Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

La mia storia

Questa storia inizia 3 anni fà​. Un giorno sono salita da mamma (allora aveva 81 anni) e l'​ho trovata con la tazza del the piena di acqua e caffè​ appoggiata sul fornello acceso;​ mi sono spaventata perchè​ la tazza poteva esplodere e farle male, ho chiesto a mamma cosa stai facendo e lei tranquillamente mi ha risposto: un caffè​.

Dopo questo episodio mi sono rivolta al medico di famiglia e su suo consiglio l'​abbiamo portata dalla neurologa;​ la dottoressa ha evidenziato problemi di spazio temporale, non sa più​ in che giorno siamo, anno, mese, fa fatica a riconoscere i famigliari. Continua a chiedere e dire sempre le stesse cose, durante la giornata è​ capace di fare la stessa domanda anche 20 volte.....

Sono stata consigliata di farle fare una tac, ma il mio medico, vista l'​età​, l'​ha sconsigliata. Sono stata indirizzata all'​ufficio invalidi civili, ma per ben tre volte è​ stata respinta la domanda... Nel frattempo mamma si è​ aggravata anche fisicamente;​ a maggio 2010 ha subito un intervento all'​intestino durato 6 ore, la diagnosi di allora è​ stata occlusione intestinale da briglia, stenosi del sigma da tumor.

Nel mese di agosto sempre del 2010 ricovero urgente per insufficienza respiratoria acuta in cardiopatia ipertensiva scompensata. La diagnosi alla dimissione è​ infezione alle vie urinatie, diabete mellito e ultimo sindrome involutiva psico-organica senile. A febbraio 2011 altro ricovero: diagnosi subocclusione intestinale da coprostasi.

Da qui la decisione di prendere mamma in casa con me, per farla vivere serena, per lavarla e cambiarla, cosa che non faceva più​ da sola, puzzava sempre di pipì​ e popo, non lavava le mani, non si lavava più​.
Tutti i giorni devo metterle la supposta di glicerina o farle il cristere per evitare altri blocchi intestinali;​ una volta al mese chiamo un medico geriatra di fiducia per farla visitare. Mamma non è​ più​ in grado di vivere da sola. Durante la giornata le sommistro i medicinali, in questo ordine:
ore 8 cerotto cuore
ore 8 capsula protezione stomaco
ore 8,10 diuretico
ore 8,20 pastiglia diabete
ore 8,30 alvonorm capsula poi colazione.
Dopo di che la lavo e fino alle 11,30 si mette seduta sul divano e guarda in giro. Cerco di spronarla a fare passare un giornale, a volte le faccio piegare i panni, ma è​ molto apatica.

Alle ore 11,30 le somministro una pastiglia cordarone, dopo pranzo verso l'​una e mezza le dò​ la cardioaspirina. Al pomeriggio si sdraia sul divano e riposa, alle 15,30 le dò​ il diuretico e fino a sera basta medicine.

Non è​ cattiva, non cerca di andare fuori e impassiva secondo mè​.
Dopo cena le devo dare le gocce delle gocce NEULEPTIL e in ultimo uno sciroppo perchè​ in questi giorni ha avuto un reflusso gastrico.


Adesso dopo questa mia giornata tipo, vi chiedo: secondo voi può​ vivere sola?
Può​ somministrarsi i medicinali da sola?
Secondo voi io posso andare a lavorare?
Lei con chi sta? chi la segue? chi l'​accudisce?
Beh vi dico che secondo l'​ufficio invalidi non ha problemi, non serve l'​accompag​namento, che per l'​ennesima volta è​ stato rifiutato.

Sto accanto a mamma perchè​ la amo, non ho più​ una vita mia, a volte ho paura di non riuscire a gestire questa malattia, ho paura di non essere in grado di starle accanto... Oggi poi sono veramente a terra;​ dimenticavo, io sono in cura depressiva presso il centro psichiatrico, una depressione causata dalla perdita del posto di lavoro e la perdita di parecchie mensilità​, inoltre adesso come adesso non potrei proprio cercare un lavoro con mamma cosi.

Amo la mia mamma e per lei darei la mia vita, voglio vederla serena fino alla fine.....ciao anna maria giacalone

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: