Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

Esperienze e opinioni

Pensiero lento: una filosofia per facilitare un dialogo più giocoso e poroso su cosa significa vivere

Pensiero lento: una filosofia per facilitare un dialogo più giocoso e poroso su cosa significa vivereFoto di Ernst Haas/Getty

Nel 1986 è stato aperto un ristorante McDonald's ai piedi di Trinità dei Monti in Piazza di Spagna, la piazza più famosa di Roma. L'invasione del fast food economico americano nel cuore di Roma ha fatto scalpore. Uno di quelli che ha protestato era Carlo Petrini, un giornalista italiano di sinistra, che ha dato il via a un movimento chiamato Slow Food. Petrini enfatizza la produzione locale, la biodiversità e, soprattutto, il godimento del gusto italiano autentico. Alla fine degli anni '90, l'idea si trasformò in Cittaslow, parte di un meme culturale più ampio chiamato Slow Movement [movimento lento]. Il filosofo norvegese Guttorm Fløistad ha afferrato il ritmo del Movimento Lento quando ha scritto:

L'unica cosa certa è che tutto cambia. Il tasso di cambiamento aumenta. Se vuoi restare aggrappato, è meglio che acceleri. Questo è il messaggio di oggi. Potrebbe tuttavia essere utile ricordare a tutti che i nostri bisogni primari non cambiano mai. Il bisogno di essere visto e apprezzato! È il bisogno di appartenere. Il bisogno di vicinanza e cura, e di un po' di amore! Questo arriva solo attraverso la lentezza nelle relazioni umane. Per padroneggiare i cambiamenti, dobbiamo recuperare lentezza, riflessione e solidarietà. Lì troveremo un vero rinnovamento.


Nel sostenere la "lentezza delle relazioni umane", il Movimento Lento appare conservatore, mentre chiede costruttivamente di valorizzare le culture locali, nel cibo e nell'agricoltura, di preservare ritmi più lenti e biologici invece del ritmo sempre più veloce, digitale e misurato meccanicamente della società tecnocratica che Neil Postman nel 1992 chiamò «technopoly», dove "il tasso di cambiamento aumenta" e la tecnologia regna.


Tuttavia, è conservante e non conservatore, agisce da scudo contro le multinazionali predatorie nel settore alimentare, che minano gli artigiani locali della cultura, dall'agricoltura all'architettura. Nella sua fedeltà ai nostri bisogni primari, soprattutto "il bisogno di appartenere" a livello locale, il Movimento Lento getta le fondamenta di una sorta di comune contemporaneo in ogni luogo - un convivium - che risponde al suo tempo e luogo, e si diffonde organicamente mentre le comunità rivendicano i loro bisogni particolari di appartenenza e continuità contro l'assalto della burocrazia del governo senza volto e degli interessi multinazionali.


Nella tradizione del Movimento Lento, dichiaro il mio manifesto per lo 'Slow Thought' [pensiero lento]. Questo è il primo passo verso una psichiatria dell'evento, basato sulla nozione centrale di evento del filosofo francese Alain Badiou, una nuova fondazione per l'ontologia: come pensiamo all'essere o all'esistenza. Un evento è un cambiamento imprevedibile nel nostro mondo quotidiano che apre nuove possibilità.


Le tre condizioni per un evento sono: che qualcosa ci accada (per puro caso, nessun destino, nessun determinismo), che diamo un nome a ciò che accade e che rimaniamo fedeli ad esso. Nella filosofia di Badiou, noi diventiamo soggetti attraverso l'evento. Dandogli in nome e mantenendo la fedeltà all'evento, il soggetto emerge come soggetto alla sua verità. 'Essere lì', come vorrebbe la fenomenologia tradizionale, non è abbastanza. La mia proposta di "psichiatria eventale" descriverà sia come restiamo bloccati nei nostri mondi quotidiani, sia cosa rende possibile il cambiamento e le nuove cose per noi.

