Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Due studi scoprono il ruolo cruciale del sonno nella formazione dei ricordi

Il sonno, o una sua mancanza, ha un effetto drastico sui neuroni nell'ippocampo.

 

Immagina di essere uno studente, e ti stai preparando per un esame importante: tiri sveglio la notte o ti riposi un po'? Come sa ogni persona con le occhiaie e la mente vuota a un esame, la mancanza di sonno può rendere straordinariamente difficile conservare le informazioni.


Due nuovi studi eseguiti all'Università del Michigan hanno scoperto perché e cosa accade all'interno del cervello durante il sonno, e con la sua privazione, che aiuta o danneggia la formazione dei ricordi.


Neuroni specifici possono essere sintonizzati su stimoli specifici. Ad esempio, i ratti in un labirinto avranno neuroni che si accendono una volta che l'animale raggiunge punti specifici nel labirinto. Questi neuroni, chiamati neuroni di posizione, sono attivi anche nelle persone e le aiutano a navigare nel loro ambiente. Ma cosa succede durante il sonno?


"Se quel neurone risponde mentre dormi, cosa puoi dedurre da questo?", ha detto Kamran Diba PhD, professore associato di anestesiologia alla U-M.


Uno studio, riassunto su Nature e guidato da Diba e dall'ex studente laureato Kourosh Maboudi PhD, ha esaminato i neuroni nell'ippocampo, una struttura a forma di cavalluccio marino in profondità nel cervello, coinvolto nella formazione della memoria, e ha scoperto un modo per visualizzare la sintonizzazione dei modelli neuronali associati a una posizione mentre un animale dormiva.


Un tipo di attività elettrica chiamata 'increspature a onde-acute' (sharp-wave ripples) è emanata dall'ippocampo ogni 2 secondi, per un periodo di molte ore, durante gli stati di riposo e nel sonno. I ricercatori si sono incuriositi da quanto erano sincrone le increspature e dalla distanza che raggiungevano, apparentemente per diffondere informazioni da una parte all'altra del cervello. Si ritiene che questi spari consentano ai neuroni di formare e aggiornare i ricordi, incluso il luogo.


Per lo studio, il team ha misurato l'attività cerebrale di ratto durante il sonno, dopo che aveva completato un nuovo labirinto. Usando un tipo di inferenza statistica chiamata apprendimento bayesiano, sono riusciti per la prima volta a tracciare quali neuroni rispondono a posti specifici nel labirinto.


"Diciamo che un neurone preferisce un certo angolo del labirinto. Potremmo vedere che i neuroni si attivano con altri che mostrano una preferenza simile durante il sonno. Ma a volte, insieme a quella cellula, potrebbero attivarsi neuroni associati ad altre aree. Abbiamo quindi visto che quando rimettiamo il topo sul labirinto, le preferenze di posizione dei neuroni sono cambiate, a seconda delle cellule con cui hanno sparato durante il sonno", ha detto Diba.


Il metodo consente di visualizzare la plasticità o la deriva rappresentativa dei neuroni in tempo reale. Dà inoltre un maggiore supporto alla vecchia teoria secondo cui la riattivazione dei neuroni durante il sonno dimostra quanto è importante il sonno per i ricordi. Data quell'importanza, il team di Diba voleva guardare ciò che accade nel cervello nel contesto della privazione del sonno.


Nel secondo studio, anch'esso pubblicato su Nature, il team, guidato da Diba e dall'ex studente laureato Bapun Giri PhD, ha confrontato quanti neuroni si riattivavano (dove sparano di nuovo a riposo i neuroni di posto che avevano sparato durante l'esplorazione del labirinto) e la sequenza della loro riattivazione (quantificata come riproduzione), durante il sonno rispetto alla perdita del sonno.


Hanno scoperto che i modelli di sparo dei neuroni coinvolti nella riattivazione e nella riproduzione dell'esperienza del labirinto erano più elevati nel sonno rispetto alla privazione del sonno. La privazione del sonno corrispondeva a un tasso simile o più elevato di increspature a onde-acute, ma con onde di ampiezza più bassa e increspature di potenza più bassa.


"In quasi la metà dei casi, tuttavia, la riattivazione dell'esperienza del labirinto durante le increspature a onde-acute è stata completamente soppressa durante la privazione del sonno", ha detto Diba.


Quando i topi privati ​​del sonno hanno recuperato il sonno, ha aggiunto, mentre la riattivazione è leggermente rimbalzata, non ha mai eguagliato quella dei topi che dormivano normalmente. Inoltre, la riproduzione era compromessa allo stesso modo ma non è stata recuperata quando è stato riacquistato il sonno perso. Poiché la riattivazione e la riproduzione sono importanti per la memoria, i risultati dimostrano gli effetti dannosi della privazione del sonno sulla memoria.


La squadra di Diba spera di continuare a esaminare la natura dell'elaborazione della memoria durante il sonno e perché deve essere riattivata, ​​e gli effetti della pressione del sonno sulla memoria.

 

 

 


Fonte: Kelly Malcom in University of Michigan (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. K Maboudi, [+3], K Diba. Retuning of hippocampal representations during sleep. Nature, 2024, DOI
  2. B Giri, [+4], K Diba. Sleep loss diminishes hippocampal reactivation and replay. Nature, 2024, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.