Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Sono le donne la chiave per svelare l'Alzheimer?

Sono le donne la chiave per svelare l'Alzheimer?
L'Alzheimer ha colpito duramente i Schafferman. Audrey è stata la prima: ha avuto la diagnosi a 65 anni, circa 3 anni prima del fratello minore Gene, ed è morta nel 2007. Gene l'avrebbe seguita 5 anni più tardi.


La figlia di Gene, Donna Shore, ricorda che la malattia di suo padre sembrava molto diversa da quella della zia. "Sembrava che nella zia Audrey andasse molto più veloce che in mio padre", dice Shore, 58 anni di Littlestown in Pennsylvania. Si è presa cura di Gene.


Era così arzillo e vivace da continuare con il suo passatempo preferito, la danza, fino ad appena un anno prima della morte. Il personale della casa di cura lo chiamava "Gene, Gene, la Macchina Danzante". Shore è particolarmente grata che suo padre non abbia mai dimenticato chi era, chiamandola con il suo soprannome Sparky fino alla morte.


Il declino di Audrey, al contrario, sembrava più crudele. La madre e nonna sempre gentile e amorevole era diventata paranoica. Accusava le figlie di rubare gli occhiali e gli assegni della previdenza - quando riusciva a ricordare chi erano i suoi figli. "Andavo in bagno e piangere, perché non ero abituato a mia madre che parlava con me in quel modo", dice Robin Broyles, 62 anni di Baltimora nel Maryland. Quando Audrey ha iniziato a uscire di nascosto di casa e ha iniziato a confondere un armadio con il bagno, la famiglia ha preso la decisione straziante di metterla in una casa di cura. E' morta 18 mesi più tardi.


Anche se l'esperienza della malattia è altamente individuale, i ricercatori pensano che quello che è successo alla famiglia Schafferman può essere parte di uno schema più grande, che mette le donne nell'epicentro dell'epidemia di Alzheimer. Gli studi dimostrano che, a partire da 65 anni, le donne hanno circa il doppio del rischio di contrarre la malattia. Circa 1 donna ogni 6 avrà l'Alzheimer dopo i 65 anni, rispetto a circa 1 uomo ogni 11 (la metà delle donne). Circa due terzi delle persone con la malattia negli Stati Uniti sono donne.


Non solo le donne hanno più probabilità degli uomini di ottenere l'Alzheimer, ma studi recenti suggeriscono che la malattia fa il suo lavoro più rapidamente nelle donne, causando loro un declino più veloce - e più profondo - rispetto agli uomini, per lo meno all'inizio.

 

Alzheimer nelle donne: qual'è il rischio?

Si è pensato per lungo tempo che il motivo principale dell'aumento del rischio delle donne fosse l'età. Le donne semplicemente vivono più a lungo rispetto agli uomini, e l'Alzheimer è una malattia dell'invecchiamento. Più a lungo si vive, più è probabile che insorga.


Ma i ricercatori dicono che l'età da sola non può spiegare tutto il rischio supplementare. In uno studio recente, i ricercatori della Duke University hanno esaminato la storia medica (documentata da test scritti e da scansioni del cervello) di quasi 400 uomini e donne arruolati in uno studio di lunga durata sulle funzioni cerebrali. Tutti i partecipanti allo studio mostravano i primi cambiamenti nella memoria e nel pensiero che spesso, ma non sempre, diventano Alzheimer.


Ciò che i ricercatori hanno trovato è stato sorprendente: le donne con i primi cambiamenti di memoria sono peggiorate circa due volte più velocemente degli uomini, e hanno finito anche per stare peggio. "I nostri risultati suggeriscono che gli uomini e le donne a rischio di Alzheimer possono avere due esperienze molto diverse", dice Katherine Lin, ricercatrice senior della Duke e prima autrice dello studio. La Lin dice che è possibile che ci sia qualcosa di unico nella biologia o nelle esperienze di vita delle donne che le rende più vulnerabili alla malattia rispetto agli uomini. "Scoprire questi fattori dovrebbe essere una priorità per la ricerca futura", dice.


