Iscriviti alla newsletter

Riflessioni di un coniuge di Alzheimer: dubbi e colpe

Riflessioni di un coniuge di Alzheimer: dubbi e colpe I coniugi caregiver spesso vivono con incertezza quando devono prendere decisioni sull'assistenza dei loro cari e sulle loro stesse esigenze, come caregiver. I caregiver non ricevono un manuale di istruzioni assieme alla diagnosi di Alzheimer dei loro cari, così dubbio e senso di colpa possono facilmente accompagnare le decisioni più importanti.


Togliere le chiavi della macchina è spesso la prima decisione importante che può indurre dubbio e/o senso di colpa nel caregiver. Le persone con Alzheimer spesso vogliono continuare a guidare e sentono di poter farlo in modo sicuro anche quando i loro caregiver sanno che non è più sicuro per loro farlo.


I caregiver devono avere il coraggio di togliere le chiavi della macchina quando è "necessario", che i loro cari siano d'accordo o meno. Però il dubbio può facilmente insinuarsi, perché non c'è accordo unanime sul momento in cui è necessario. Alcuni medici e caregiver ritengono che fino a quando la persona cara con Alzheimer non comincia a ignorare i segnali stradali, urta i cordoli in curva, o dimostra di avere una guida pericolosa in qualche altro modo, è bene lasciarlo continuare a guidare. Altri ritengono che le persone con Alzheimer dovrebbero smettere di guidare non appena ricevono la diagnosi, ben prima che aumenti la possibilità di un incidente.


Altre decisioni precoci, che possono portare dubbi e/o sensi di colpa nel caregiver, arrivano quando i caregiver sentono che hanno bisogno di mettere il proprio caro in un programma diurno sociale di assistenza o di aumentare il tempo che trascorre in tali programmi. Lo stesso vale per il momento in cui potrebbe essere necessario reclutare compagnia a casa o assistenti sanitari o quando si deve prendere in considerazione il trasferimento in una struttura di vita assistita.


Ho sperimentato il dubbio, ma non il senso di colpa, quando ho preso ciascuna di queste decisioni per Clare. In ogni occasione ho fatto quello che pensavo fosse meglio per lei ... e, certamente, meglio per me ... quindi non c'era alcun senso di colpa.


Una volta che Clare ha avuto ufficialmente la diagnosi di Alzheimer, ho voluto che smettesse di guidare immediatamente. Il nostro medico era d'accordo. Le ho detto che, anche se lei poteva essere ancora in grado di guidare in modo sicuro per un po', ad un certo punto le sue abilità cognitive sarebbero peggiorate rendendo pericolosa la guida. Le ho detto che non volevo che lei facesse un incidente e, magari ferire sé stessa o altri. Anche i nostri figli hanno detto a Clare che non avrebbero lasciato che i nipoti andassero in macchina se guidava lei.


Abbiamo discusso su questo argomento per quasi due mesi dopo la diagnosi. A quel punto, ho detto al mio gruppo di sostegno che avrei nascosto le chiavi della macchina se non avesse smesso di guidare entro due settimane. Lo stesso giorno, tornando a casa dal gruppo di sostegno e dopo una ulteriore discussione sulla sua guida, Clare a malincuore mi ha consegnato le chiavi della macchina e ha accettato di smettere di guidare. Ha detto che sentiva di poter ancora guidare in modo sicuro, ma se la guida mi causava così tanto stress e ansia, e preoccupava i nostri figli così tanto, allora avrebbe smesso. Ho sentito una enorme tristezza per Clare perché sapevo che questo la stava derubando della sua indipendenza ... ma non sentivo alcun senso di colpa.


Quando abbiamo raggiunto il punto in cui Clare chiedeva tutto il mio tempo e attenzione a casa, ho avuto bisogno di tempo di tregua. Clare non sentiva il bisogno di frequentare programmi di assistenza diurni e si rifiutava di prendere in considerazione la compagnia a casa, ma le ho detto che doveva fare una scelta perché avevo bisogno di tempo solo per me. Clare finalmente ha accettato di frequentare un programma diurno per adulti una volta alla settimana per 4 ore, solo per fare un favore a me. Quando ho avuto bisogno di più tempo di sollievo, Clare a malincuore ha accettato di andare al centro diurno più spesso. Ho avuto qualche dubbio sulla qualità dei programmi, ma non mi sentivo in colpa per la mia decisione iniziale di mandarla al centro diurno, e poi di aumentare quelle ore.