Dopo aver lavorato metodicamente sul significato dell'evento, voglio chiarire e illuminare il Pensiero Lento attraverso sette proclami:

1. Il Pensiero lento è segnato da passeggiate socratiche peripatetiche, dall'incontro faccia a faccia di Levinas e dalle conversazioni dialogiche di Bakhtin

Questi tre filosofi condividono un approccio metodico, deliberato, in effetti quasi faticoso, al lavoro sugli enigmi filosofici. Socrate passava il suo tempo a passeggiare per le piazze dell'antica Atene, coinvolgendo le persone in conversazioni estemporanee con domande disarmanti e semplici. Più vicino ai nostri tempi, Emmanuel Levinas, un ebreo lituano sopravvissuto all'olocausto in Francia, ha insistito sul fatto che essere umani è incontrarsi faccia a faccia, in cui l'etica del modo in cui ci trattiamo viene prima e trionfa su tutto il resto. Il pensatore russo Mikhail Bakhtin ha analizzato la letteratura come incontri dialogici o relazionali, anche in soliloqui o monologhi interni dove c'è sempre un altro implicito che ascolta e pone domande. Tutti e tre i filosofi condividono il pensiero come attività relazionale, rallentati nel cammino in una piazza pubblica e in un dialogo faccia a faccia.

 

2. Il Pensiero Lento crea il proprio tempo e luogo

Il Pensiero lento esiste al di là dei confini geopolitici ('pensare senza confini' per parafrasare un altro movimento) e resiste al tempestivo - definito come 'contemporaneo' o 'moderno'. Rifiutando le costrizioni temporali dei suoni mediatici di 30 secondi e del ciclo di notizie di 24 ore, il Pensiero Lento è asincronico. Ciò significa che non è sequenziale nel tempo, ma strutturato dalla logica lenta del pensiero.


Nell'esegesi talmudica ebraica o nell'interpretazione dei testi sacri, pilpul descrive un metodo di dialogo domanda-e-risposta in cui potrebbe apparire nell'antica Babilonia una risposta a una questione etica formulata più tardi e altrove nella Spagna dei Mori e degli ebrei sefarditi. Pilpul è strutturato dialogicamente dai canoni del dibattito filosofico piuttosto che dalla cronologia storica o dai movimenti di passaggio del volgare e del vernacolare.


Questa idea è confermata da una storia che ho raccontato in Letters to a Young Therapist (2011) sul mio mentore alla facoltà di medicina, Joel Elkes, che ha incontrato il suo mentore di filosofia dalla Lituania circa 40 anni dopo a Gerusalemme. Alzando lo sguardo momentaneamente dalla lettura, lo studioso salutò il suo ex allievo dopo l'Olocausto, la fondazione di Israele e molte guerre: "Oh, Joel, sto leggendo Platone, ti piacerebbe unirti a me?" Come pilpul e il dialogo relazionale, il Pensiero Lento ha una vita propria.

 

3. Il pensiero lento non ha altro oggetto che se stesso

Il Pensiero Lento prefigura una visione della vita che rischiamo di perdere nella corsa precipitosa verso un futuro evanescente da un presente non garantito e impraticabile la cui principale caratteristica è la velocità. Il pensiero, come la vita, non è mai completo, è una possibilità che non si esaurisce mai, come scrisse Giorgio Agamben nel 1996 in un saggio sulla filosofia dell'infanzia:

I Latini avevano un'espressione singolare, vivere vitam, che è stata tramandata ai linguaggi romanzati moderni come vivre sa vie, vivere la propria vita. La piena forza transitiva del verbo «vivere» deve essere ripristinata qui; una forza, tuttavia, che non assume un oggetto (questo è il paradosso!), ma, per così dire, non ha altro oggetto oltre alla vita stessa. La vita qui è una possibilità, una potenzialità che non si esaurisce mai nei fatti e negli eventi biografici, poiché non ha altro oggetto se non se stessa. È un'assoluta immanenza che tuttavia muove e vive.


