello umano è in uno stato di riposo, possono riapparire spontaneamente schemi di attività neuronale che sono associati a ricordi specifici. Tali riapparizioni contribuiscono al consolidamento della memoria, cioè alla stabilizzazione del suo contenuto.


Gli scienziati del Centro tedesco per le Malattie Neurodegenerative (DZNE) e dell'Università di Bonn, hanno segnalato questi risultati nell'edizione attuale di "The Journal of Neuroscience".


I ricercatori guidati da Nikolai Axmacher hanno eseguito un test di memoria su una serie di persone, mentre ne monitoravano l'attività cerebrale con la risonanza magnetica funzionale (fMRI). L'organizzazione dell'esperimento comprendeva diversi stati di riposo, tra cui un pisolino all'interno di uno scanner di neuroimaging.


Lo studio indica che i periodi di riposo possono generalmente promuovere le prestazioni della memoria. A seconda del proprio stato d'animo e dell'attività, nel cervello umano si attivano diverse aree. Anche percezioni e pensieri influenzano questa condizione e ciò si traduce in uno schema di attività neuronale legato alla situazione sperimentata. Quando si ricorda, si riattivano modelli simili, che sono assopiti nel cervello. Come accada, è ancora in gran parte sconosciuto.


La teoria prevalente per la formazione della memoria assume che i ricordi siano memorizzati in modo graduale. In un primo momento, il cervello memorizza le nuove informazioni solo temporaneamente. Perchè i ricordi rimangano a lungo termine, è necessaria una ulteriore fase. "Che noi chiamiamo consolidamento", spiega il dottor Nikolai Axmacher, ricercatore del Dipartimento di Epilettologia dell'Università di Bonn e del sito di Bonn del DZNE. "Non sappiamo esattamente come questo accade. Tuttavia, gli studi suggeriscono che è molto importante un processo che chiamiamo riattivazione. Quando si verifica ciò, il cervello riproduce modelli di attività associati ad una particolare memoria. In linea di principio, questo è un concetto familiare. E' un fatto che le cose che sono ripetute e praticate attivamente sono memorizzate meglio. Tuttavia, supponiamo che una riattivazione del contenuto della memoria può anche accadere spontaneamente senza che vi sia uno scatenante esterno".


Un test di memoria all'interno dello scanner

Axmacher e il suo team ha testato questa ipotesi in un esperimento che ha coinvolto dieci partecipanti sani con un'età media di 24 anni. Essi hanno visto una serie di immagini, che comprendeva - tra le altre cose - rane, alberi, aerei e persone. Ognuna di queste immagini è stata associata come etichetta ad un quadrato bianco, in una posizione diversa. I soggetti sono stati invitati a memorizzare la posizione del quadro.


Alla fine dell'esperimento tutte le immagini sono state mostrate nuovamente, ma questa volta senza l'etichetta. I partecipanti allo studio sono stati poi invitati ad indicare con un cursore del mouse dove si trovava originariamente il contrassegno mancante. Le prestazioni della memoria sono state determinate come la distanza tra la posizione corretta e quella indicata.


"Questo è un compito associativo. Le percezioni visive e spaziali devono essere collegate tra loro", spiega il ricercatore. "Tali attività coinvolgono diverse regioni del cervello, compresa la corteccia visiva e l'ippocampo, che partecipa a numerosi processi di memoria". L'attività cerebrale è stata registrata dalla fMRI durante l'intero esperimento, durato diverse ore e comprendeva periodi di riposo e un pisolino all'interno dello scanner di neuroimaging.


Schemi cerebrali ricorrenti aumentano la precisione

Per il trattamento dei dati è stato meso a punto un algoritmo di riconoscimento degli schemi, per cercare le analogie tra i modelli neuronali osservati durante la codifica iniziale e i modelli che appaiono nelle occasioni successive. "Questo metodo è complesso, ma molto efficace", dice Axmacher. "L'analisi ha dimostrato che l'attività neuronale associata alle immagini mostrate inizialmente riappare durante i successivi periodi di riposo e nella fase di sonno".


Le prestazioni della memoria sono correlate alla riproduzione di modelli di attività neuronali. "Più spesso ricompare un modello, più accuratamente i partecipanti al test possono etichettare l'immagine corrispondente", Axmacher riassume i risultati. "Questi risultati supportano la nostra ipotesi che i modelli neurali possono riapparire spontaneamente e che promuovano la formazione del contenuto della memoria di lunga durata. C'era già una prova di questo negli studi su animali. Il nostro esperimento dimostra che questo fenomeno avviene anche negli esseri umani".


Vantaggi prestazionali alla memoria dai periodi di riposo

Lo studio indica che i periodi di riposo possono generalmente favorire le prestazioni della memoria. "Anche se i nostri dati non mostrano se dormire ha un effetto particolare. Ciò può essere dovuto all'organizzazione dell'esperimento, che ha permesso solo un sonnellino relativamente breve", riconosce Axmacher. "Per contro, il sonno notturno è considerato vantaggioso per il consolidamento del contenuto della memoria. Ma di solito ci vogliono molte ore e comprende molteplici transizioni tra le diverse fasi del sonno. Tuttavia, altri studi suggeriscono che anche brevi sonnellini possono influenzare positivamente il consolidamento della memoria".


Uno sguardo obiettivo al contenuto della memoria

E' lasciato alle ipotesi se gli schemi cerebrali ricorrenti attivano ​​ricordi consci o se rimangono al di sotto della soglia di percezione. "Penso che sia ragionevole supporre che, durante i periodi di riposo, i partecipanti al test lasciano vagare la loro mente, e che ricordano le immagini che avevano appena visto prima. Ma questa è una questione di percezione soggettiva dei partecipanti al test. Questo è qualcosa che noi non esaminiamo perché non è essenziale per la nostra indagine", dice Axmacher. "La forza del nostro approccio sta piuttosto nel fatto che noi guardiamo al contenuto della memoria dall'esterno, in modo obiettivo. E che possiamo valutarlo riconoscendone lo schema. Questo apre la strada a molte materie di ricerca. Ad esempio, i modelli del cervello che si ripetono spontaneamente sono anche di interesse nel contesto della ricerca sperimentale sui sogni".

 

 

 

 

 


Fonte: Universität Bonn.

Riferimenti: L. Deuker, J. Olligs, J. Fell, T. A. Kranz, F. Mormann, C. Montag, M. Reuter, C. E. Elger, N. Axmacher. Memory Consolidation by Replay of Stimulus-Specific Neural Activity. Journal of Neuroscience, 2013; 33 (49): 19373 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.0414-13.2013

Pubblicato in uni-bonn.de (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.