Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Eutanasia: ipotesi per capire se e quando si presentano le condizioni

L'atleta paraolimpica belga Marieke Vervoort ha rivelato due anni fa che, nel 2008, aveva avuto l'approvazione per ricevere l'eutanasia. La paraolimpica era una campionessa di corsa su sedia a rotelle, avendo vinto l'oro e l'argento alle Paralimpiadi di Londra del 2012, e l'argento e il bronzo ai Giochi di Rio del 2016.


Tuttavia, soffriva di una malattia muscolare degenerativa incurabile che causa dolore costante, convulsioni, e nel caso della Vervoort, paralisi alle gambe. In ottobre 2019, la Vervoort ha preso la decisione di porre fine alla sua vita con l'eutanasia, a 40 anni.


L'eutanasia rimane una procedura medica controversa e avviene quando una persona prende la decisione consapevole di morire, e chiede aiuto per farlo, a un medico o a un'altra persona. È diversa dal suicidio assistito, dove qualcuno aiuta una persona a togliersi la vita, ma l'atto finale è comunque fatto dall'individuo.


Mentre alcuni favorevoli, come la Vervoort, sostengono che può alleviare le sofferenze, e dare alla persona il controllo sulla propria vita, altri sostengono che l'eutanasia è innaturale, ed è difficile da controllare correttamente, soprattutto nel caso di pazienti che potrebbero non essere in grado di dare un consenso pieno.


L'eutanasia è legale in Belgio dal 2002, ma lo è al momento solo in una manciata di paesi, come l'Olanda, il Lussemburgo e il Canada. Anche se la Vervoort sentiva che l'eutanasia le avrebbe dato il controllo sulla propria vita - tanto più che le sue condizioni peggioravano - la sua morte mette in luce comunque molti aspetti delle questioni morali e legali che devono essere risolte quando si tratta di eutanasia. Gran parte del dibattito in corso chiede se chiunque dovrebbe essere in grado di accedervi, in quali circostanze, e la misura in cui dobbiamo onorare la scelta individuale.

 

 

Parlarne nei modi giusti

La mia ricerca ha cercato di fornire informazioni su come possiamo inquadrare le nostre conversazioni sull'eutanasia, attraverso una progettazione ipotetica (speculative design). Il campo del design è spesso descritto come un'attività di risoluzione dei problemi. Tuttavia, molti problemi sono spesso troppo complessi per essere risolti.


Il campo del design ipotetico è unico: è un metodo di progettazione che usa prototipi o scenari ipotetici per evidenziare i problemi piuttosto che risolverli. Le progettazioni ipotetiche possono aiutare a prendere in considerazione eventuali conseguenze indesiderate in uno scenario proposto.


Ho cercato di affrontare il complicato dilemma morale dell'eutanasia creando The Plug, un esperimento mentale applicato che mirava a pensare alle conseguenze del controllo del paziente nell'eutanasia per la demenza.


Alcune condizioni terminali, come la demenza, pongono ulteriori complicazioni per l'eutanasia. Ad esempio, nei Paesi Bassi, un numero crescente di persone scelgono di usare l'eutanasia dopo la diagnosi di demenza. Una direttiva anticipata per l'eutanasia è un documento in cui una persona delinea quali decisioni dovrebbero essere prese in futuro, nel caso non sia in grado di prendere tali decisioni da se stessa.


Attualmente, molte direttive anticipate fanno affermazioni come “quando non sono più me stesso” o “quando non riesco più a riconoscere i miei figli”, per delineare quando deve essere somministrata l'eutanasia. Tuttavia, queste condizioni sono difficili da misurare e rispettare.


Queste direttive anticipate per l'eutanasia sono anche in gran parte ignorate dai medici che devono eseguire la procedura, perché i sintomi della demenza si scontrano con l'assistenza dovuta, i criteri che un paziente deve soddisfare per ricevere l'eutanasia.


Nei Paesi Bassi, uno studio ha scoperto che si rispetta solo il 3% delle direttive anticipate. Una persona con demenza è spesso incapace di dare il consenso al momento della morte, rendendo difficile stabilire se la sofferenza della persona è “senza speranza e insopportabile”, uno dei criteri per l'eutanasia in Olanda.

 

 

Un impianto ipotetico

The Plug è un direttiva anticipata ipotetica impiantata per l'eutanasia che farebbe scattare una morte rapida e indolore, una volta raggiunte le condizioni descritte nella direttiva anticipata per l'eutanasia. La mia ricerca aveva lo scopo di affrontare diverse questioni, come i diritti di una persona la cui personalità potrebbe essere cambiata a causa della demenza, la necessità che le direttive anticipate siano molto più dettagliate, così come la difficoltà che i medici hanno di fronte quando eseguono l'eutanasia.


The Plug dovrebbe affrontare la questione del consenso creando una situazione in cui la persona che richiede l'eutanasia è colui che dà il consenso. La persona che potrebbe essere diventata a causa della demenza è volutamente esclusa in questo scenario, al fine di individuare chi dovrebbe avere il diritto di decidere: la persona prima della demenza, o quella durante la demenza.


The Plug dovrebbe ipoteticamente essere installata su persone cognitivamente competenti che potrebbero temere di sviluppare e di vivere con la demenza. Il dispositivo dovrebbe essere collegato ad altri tracciatori della salute e a sensori installati in casa - e potenzialmente anche delle persone care - per misurare se si stanno avverando le condizioni pre-programmate che il paziente vuole evitare.


Se questo fosse il caso, The Plug si attiverebbe, causando la morte della persona in pace nel sonno. Questo scenario è stato progettato per porre una serie di domande sulle direttive avanzate per l'eutanasia, compreso il modo in cui possono essere misurate le condizioni, e, se non non si può, quale decisione dovrebbe essere presa, e se deve ancora esserlo.


L'esperimento mentale applicato di The Plug ha incoraggiato molto la conversazione tra esperti interessati. Esso ha sollevato la consapevolezza sulla necessità che le direttive anticipate siano molto più precise. Inoltre ha evidenziato la necessità di riconoscere il contrasto nei diritti di una persona prima e dopo aver vissuto con la demenza.


Il ruolo dei medici di medicina generale è stato visto come molto importante, ed è opportuno che questi medici avviino in anticipo le conversazioni di fine vita, sia con il paziente che con i suoi cari. Nei luoghi in cui l'eutanasia diventa legale, i medici possono avere bisogno di supporto o formazione supplementare per essere in grado di farlo bene.


Per morire con dignità, sempre più persone stanno progettando la propria morte. Ma la demenza complica le cose. Una persona che chiede l'eutanasia deve soffrire in modo intollerabile e deve essere in grado di confermare la richiesta al momento della morte. Tuttavia, in molti casi con demenza, quel “desiderio” non può più essere confermato quando sarà il momento. Nel seguito dei dibattiti intorno dell'eutanasia, è importante prendere in considerazione tutti i dilemmi morali insiti che la accompagnano.

 

 

 


Fonte: Marije De Haas / Loughborough University in The Conversation (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.