Non è un caso che Agamben abbia elaborato la nozione di vivere la propria vita in un saggio sull'infanzia, poiché questo è fondamentale nella nostra visione dei bambini, e sfida ciò che chiamo pensiero evolutivo. Dobbiamo sfidare la nozione di sviluppo in tutte le fasi della vita e immaginare il corso della vita in modo diverso rispetto alla velocità o alle tappe fondamentali.


Come lettore di Michel Foucault, Agamben ci offre la vita riflessiva come cura del sé, un tema che ossessiona ironicamente i successivi scritti di Foucault mentre affrontava la sua morte per AIDS. Vivere vitam, vivere la propria vita, risuona profondamente nell'autobiografia di Gabriel García Márquez Vivir para contarla, Vivere per raccontarla (2002). García Márquez ha anche scritto mentre viveva con una malattia potenzialmente fatale (ndt: per qualcuno Alzheimer, seppure mai confermato dalla moglie). Vero, nel suo titolo, il vivere ha una forza transitiva incarnata nell'obiettivo della scrittura, ma la scrittura è il modo di vivere di García Márquez, la sua pratica focale, che potremmo dire è il suo modo di pensare. Nel 2009, in risposta alle affermazioni che aveva smesso di scrivere, ribatté: "Non solo non è vero, ma l'unica cosa che faccio è scrivere".


Il Pensiero lento, come il latino vivere vitam, non ha oggetto ma, come la vita, esso stesso è incarnato in pratiche focali che ci permettono di vivere più pienamente in un presente atemporale, liberati dal peso di un passato imperfetto o dalla futile promessa di un futuro redentore.

 

4. Il pensiero lento è poroso

Nel suo memorabile saggio su Napoli, scritto nel 1925 con Asja Lacis, Walter Benjamin descrisse la città come porosa:

Il timbro del definitivo è evitato. Nessuna situazione sembra destinata per sempre, nessuna figura afferma il suo «così e non altrimenti». [...] si può appena scorgere dove la costruzione è ancora in corso e dove lo sfacelo è già iniziato. Perché nulla è concluso. La porosità deriva [...] dalla passione per l'improvvisazione, che richiede che spazio e opportunità siano preservati a qualsiasi prezzo.


Se immaginiamo la cultura di Napoli come un apparato (nel senso di Foucault, di strumento per strutturare la società), la 'porosità' di Benjamin è la sua definizione di quell'apparato, del modo in cui lo osserva, e del principio organizzativo che lega le sue osservazioni ad un atto comunicativo (il saggio su Napoli / porosità):

La porosità è la legge inesauribile della vita di questa città, che riappare ovunque. Un grano della domenica è nascosto in ogni giorno della settimana, e quanti giorni della settimana in questa domenica!


Il Pensiero Lento è un modo di pensare poroso che è non-categorico, aperto alla contingenza, che consente alle persone di adattarsi spontaneamente alle esigenze e alle vicissitudini della vita. Gli italiani hanno una parola per questo: arrangiarsi, più che "cavarsela", è l'arte dell'improvvisazione, un modo di usare le risorse a portata di mano per forgiare soluzioni. La porosità del Pensiero Lento apre la strada a potenziali risposte alle situazioni umane.

5. Il pensiero lento è giocoso

Ciò significa, soprattutto, che le regole possono essere infrante seriamente. Il Pensiero Lento lancia il regolamento, come ha detto Erasmus, citato da Johan Huizinga nel suo studio magistrale Homo Ludens (1955):

A mio parere, non è assolutamente necessario agire nelle Scuole come ci si comporta giocando a carte o a dadi, dove qualsiasi violazione delle regole rovina il gioco. In una discussione di apprendimento, invece, non dovrebbe esserci nulla di oltraggioso o di rischioso nel proporre una nuova idea.