Su questo concorda l'Alzheimer's Association, un gruppo nazionale di difesa senza scopo di lucro. In Maggio 2015, l'associazione ha lanciato la Women's Alzheimer’s Research Initiative (WARI), che è focalizzata sul finanziamento degli studi che cercano di capire questi rischi ancora sconosciuti. Ha in programma di annunciare il primo round di finanziamenti questa primavera. Non sarà un compito facile, in quanto devono scegliere solo 6/8 progetti tra più di 120 richieste da 17 paesi. Ogni progetto riceverà 250 mila dollari come finanziamento della ricerca.


"Non è solo che le donne vivono di più. C'è qualcos'altro in termini di biologia e di ambiente per le donne rispetto agli uomini, che può aumentare il loro rischio, o se hanno alcuni sintomi, cambiare la progressione", dice Kristine Yaffe MD, professoressa di psichiatria, neurologia ed epidemiologia all'Università della California di San Francisco.


Roberta Diaz Brinton PhD, è una neuroscienziata della University of Southern California e una voce importante per lo studio della malattia nelle donne. Lei trova sconcertante che la maggior parte della ricerca di Alzheimer non abbia discriminato il genere, quando le donne con la malattia sono preponderanti. "Con l'AIDS, la comunità di ricerca non esaminava l'intero spettro di coloro che avevano un rapporto sessuale", dice la Brinton. Al contrario, i ricercatori si sono concentrati sugli uomini gay che hanno rapporti sessuali non protetti. "Si sono focalizzati sulle persone con la biologia".

 

Nuovi indizi nelle donne

Uno dei maggiori fattori di rischio dell'Alzheimer - per uomini o donne - è un gene che porta le istruzioni di una proteina chiamata apolipoproteina E, che traghetta il colesterolo e l'amiloide-beta dentro e fuori le cellule. L'amiloide-beta è composta da frammenti appiccicosi di proteine ​​che si accumulano nel cervello delle persone con Alzheimer.


Ereditare una sola copia del gene APOE4 assegna un rischio da due a quattro volte più alto di Alzheimer. Ereditare due copie aumenta il rischio di quasi 15 volte. Questo maggiore rischio non sembra essere condiviso equamente tra uomini e donne. Uno studio del 2014 su più di 8.000 persone ha rilevato che l'APOE4 ha un effetto più forte nelle donne. Per gli uomini in buona salute, avere una copia del gene aumenta solo leggermente il rischio di problemi di memoria rispetto agli altri uomini. Per le donne, una sola copia quasi raddoppia il rischio di cambiamenti cerebrali e di eventuale Alzheimer rispetto alle altre donne.


Altri studi si sono chiesti se lo stile di vita e le esperienze particolari per le donne hanno un ruolo.

  • Le donne sono più propense degli uomini a deprimersi, fatto che aumenta il rischio di Alzheimer.

  • L'istruzione, si scopre, ha una connessione potente con la salute del cervello. Più istruzione ha una persona, più basso è il rischio di Alzheimer, portando i ricercatori a chiedersi se la conoscenza e l'apprendimento possono potenziare il cervello, quasi come un muscolo, rendendo più difficile alla malattia di portarselo via. Storicamente, le donne non hanno l'istruzione degli uomini.

  • L'esercizio protegge il cervello dall'Alzheimer, e gli studi hanno dimostrato che almeno in passato, le donne non sono mai state attive fisicamente come gli uomini nel corso della loro vita.

  • Anche la chirurgia è più rischiosa per le donne. Un po' di confusione può essere normale dopo un'anestesia generale, e la maggior parte delle persone recupera dall'esperienza senza problemi duraturi. Ma alcune persone non riescono mai a recuperare del tutto, e gli anziani sono noti per essere particolarmente vulnerabili agli effetti a lungo termine di un intervento chirurgico.