E alla fine è diventato sempre più difficile per me prendermi cura di Clare a casa. Abbiamo iniziato a discutere su igiene di base, toilette, doccia, farmaci, vestirsi e mangiare. Molti membri del mio gruppo di sostegno hanno dichiarato di aver atteso troppo a lungo per mettere in una struttura i loro coniugi, così ho chiesto a Clare di venire con me a visitare delle strutture di residenza assistita. L'accordo era che avremmo selezionato il "dove" dopo le nostre visite e non avremmo preso la decisione sul "quando" per qualche tempo. Abbiamo visitato sei impianti con unità di demenza separati e abbiamo concordato il "dove," pensando che avevamo ancora molti mesi per decidere il "quando".


Solo poche settimane dopo, però, lo schema declini/altipiani di Clare è improvvisamente cambiato e ora stava declinando più rapidamente e senza altipiani in vista. Ho dato alla struttura di vita assistita un deposito rimborsabile per mettere il suo nome in lista d'attesa per una stanza, e ho iniziato a preparare Clare sul momento, sempre più vicino, del "quando". Tre mesi più tardi, la stanza si è resa disponibile e ho trasferito lì Clare. Non c'era alcun dubbio nella mia mente che questa decisione fosse necessaria e non sentivo assolutamente alcun senso di colpa. Non riuscivo più a prendermi cura di Clare correttamente da solo, rifiutava di avere aiutanti a casa, e questa era l'unica opzione rimasta.


Il giorno ufficiale di trasferimento, ho lasciato Clare nelle mani del direttore dell'unità di demenza intorno alle 9:30, promettendo di tornare a far visita la sera stessa. Ho abbracciato forte Clare, dato il bacio dell'addio, e sono partito. Quando sono tornato alla macchina, sono rimasto seduto per diversi minuti e ho pianto. Poi sono tornato a casa e ho pianto ancora un po'. Ho sentito un'enorme tristezza, e ho avuto qualche dubbio sul fatto che questa struttura potesse provvedere ai bisogni di Clare tanto quanto avevo sperato. Ho avuto dubbi su come si sarebbe adattata e dubbi sul fatto che sarebbe stata felice lì. Ma non mi sentivo in colpa per il trasferimento di Clare. Sentivo semplicemente che avevo fatto ciò che era meglio per Clare ... e quello che era necessario per me.


Famiglie e amici in buona fede possono talvolta disapprovare con forza le decisioni dei caregiver primari, portando i caregiver a sperimentare non solo dubbio, ma anche un enorme senso di colpa. Tuttavia, i caregiver devono essere sempre consapevoli che amici e famiglia, pur con le migliori intenzioni, non stanno camminando nelle scarpe del caregiver. I caregiver devono accettare di avere a volte dubbi sulle loro decisioni, ma non ci dovrebbe mai essere alcun senso di colpa. Questo semplicemente non è giusto.


Nel mio gruppo di supporto per coniugi, i caregiver a volte parlano di come un amico o un parente li ha fatti sentire in colpa per una recente decisione presa per il coniuge su programmi o collocamento in una struttura. Altri caregiver attorno al tavolo li interrompono invariabilmente dicendo che parenti e amici con buone intenzioni semplicemente non hanno idea di quello che è la nostra vita come caregiver 24/7 ... che semplicemente "non capiscono" come noi, e non c'è alcun motivo per sentirsi in colpa per una decisione presa nel migliore interesse di una persona cara.


I dubbi spesso possono accompagnano le decisioni più importanti del caregiver, ma prendersi cura di una persona cara è abbastanza duro senza che il caregiver debba anche sperimentare il senso di colpa.

 

 

 

Nota: Questo è il sesto di una serie di dieci articoli settimanali con cui voglio condividere le emozioni che provo di solito. La mia speranza è che questi articoli portino un po' di conforto agli altri caregiver di Alzheimer che stanno vivendo sentimenti simili. Il mio prossimo intervento sarà: "Riflessioni di un coniuge di Alzheimer ... frustrazione".

 

 

 


Fonte: Allan S. Vann in Huffington Post (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.