Ciò riecheggia perfettamente la filosofia dell'evento di Badiou che spiega la novazione: l'ingresso di nuove cose nel mondo. Nel suo Secondo Manifesto per la Filosofia (2011), Badiou afferma chiaramente che: "La filosofia non è nulla se non è sconsiderata". Nella sua giocosa incoscienza, il Pensiero Lento non ha vincoli. Né il tempo né la tradizione possono corromperlo. Il "gioco" o la tolleranza del Pensiero Lento implica non solo che le regole saranno infrante, ma che una rottura nel pensiero è possibile. Questa rottura è un rifiuto di accettare ciò che Milan Kundera nel suo saggio "Sessantatre parole" (1988) chiama "il non-pensato delle idee ricevute".


Huizinga chiama suonare "un intermezzo, un interludio nella nostra vita quotidiana" in un amabile gioco di parole, vedendo il gioco come l'attività tra atti di un concerto o di un'opera, "distinti dalla «vita ordinaria»", per "uscire dalla realtà comune in un ordine superiore". Il gioco crea discontinuità nelle nostre vite. Essendo giocoso, il Pensiero Lento non si oppone alla serietà, ma crea un suo proprio senso. Come il gioco dei bambini, il Pensiero Lento è volontario, non ha alcun compito e può essere posticipato o sospeso in qualsiasi momento. Il gioco crea il proprio tempo, le regole e il senso dell'ordine, servendo come modello per il pensiero lento. E come il gioco, il Pensiero Lento è collegato alla follia, ma non è folle. Il gioco, nello studio di Huizinga, non ha alcuna funzione biologica o morale, non è né una necessità fisica né un dovere morale. Dal gioco non deriva alcun interesse materiale e "nessun profitto può essere acquisito da esso".


Proprio come il gioco aiuta il bambino a costruire un senso di sé, il gioco crea la propria comunità, separata dal mondo comune, sotto mentite spoglie o con altri mezzi, secondo Huizinga. C'è qualcosa di mascherato, travestito e non evidente né ovvio sul gioco. Eppure, ancora una volta, mentre non è serio o logico, il gioco crea le proprie regole, ordine e logica. Il Pensiero Lento mira a cogliere, smascherare e decodificare le regole, l'ordine e la logica del gioco.


C'è una somiglianza di famiglia del Pensiero Lento con altri gesti nella storia del pensiero. Tristram Shandy (1759-67) di Laurence Sterne racconta la sua storia con molte divagazioni e diversivi deliberati, sempre con uno scopo satirico. In un celebre sonetto, il poeta del XVII secolo John Milton affermava: "Servono anche quelli che stanno in piedi e aspettano". Nel 1913, Edmund Husserl ha costruito grammaticamente l'epoché fenomenica - una parentesi di esperienza, una sospensione del giudizio. Lévinas si riferisce alla stanchezza e alla fatica come resistenza all'esistenza, e alla dilatazione come a "un'impossibilità di iniziare o ... il compimento dell'inizio". Agamben, il filosofo dell'indistinto e dell'indifferenza, ama il laconico di Bartleby: "Preferirei non farlo". Jacques Lacan parla della lettre en souffrance, "la lettera in attesa", nel suo seminario su "The Purloined Letter" di Edgar Allan Poe '(1844) - una lettera che (finalmente / dopo tanti eventi / casualmente) arriva a destinazione, nonostante la sua dislocazione. Jacques Derrida decostruisce differimento e ritardo - al punto che lungi dal raggiungere la sua destinazione, non riesce mai a intraprendere il viaggio in quanto vi sono tanti punti di partenza.


Il Pensiero Lento invoca la parola resistenza, non come difesa psicoanalitica, ma come sospensione e differimento. Dalla digressione e dall'indifferenza, attraverso le parentesi e la sospensione, il differimento e il ritardo, l'esitazione e la stanchezza, allo spostamento e all'abbandono, il Pensiero Lento ha visto molte iterazioni della canzonatura che lo definisce. Ciò che hanno in comune è l'indugiare, il trattenersi, l'attendere e un appello alla riflessione prima della condanna, la chiarezza prima della chiamata all'azione.

