Iscriviti alla newsletter

Cattive abitudini alimentari sopravanzano quelle buone in gran parte dei paesi

Cattive abitudini alimentari sopravanzano quelle buone in gran parte dei paesiI modelli alimentari nel mondo: dal verde (i migliori) al rosso (i peggiori).

In tutto il mondo, il consumo di cibi sani come frutta e verdura è migliorato nel corso degli ultimi due decenni, ma è stato superato dal maggior consumo di cibi non salutari, tra cui carni trasformate e bevande zuccherate, nella maggior parte delle aree del mondo, secondo il primo studio a valutare la qualità della dieta in 187 paesi (che coprono quasi 4,5 miliardi di adulti), pubblicato sulla rivista Lancet Global Health.


I miglioramenti nella qualità della dieta tra il 1990 e il 2010 sono stati maggiori nei paesi ad alto reddito, con una modesta riduzione del consumo di cibi non sani e maggiore assunzione di prodotti sani. Tuttavia, le persone che vivono in molte delle regioni più ricche (ad esempio, USA, Canada, Europa occidentale, Australia e Nuova Zelanda) hanno ancora una tra le diete più povere di qualità di tutto il mondo, perché hanno uno dei consumi più alti di cibo malsano di tutto il mondo.


Al contrario, alcuni paesi dell'Africa sub-sahariana e dell'Asia (ad esempio, Cina e India) non hanno visto alcun miglioramento nella loro qualità della dieta nel corso degli ultimi 20 anni.


Gli autori avvertono che lo studio presenta un quadro preoccupante di aumenti di cattive abitudini alimentari che sopravanzano l'aumento di modelli alimentari sani nella maggior parte delle regioni del mondo, e dicono che è necessaria un'azione concertata per invertire questa tendenza.


Guidati dal dottor Fumiaki Imamura dell'Epidemiology Unit Medical Research Council dell'Università di Cambridge nel Regno Unito, un team di ricercatori internazionali ha analizzato i dati sul consumo di 17 cibi e nutrienti essenziali legati all'obesità e alle principali malattie non trasmissibili (ad esempio, malattie cardiovascolari, diabete e tumori legati all'alimentazione) nei paesi in tutto il mondo, e i cambiamenti nella dieta tra il 1990 e il 2010.


L'analisi è stata eseguita dal gruppo di esperti «Global Burden of Diseases Nutrition and Chronic Diseases» (NutriCoDE), presieduto dal dottor Dariush Mozaffarian, autore senior della ricerca e decano della Scuola di Scienza e Politica della Nutrizione della Tufts University. Il NutriCoDE è un progetto in corso che valuta le informazioni alimentari provenienti da più di 300 indagini alimentari in tutto il mondo e dai bilanci alimentari della FAO delle Nazioni Unite, che coprono quasi il 90% della popolazione adulta mondiale.

Cattive abitudini alimentari sopravanzano quelle buone in gran parte dei paesiI cambiamenti nei modelli alimentari nel mondo: dal verde (migliorati fino al 25%) al rosso (peggiorati fino al 25%).


Il team internazionale ha esaminato tre diversi modelli di dieta: uno favorevole, fondato su 10 prodotti alimentari sani (frutta, verdura, fagioli e legumi, noci e semi, cereali integrali, latte, acidi grassi polinsaturi totali, pesce, omega-3, e fibre alimentari); uno sfavorevole definito da sette elementi malsani (carni non trasformate, carni trasformate, bevande zuccherate, grassi saturi, grassi trans, colesterolo alimentare, e sodio); e un modello generale di dieta basata su tutti i 17 gruppi di cibi. I ricercatori hanno calcolato un punteggio di dieta per ogni modello e hanno valutato le differenze per paese, età, sesso, e reddito nazionale, dove il punteggio più alto indica una dieta più sana (range 0-100).


I risultati rivelano che i modelli di dieta variano molto in base al reddito nazionale, con i paesi ad alto reddito in generale hanno diete migliori basate su cibi sani (differenza media 2,5 punti) ma, rispetto ai paesi a reddito medio e basso, hanno diete sostanzialmente più povere a causa di una maggiore assunzione di cibi non sani (differenza di punteggio -33,0 punti). In media, gli anziani e le donne sembrano avere diete migliori.


I punteggi più alti per gli alimenti sani sono stati notati in molti paesi a basso reddito (ad esempio, Ciad e Mali) e nelle nazioni del Mediterraneo (ad esempio, Turchia e Grecia), riflettendo forse aspetti positivi della dieta mediterranea. Al contrario, i punteggi bassi per i cibi sani sono presenti in alcuni paesi dell'Europa centrale e nelle repubbliche dell'ex Unione Sovietica (ad esempio, Uzbekistan, Turkmenistan e Kyrgyzstan).


Di particolare interesse è che non ci sono, o sono molto meno evidenti, grandi differenze nazionali nella qualità della dieta quando si esamina la qualità della dieta generale (compresi gli alimenti sani e non sani) come hanno fatto gli studi precedenti.


"Le proiezioni indicano che entro il 2020 le malattie non trasmissibili rappresenteranno il 75% di tutti i decessi. Migliorare la dieta è cruciale per ridurre questo onere", afferma il dottor Imamura. "Questi risultati hanno implicazioni per i governi e gli organismi internazionali di tutto il mondo. Le tendenze alimentari distinte basate su cibi sani e non sani, che evidenziamo, indicano la necessità di comprendere le cause diverse e molteplici di queste tendenze, come l'industria agricola e alimentare e la politica sanitaria. Sono essenziali azioni politiche a più domini per aiutare le persone a raggiungere le diete ottimali, e controllare l'epidemia di obesità e ridurre le malattie non trasmissibili in tutte le regioni del mondo". (*)


Secondo il Dr Mozaffarian, "C'è la necessità particolarmente urgente di concentrarsi sul miglioramento della qualità della dieta tra le popolazioni più povere. Se non facciamo nulla, la denutrizione sarà rapidamente eclissata dall'obesità e dalle malattie non trasmissibili, come già visto in India, Cina, e altri paesi a reddito medio". (*)


Scrivendo in un commento collegato, Carlo La Vecchia dell'Università di Milano e Lluis Serra-Majem dell'Università di Las Palmas de Gran Canaria in Spagna dicono: "L'obiettivo chiave della ricerca rimane la necessità di comprendere l'industria agricola, commerciale e alimentare, e i determinanti della politica sanitaria per migliorare i modelli alimentari e nutritivi in vari settori, tenendo conto delle caratteristiche tradizionali delle diete in tutto il mondo ... Sono necessarie in futuro informazioni sull'effetto ambientale dei modelli alimentari [in particolare dei paesi a reddito basso e medio], perché il cibo guida non solo la salute umana, ma anche la salute del pianeta".

 

********
Questo studio è stato finanziato dalla Fondazione Bill & Melinda Gates e dal Medical Research Council.

(*) Citazioni dirette degli autori non presenti nel testo della ricerca.

 

 

 

 

 


Fonte: The Lancet via AlphaGalileo (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Fumiaki Imamura, Renata Micha, Shahab Khatibzadeh, Saman Fahimi, Peilin Shi, John Powles, Dariush Mozaffarian. Dietary quality among men and women in 187 countries in 1990 and 2010: a systematic assessment. The Lancet Global Health, 2015; 3 (3): e132 DOI: 10.1016/S2214-109X(14)70381-X

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.