    I ricercatori della Oregon Health & Science University hanno scoperto che gli uomini e le donne che erano stati anestetizzati per un intervento chirurgico andavano peggio nei test di pensiero e di memoria rispetto agli adulti simili che non avevano avuto un intervento chirurgico. Ma i cali erano più grandi e più rapidi per le donne. Le donne avevano una maggiore riduzione del volume cerebrale nella risonanza magnetica dopo l'anestesia rispetto agli uomini.

    Più operazioni ha avuto una persona, più sono grandi i problemi cerebrali dopo l'intervento chirurgico. E non sembra essere importante il tipo di farmaco anestetico usato.

 

Ormoni: aiuto o danno?

Un altro puzzle importante riguardo l'Alzheimer è il ruolo degli ormoni, e se la terapia ormonale sostitutiva fa male o aiuta la memoria di una donna che invecchia. Gli estrogeni hanno un ruolo importante nella salute del cervello. Aumentano i livelli di una sostanza chimica che aiuta le cellule nervose a comunicare tra loro. E hanno anche un ruolo nel modo in cui il cervello usa lo zucchero glucosio, il suo combustibile principale. Durante il periodo appena prima della menopausa, quando i livelli di estrogeni iniziano naturalmente a cadere, molte donne lamentano problemi di pensiero nebbioso e di scarsa attenzione.


Perciò i medici si sono chiesti se dare ancora ormoni alle donne può mantenere forte la loro memoria. Ma uno studio ampio, finanziato dal governo, ha rivelato che l'uso di estrogeni e di progesterone dopo la menopausa aumenta il rischio di Alzheimer e di altre forme di demenza. Nel dare un'occhiata più da vicino ai risultati, però, i ricercatori hanno visto che la maggior parte delle donne nello studio stavano prendendo ormoni quando erano ben oltre la menopausa, molto tempo dopo che il corpo aveva smesso di produrli naturalmente.


Questo ha indotto i medici a chiedersi se gli ormoni dati in un momento più vicino a quello in cui il corpo smette di produrli naturalmente (intorno ai 50 anni, invece che a 65), potrebbe fare la differenza, un'idea chiamata "Ipotesi tempistica". Diversi studi hanno verificato la teoria e sono rimasti a mani vuote. "Sono abbastanza sicuro che i dati non suggeriscono alcun effetto. Nessuna evidenza di beneficio o danno. Se una donna sta pensando alla terapia ormonale per una qualsiasi ragione, ci sono molte cose da considerare in tale decisione, ma non che possa rendere un po' più intelligenti o più ottusi, non credo che ci sia molto effetto lì", dice Victor Henderson MD, professore di politica e ricerca sanitaria e neurologia alla Stanford University.


Ma i ricercatori non hanno rinunciato alla speranza che gli estrogeni possano aiutare a proteggere il cervello di alcune donne. "Ora, a mio avviso, la questione è diventata più raffinata nel corso del tempo. Esiste anche un sottogruppo di individui su cui dovremmo concentrarci nel periodo critico, e in quel caso, quale potrebbe essere quel sottoinsieme?", dice Sarah Janicki MD, neurologa della Columbia University.


La medicina personalizzata può rendere possibile ciò. La Janicki ha condotto uno studio che ha esaminato i geni che dicono al corpo come produrre i recettori degli estrogeni. I recettori degli estrogeni sono siti di attracco sulle cellule di tutto il corpo - comprese quelle del cervello - che riconoscono e rispondono agli estrogeni. Essa ha scoperto che 4 modifiche genetiche in tali recettori sono collegati ad un rischio quasi doppio di Alzheimer, e lei cerca di capire come questo può aiutare ad individuare le donne che potrebbero trarre vantaggio o essere danneggiate dalla terapia ormonale. E poiché anche gli uomini hanno recettori degli estrogeni sulle cellule cerebrali, la sua ricerca potrebbe eventualmente aiutare anche loro.