 

6. Il pensiero lento è un contro-metodo, piuttosto che un metodo, per pensare mentre rilassa, rilascia e libera il pensiero dai suoi vincoli e dal trauma della tradizione

Un editoriale sull'Irish Times del 2014 che esorta l'Irlanda a introdurre la filosofia nelle scuole secondarie argomenta contro il "tentativo di rimuovere il tempo per la riflessione", perfettamente riassunto dagli "slogan della nostra era tecno-consumista": Fallo semplicemente, Muoviti veloce e Rompi le cose (Vivi solo una volta), che ci incoraggiano a "agire subito, pensare dopo". Contro una "società dei consumi [che] tenta costantemente di rimuovere il tempo per la riflessione", la filosofia è raccomandata come "un contrappeso a questa cultura dell'azione rapida".


Il problema dell'«azione rapida» è che presuppone un modo sicuro di fare le cose e un'uniformità che, con un pizzico, possiamo accelerare. Proprio come il fast food funziona per alcuni pasti e non per altri, dobbiamo rimanere aperti a cose che richiedono tempo, sia per preservare ciò che ha valore dal passato e prendersi il tempo per forgiare nuovi approcci nel presente. La chiave qui è la molteplicità, pluralità e diversità, che richiedono tempo.


Secondo Ludwig Wittgenstein: "Non esiste un metodo filosofico, sebbene esistano effettivamente metodi, come delle terapie diverse". Il filosofo più famoso e radicale del XX secolo non stabilì un sistema filosofico perché desiderava curare se stesso - e noi - con la filosofia. Il riferimento alla terapia è importante poiché Wittgenstein ha paragonato il lavoro della filosofia a quello della medicina o della psicologia: "Il modo in cui il filosofo tratta una questione è come il trattamento di una malattia".


Quando dico che il Pensiero Lento è un contro-metodo, lo allineo al pensiero di Wittgenstein, pubblicato postumo in Remarks on the Philosophy of Psychology (1980), dove conclude:

Quello che scopriamo in filosofia è banale; non ci insegna nuovi fatti, solo la scienza lo fa. Ma la sinossi corretta di queste banalità è enormemente difficile e ha un'importanza immensa. La filosofia è infatti la sinossi delle futilità.


Mettiamolo in una prospettiva filosofica più ampia. Nel lavoro di Badiou e Richard Rorty, possiamo distinguere due tipi di filosofi. Rorty li chiama filosofi sistematici ed edificanti, mentre Badiou li chiama filosofi e anti-filosofi. Filosofi sistematici (secondo Rorty) e veri filosofi (secondo Badiou) costruiscono sistemi di pensiero, costruendo spesso i propri materiali (metodi) per l'edificio filosofico. Pensatori come Platone e Aristotele, Agostino e Tommaso d'Aquino, Giambattista Vico e Giordano Bruno, Thomas Hobbes e John Locke, René Descartes e Baruch Spinoza, Immanuel Kant e Husserl, sono tutti filosofi sistematici. Altri affrontano questioni edificanti (Rorty) o lavorano per indebolire i sistemi di pensiero stabiliti (gli anti-filosofi di Badiou). Rorty si riferisce a questi pensatori come "terapeutici piuttosto che costruttivi". Gli anti-filosofi di Badiou includono Paolo di Tarso, Friedrich Nietzsche, Sigmund Freud e il suo seguace Lacan e Wittgenstein.


Seguendo le mie ricerche filosofiche sul trauma e sull'evento, distinguo i filosofi sistematici e veri come filosofi dell'evento, possibilità di apertura, di pensiero e di vita. Gli anti-filosofi sono i filosofi del trauma e dell'abisso, possibilità di chiusura. Ciò che hanno in comune è la rottura intesa come cesura, discontinuità o iato. Quando la rottura diventa trauma / abisso, non è necessariamente un trauma clinico così com'è concepito nella psichiatria e nella psicoanalisi, ma il trauma di studi culturali che, fedele al modo in cui è inteso nella tradizione anti-filosofica, non è né sistematico, né costruttivo, ma decostruttivo e, a differenza del trauma clinico, non richiede alcun tipo di intervento.


