Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Per info su Alzheimer meglio Google o ChatGPT? Pro e contro in ciascuno

Google Vs ChatGPT

Quando hai bisogno di informazioni accurate su una malattia grave, dovresti chiedere a Google o a ChatGPT? Uno studio interdisciplinare condotto all'Università della California di Riverside, con la collaborazione di scienziati clinici dell'Università dell'Alabama e della Florida International University, ha scoperto che i servizi di raccolta di informazioni su Internet hanno punti sia di forza che di debolezza per le persone che cercano informazioni sull'Alzheimer e su altre forme di demenza.


I ricercatori hanno scoperto che Google fornisce le informazioni più attuali, ma i risultati delle interrogazioni sono distorti dai fornitori di servizi e prodotti in cerca di clienti. ChatGPT, al contrario, fornisce informazioni più oggettive, ma può essere obsoleto e non indica la fonte delle informazioni nelle risposte narrative.


"Se scegli le migliori caratteristiche di entrambi, puoi costruire un sistema migliore e penso che questo sia ciò che accadrà nei prossimi due anni", ha affermato Vagelis Hristidis, professore di informatica e ingegneria di UCR.


Nel loro studio, Hristidis e i coautori hanno presentato 60 domande sia a Google che a ChatGPT che potrebbero essere osservazioni tipiche delle persone con demenza e delle loro famiglie. I ricercatori si sono concentrati sulla demenza perché oltre 6 milioni di americani sono colpiti dall'Alzheimer o da una condizione correlata, ha affermato la coautrice dello studio Nicole Ruggiano, prof.ssa di lavoro sociale all'Università dell'Alabama.


"La ricerca mostra anche che i caregiver delle persone con demenza sono, tra le parti coinvolte, le più interessate a cercare informazioni sulla salute, poiché spesso hanno il compito di prendere decisioni per le cure della persona cara"
, ha detto la Ruggiano.


La metà delle interrogazioni presentate dai ricercatori riguardava informazioni sui processi della malattia, e l'altra metà sui servizi che potevano aiutare i pazienti e le loro famiglie. I risultati sono stati misti.


"Google ha informazioni più aggiornate e copre tutto", ha detto Hristidis. “Mentre ChatGPT viene addestrato una volta ogni diversi mesi. Quindi, è indietro. Per dire, se ci sono nuovi medicinali usciti la scorsa settimana, non li troverai su ChatGPT".


Sebbene datato, ChatGPT ha fornito informazioni più affidabili e accurate di Google. Questo perché i creatori di ChatGPT alla OpenAI scelgono i siti Web più affidabili quando formano ChatGPT attraverso l'apprendimento automatico intensivo computazionalmente. Tuttavia, gli utenti vengono lasciati al buio su fonti specifiche di informazione perché le narrazioni risultanti sono prive di riferimenti.


Google, tuttavia, ha un problema di affidabilità perché "copre essenzialmente tutto, dalle fonti affidabili alle inserzioni pubblicitarie", ha affermato Hristidis. In effetti, gli inserzionisti pagano Google affinché i loro collegamenti al sito Web appaiano in alto nelle pagine dei risultati della ricerca. Pertanto, gli utenti spesso vedono prima i collegamenti ai siti Web delle aziende commerciali che cercano di vendere loro servizi e prodotti relativi all'assistenza. Trovare informazioni affidabili su Google richiede quindi un livello di abilità e esperienza dell'utente, ha affermato Hristidis.


La co-autrice Ellen Brown, prof.ssa associata di infermieristica alla Florida International University, ha sottolineato che le famiglie hanno bisogno di informazioni tempestive sull'Alzheimer:

"Sebbene non vi sia alcuna cura per la malattia, sono in corso molti studi clinici e recentemente un trattamento promettente per l'Alzheimer iniziale è stato approvato dalla FDA. Pertanto, le informazioni aggiornate sono importanti per le famiglie che desiderano conoscere le scoperte recenti e i trattamenti disponibili".


Gli autori dello studio, pubblicato sul Journal of Medical Internet Research, scrivono che"l'aggiunta sia della fonte che della data delle informazioni sanitarie e la disponibilità in altre lingue può aumentare il valore di queste piattaforme sia per i professionisti sia medici che non medici".


Google e ChatGPT hanno entrambi ottenuto un punteggio basso per la leggibilità, che è difficile per le persone con livelli inferiori di istruzione e bassa alfabetizzazione sanitaria.


"La mia previsione è che la leggibilità è la cosa più semplice da migliorare perché ci sono già alcuni strumenti, alcuni metodi di intelligenza artificiale, che possono leggere e parafrasare il testo", ha detto Hristidis. “In termini di miglioramento dell'affidabilità, della precisione e così via, è molto più difficile. Non dimenticare che ci sono voluti agli scienziati molti decenni di ricerca sull'intelligenza artificiale per costruire GhatGPT. Ci saranno miglioramenti lenti da dove siamo ora".

 

 

 


Fonte: David Danelski in University of California - Riverside (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: V Hristidis, [+4], S Stewart. ChatGPT vs Google for Queries Related to Dementia and Other Cognitive Decline: Comparison of Results. J Med Internet Res, 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.