La menopausa non è l'unico momento nella vita di una donna nel quale il suo cervello passa attraverso grandi cambiamenti. Anche la gravidanza ha un impatto. Durante la gravidanza, il cervello di una donna e del suo bambino sono bombardati da una sostanza chimica chiamata allopregnanolone, un ormone del cervello. Esso stimola la crescita di nuove cellule cerebrali nel bambino e le protegge dai pericoli. Nella mamma, i ricercatori pensano che potrebbe ridurre lo stress.


Nei topi allevati per avere un modello dell'Alzheimer, l'allopregnanolone scatena la crescita di nuove cellule cerebrali e gonfia la materia bianca del cervello - le connessioni che aiutano le cellule cerebrali a comunicare. Riduce inoltre la quantità di amiloide-beta - quei pezzi di proteine ​​adesive - che intasa il cervello dei malati di Alzheimer. E inverte i cambiamenti della memoria e del pensiero legati alla malattia, così che i topi di Alzheimer trattati con l'allopregnanolone ottengono gli stessi risultati sui test di memoria e pensiero di quelli dei topi normali.


E' importante notare che i topi non sono persone. I farmaci che sembrano promettenti negli animali spesso fanno poco o nulla per l'uomo. Ma la Brinton pensa che l'allopregnanolone sia promettente. Sta testando il farmaco nelle persone per determinare la dose migliore e per cercare di ottenere qualche indizio su quali pazienti potrebbero trarre beneficio dal farmaco. Saprà se aiuta la loro memoria o il pensiero solo tra 2 o 3 anni.


Un altro farmaco che ha mostrato risultati promettenti, almeno per alcune pazienti, è il leuprolide o Lupron. E' già approvato dalla FDA per il trattamento di endometriosi e per ridurre i fibromi uterini. In uno studio con più di 100 donne affette da Alzheimer, quelle che hanno avuto una iniezione settimanale del farmaco, insieme con Aricept, non hanno avuto quasi nessun cambiamento nella memoria per un anno, rispetto alle donne che hanno preso solo Aricept.


Il Lupron aiuta ad abbassare i livelli dell'ormone follicolo-stimolante e dell'ormone luteinizzante, segnali chimici che sorgono durante la menopausa e rimangono alti. Craig Atwood PhD, professore associato di Geriatria all'Università del Wisconsin, afferma che il trattamento aiuta il cervello perché porta in equilibrio gli ormoni impazziti.


Atwood dice che sta esaminando se sono gli ormoni elevati a guidare l'Alzheimer; sopprimerli può impedire alle donne di invecchiare così rapidamente. Ma ammette che è solo una supposizione. In questo momento, non riesce in realtà a capire come il farmaco potrebbe funzionare o che cosa potrebbe fare, quando è combinato con l'Aricept. Atwood e i colleghi sperano di raccogliere più soldi per uno studio clinico più ampio, che avrebbe provare il trattamento su uomini e donne.

 

Le famiglie aspettano, e sperano

Mentre la scienza sforna lentamente, la famiglia di Audrey Schafferman sta ancora lottando per farcela senza di lei. Quando Audrey aveva 17 anni, ha sposato un uomo di nome Dennis Rose. Dopo che nasceva ogni figlio e ogni nipote, Audrey diceva con orgoglio: "Assomiglia ai Rose!".


Dopo la morte di Audrey nel 2007, Jaime Stone e alcuni dei suoi altri nipoti hanno formato un gruppo per raccogliere fondi per la ricerca sulla malattia. Camminano sotto il nome di Audrey's Little Roses (Le piccole rose di Audrey) nella camminata annuale "Walk to End Alzheimer's" (Cammina per fermare l'Alzheimer) sponsorizzata dall'Alzheimer's Association.


E' il modo migliore che hanno per onorare la matriarca che si è portata via così tanto di loro quando li ha lasciati. "Eravamo abituati ad essere una famiglia molto, molto unita. Ma qui negli ultimi due anni nessuno vuole davvero stare insieme", dice Stone. La nonna, dice, era il collante che li teneva insieme. "E' stato difficile".

 

 

 


Fonte: Brenda Goodman MA (verificato da Michael W. Smith MD) in WebMD (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...