C'è un altro gruppo di pensatori che chiamo metodologi. Questi sono pensatori che ci offrono nuovi strumenti di pensiero. Non si adattano facilmente alle categorie dicotomiche filosofiche / anti-filosofiche o filosofiche sistematiche / edificanti. Penso ad aspetti di Nietzsche, come la sua genealogia, come una metodologia. Mentre Badiou vede Wittgenstein come anti-filosofo, è chiaro che Wittgenstein si considera il grande metodologo che ha evitato un sistema filosofico e, chiarendo i giochi linguistici, ha ripulito alcuni pseudo-problemi filosofici. Da questa prospettiva, anche Derrida è visto come un metodologo che offre una serie di straordinari approfondimenti sul linguaggio, la cultura e il pensiero con concetti come il pharmakon, la disseminazione e l'iterazione. Foucault e il suo più grande lettore, Agamben, sono metodologi. Foucault offre una serie di metodologie: genealogia, archeologia e problematicizzazione. Agamben ha affinato l'archeologia di Foucault, la cui genealogia egli fa risalire a Nietzsche e a Freud in una raffinata metodologia che chiama archeologia filosofica. Foucault offre inoltre le sue nozioni sul dispositivo o sull'apparato, nonché sulla sua nozione di "cura di sé" come metodologie di indagine, riflessione e pratica.

Può essere rilevante perché:

Se il tipo di vita della nostra cultura 'occidentale' ci ha portato a una malattia incurabile e fatale come l'Alzheimer, tra l'altro in costante aumento, può non essere del tutto inutile e irrilevante discuterne; magari un altro stile di vita potrebbe rispettare di più la nostra natura e biologia.

Il Pensiero Lento è un contro-metodo come un analogo all'anti-filosofia. Proprio come ci sono filosofi e anti-filosofi, ci sono metodi e contro-metodi. In questo senso, possiamo raggruppare il pensiero lento come filosofia edificante e come anti-filosofia, il modo in cui Nietzsche, Wittgenstein e Derrida esaminano gli strumenti e i metodi di pensiero per chiarire le genealogie (Nietzsche), per liberarci di pseudo-problemi ( Wittgenstein), e per rivelare radici latenti, sconosciute e disconnesse, significati e tracce di parole (Derrida).

 

7. Il pensiero lento è intenzionale

In una meravigliosa lezione filosofica strutturata come uno scherzo, Wittgenstein ha esortato i filosofi a affrettare il loro modo di pensare:

Domanda: "In che modo un filosofo si rivolge ad un altro?"
Risposta: "Prenditi il ​​tuo tempo".


Questa era anche la fondamentale lamentela di Socrate contro i sofisti dalla lingua argentata. Mentre i sofisti avevano addestrato gli ateniesi nella retorica per difendersi efficacemente, Socrate ha parlato lentamente e deliberatamente, anche con esitazione, e non è stato in grado di difendersi - a breve scadenza - dalle accuse di corruzione della gioventù di Atene. La storia ha dato il proprio giudizio su quelle accuse.

 

 

 


Fonte: Vincenzo di Nicola, professore ordinario di psichiatria all'Università di Montreal, dove lavora come psichiatra infantile e adolescenziale; formatosi in psicologia, psichiatria e filosofia, ha completato il dottorato in filosofia alla European Graduate School. Ora sta lavorando con il collega psichiatra e filosofo Drozdstoj Stoyanov su un volume intitolato 'Psichiatria in crisi: all'incrocio delle scienze sociali, delle scienze umane e delle neuroscienze', che sarà pubblicato da Springer International.

Pubblicato su AEON (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Il cammino può invertire l'invecchiamento del cervello?

