Iscriviti alla newsletter

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

Alzheimers patient and caregiver

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che essere caregiver familiare ha un impatto negativo sulla salute di una persona, poiché aumenterebbe i livelli di infiammazione, indebolendo la funzione del sistema immunitario.


Ora, dopo aver analizzato 30 studi sui livelli di molecole immunitarie e infiammatorie dei caregiver, ricercatori della Johns Hopkins University hanno affermato che il collegamento è stato sopravvalutato e che l'associazione è estremamente ridotta.


Essi riferiscono che lo stress del caregiver spiega meno dell'1% della variabilità dei biomarcatori del sistema immunitario e dell'infiammazione. La loro nuova meta-analisi è stata pubblicata il 10 marzo su The Gerontologist.


"Non stiamo dicendo che il caregiving familiare non è stressante, ma è comune pensare che è così stressante da causare un peggioramento della salute e un aumento della mortalità. Questo può portare a temere il caregiving e una riluttanza a prendersi cura dei propri cari nel bisogno", dice il primo autore David Roth MA/PhD, professore di medicina e direttore del Center on Aging and Health della Johns Hopkins University. "Stiamo sfidando quella narrativa come troppo esagerata".


Secondo la National Alliance for Caregiving, più di 34 milioni di persone negli Stati Uniti danno assistenza a un familiare o a un amico disabile o anziano o malato cronico in ogni dato anno. Il valore dei servizi forniti da questi caregiver familiari è stimato in 375 miliardi di dollari all'anno. Nel 1987, uno studio ha concluso che i caregiver di persone con Alzheimer avevano livelli inferiori di alcune molecole immunitarie. Da allora, altri studi hanno suggerito che i caregiver familiari hanno mortalità e tasso di malattie psichiatriche maggiori, funzione immunitaria e durata della vita minori, e guarigione delle ferite più lenta rispetto ad altre persone.


Dopo aver notato debolezze statistiche in diversi studi recenti sul caregiving e l'immunità, Roth e i suoi colleghi volevano rivisitare oltre trent'anni di studi su queste idee. Hanno ristretto la loro analisi alle ricerche sui biomarcatori immunitari o infiammatori - molecole che possono essere rilevate attraverso un esame del sangue - e raccolte dai database della letteratura medica, per trovare studi che collegano lo stress cronico del caregiving familiare a questi biomarcatori. Dopo aver esaminato 132 testi completi, hanno ristretto la meta-analisi a 30 documenti originali basati su dati.


Nel complesso, i documenti che il gruppo di Roth ha studiato andavano dal 1987 al 2016 e riportavano i dati su 86 biomarcatori di 1.848 caregiver e 3.640 non caregiver. Quando i ricercatori hanno iniziato a revisionare i manoscritti, Roth afferma di aver immediatamente notato le tendenze: per iniziare, gli studi erano piuttosto piccoli. Dei 30 studi, 16 avevano meno di 50 caregiver, e alcuni addirittura solo 11 o 14. "Molti di questi sono piccoli studi esplorativi che possono finire per sovra-interpretare ciò che trovano", dice Roth.


Roth aggiunge che gli studi tendevano a confrontare i caregiver che si trovano in contesti clinici con altri adulti reclutati da centri anziani, chiese o altre organizzazioni comunitarie. "Queste persone differiscono per molti fattori da chi è propriamente un caregiver", dice Roth. "Molti dei cosiddetti controlli sono volontari sani e socialmente attivi". A causa di problemi come questo, 11 di questi studi sono stati classificati  'moderati' (anziché 'bassi' o 'minimi') per i potenziali pregiudizi.


Quando il team ha riunito i dati in una meta-analisi, ha trovato che la dimensione complessiva dell'effetto del caregiving sui biomarcatori è di 0.164 unità di deviazione standard. Anche se l'effetto è statisticamente significativo, i ricercatori hanno riferito che l'associazione è generalmente debole e di rilevanza clinica discutibile. Secondo Roth, si ritiene generalmente che una deviazione standard inferiore a 0,20 indichi una piccola dimensione dell'effetto.


"Non è che non abbiamo trovato nulla, ma è il sussurro di un effetto, non così grande come quello che le persone sono state indotte a credere", dice Roth.


Il team spera che il suo nuovo sguardo ai dati esistenti aiuti a incoraggiare le persone ad essere più aperte a diventare caregiver. I ricercatori sperano anche che aiuti le professioni mediche ad allontanarsi dall'idea che i caregiver sono vulnerabili:  "Il caregiving, se fatto bene, può effettivamente essere un'attività estremamente benefica e salutare, che migliora la tua vita perché ti stai comportando in modo pro-sociale", dice Roth.


I ricercatori stanno ora conducendo un ampio studio basato sulla popolazione, con controlli abbinati accuratamente e con biomarcatori raccolti più volte, al fine di ottenere informazioni ancora più dettagliate sulla connessione, o la sua mancanza, tra il caregiving e il sistema immunitario.

 

 

 


Fonte: Johns Hopkins Medicine (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: David L Roth, Orla C Sheehan, William E Haley, Nancy S Jenny, Mary Cushman, Jeremy D Walston. Is Family Caregiving Associated With Inflammation or Compromised Immunity? A Meta-Analysis. The Gerontologist, 10 Mar 2019, DOI: 10.1093/geront/gnz015

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.