2.09.2021

Il cervello è costituito principalmente da due tipi di sostanze: materia grigia e bianc...

L'Alzheimer inizia all'interno delle cellule nervose?

25.08.2021

Uno studio sperimentale eseguito alla Lund University in Svezia ha rivelato che la prote...

Pensaci: tenere attivo il cervello può ritardare l'Alzheimer di 5 anni

21.07.2021

Mantenere il cervello attivo in vecchiaia è sempre stata un'idea intelligente, ma un nu...

Interleuchina3: la molecola di segnalazione che può prevenire l'Alzheimer

20.07.2021

Una nuova ricerca su esseri umani e topi ha identificato una particolare molecola di seg...

Scoperta inaspettata: proteine infiammatorie possono rallentare il declino cog…

5.07.2021

Finora la ricerca aveva collegato l'infiammazione al morbo di Alzheimer (MA), però scie...

Puoi distinguere il delirium dalla demenza? È solo questione di tempi

17.06.2021

Quante volte hai sentito qualcuno esclamare "Tu deliri!" o "Sei un demente!", nell'incre...

Livelli di ossigeno nel sangue potrebbero spiegare perché la perdita di memor…

9.06.2021

Per la prima volta al mondo, scienziati dell'Università del Sussex hanno registrato i l...

Dosi basse di radiazioni possono migliorare la qualità di vita nell'Alzheimer…

6.05.2021

Individui con morbo di Alzheimer (MA) grave hanno mostrato notevoli miglioramenti nel co...

L'Alzheimer è composto da quattro sottotipi distinti

4.05.2021

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato dall'accumulo anomale e dalla diffusione de...

Un nuovo modello per l'Alzheimer: fenotipi di minaccia, stati di difesa e meta…

23.04.2021

Che dire se avessimo concettualizzato erroneamente, o almeno in modo incompleto, il morb...

Nuovo sensore nel cervello offre risposte all'Alzheimer

12.03.2021

Scienziati della Università della Virginia (UVA) hanno sviluppato uno strumento per mon...

Nuova teoria sulla formazione dei ricordi nel cervello

9.03.2021

Una ricerca eseguita all'Università del Kent ha portato allo sviluppo della teoria Mesh...

Nuovo farmaco previene le placche amiloidi, un segno specifico di Alzheimer

8.03.2021

Le placche di amiloide sono caratteristiche patologiche del morbo di Alzheimer (MA): son...

Variante della proteina che causa l'Alzheimer protegge dalla malattia

15.02.2021

Le scoperte di un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA), guidato da ricercatori dell...

Che speranza hai dopo la diagnosi di Alzheimer?

25.01.2021

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia che cambia davvero la vita, non solo per la p...

Il gas da uova marce potrebbe proteggere dall'Alzheimer

15.01.2021

La reputazione dell'[[acido solfidrico]] (o idrogeno solforato), di solito considerato v...

4 Benefici segreti di un minuto di esercizio al giorno

29.12.2020

Conosci tutti gli effetti positivi dell'esercizio fisico sul tuo corpo e sulla tua mente...

Il ruolo sorprendente delle cellule immunitarie del cervello

21.12.2020

Una parte importante del sistema immunitario del cervello, le cellule chiamate microglia...

Come rimodellare con le arti l'assistenza alla demenza

14.12.2020

Da bambina, Anne Basting è andata a trovare la nonna nella casa di riposo. 'Impressionante' è l...

Rete nascosta di enzimi responsabile della perdita di sinapsi nell'Alzheimer

8.12.2020

Un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA) eseguito da scienziati dello Scripps Researc...

La lunga strada verso la demenza inizia con piccoli 'semi' di aggregazione

20.11.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) si sviluppa nel corso di decenni. Inizia con una reazione a c...

Come vivere in modo sicuro con la demenza a casa tua

12.11.2020

C'è un malinteso comune che la persona con una diagnosi di demenza perde la sua indipen...

LipiDiDiet trova effetti ampi e duraturi da intervento nutrizionale all'inizio…

9.11.2020

Attualmente non esiste una cura nota per la demenza, e le terapie farmacologiche esisten...

Paesi asiatici assistono gli anziani in modo diverso: ecco cosa possiamo impar…

28.10.2020

A differenza dei paesi occidentali, le culture tradizionali asiatiche mettono un forte a...

Fruttosio prodotto nel cervello può essere un meccanismo che guida l'Alzheime…

29.09.2020

Una nuova ricerca rilasciata dalla University of Colorado propone che il morbo di Alzhei...

Proteine grumose induriscono i capillari del cervello: nuovo fattore di rischi…

11.09.2020

I depositi di una proteina chiamata 'Medin', che è presente in quasi tutti gli anziani...

Come dormiamo oggi può prevedere quando inizia l'Alzheimer

8.09.2020

Cosa faresti se sapessi quanto tempo hai prima che insorga il morbo di Alzheimer (MA)? N...

IFITM3: la proteina all'origine della formazione di placche nell'Alzheimer

4.09.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia neurodegenerativa caratterizzata dall'accumul...

Perché le cadute sono così comuni nell'Alzheimer e nelle altre demenze?

4.09.2020

Le cadute hanno cause mediche o ambientali

Una volta che si considerano tutte le divers...

Laser a infrarossi distrugge le placche di amiloide nell'Alzheimer

7.08.2020

L'aggregazione di proteine ​​in strutture chiamate 'placche amiloidi' è una caratte...

Perché è importante la diagnosi precoce di demenza?

31.07.2020

Vedere problemi di memoria nel tuo caro anziano può essere davvero spaventoso. Magari n...

Tre modi per smettere di preoccuparti

29.07.2020

Sai di essere una persona apprensiva se ti identifichi con Flounder in La Sirenetta<...

I dieci fattori legati a un aumento del rischio di Alzheimer

27.07.2020

Anche se non c'è ancora alcuna cura, i ricercatori stanno continuando a migliorare la c...

Smetti di chiederti se sei un bravo caregiver

3.07.2020

Amare e prendersi cura di qualcuno con demenza può essere difficile. Forse, è una dell...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua carrier...

Relazioni personali ricche migliorano il funzionamento del cervello

22.06.2020

Come interagiscono gli individui, come si percepiscono uno con l'altro, e i pensieri e i...

Identificata nuova forma di Alzheimer ad esordio molto precoce

16.06.2020

Ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer (MA) che co...

Scoperta importante sull'Alzheimer: neuroni che inducono rumore 'coprono' i ri…

11.06.2020

I neuroni che sono responsabili di nuove esperienze interferiscono con i segnali dei neu...

Falsi miti: perché le persone sono così pessimiste sulla vecchiaia?

4.06.2020

Non smettiamo di giocare perché invecchiamo, ma invecchiamo perché smettiamo di gi...

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie…

28.05.2020

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e pe...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l…

26.05.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del ...

Il nuovo collegamento tra Alzheimer e inquinamento dell'aria

13.05.2020

Il mio primo giorno a Città del Messico è stato duro. Lo smog era così fitto che, men...

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di…

6.05.2020

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cos...

Sempre più giovani con Alzheimer e demenza: colpa delle tossine ambientali, m…

6.05.2020

È abbastanza straziante quando le persone anziane sviluppano condizioni di perdita di m...

5 tipi di ricerca, sottostudiati al momento, potrebbero darci trattamenti per …

27.04.2020

Nessun ostacolo fondamentale ci impedisce di sviluppare un trattamento efficace per il m...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo da zero

17.04.2020

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrionale, secon...

Cosa rimane del sé dopo che la memoria se n'è andata?

7.04.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria. Nell...

Convalidare il sentimento aiuta meglio di criticare o sminuire

30.03.2020

Sostenere i tuoi amici e la famiglia può aiutarli a superare questi tempi di incertezza...

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Tutti gli articoli da non perdere