Iscriviti alla newsletter

Caso di studio rivela effetti collaterali potenzialmente letali del lecanemab

Lecanemab

In un caso di studio degno di nota, pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease, degli investigatori riferiscono i risultati dell'autopsia in una donna di 65 anni con morbo di Alzheimer (MA) che ha ricevuto tre infusioni del lecanemab, farmaco anticorpo anti amiloide-beta (Aβ).


Quattro giorni dopo l'ultima infusione, ha avuto sintomi di ictus ed è morta diversi giorni dopo a causa di una emorragia intracerebrale multifocale nonostante i tentativi di intervento terapeutico. I risultati neuropatologici dell'autopsia riflettevano la fagocitosi Aβ indotta dalla terapia che coinvolge l'Aβ fibrillare sia nel tessuto cerebrale parenchimale che nella vascolarizzazione cerebrale.


La teoria esplorata più ampiamente sulla patogenesi del MA è l'ipotesi 'cascata amiloide', che afferma che l'eccesso di Aβ sotto forma di neurotossine guida il processo della malattia, con degenerazione neurofibrillare, perdita neuronale e deterioramento neurologico presenti come eventi a valle. Per estensione, la mitigazione dell'Aβ sarebbe una strategia logica come terapia.


La paziente aveva partecipato a uno studio di fase III sull'efficacia e sulla sicurezza del lecanemab sperimentale, un agente terapeutico monoclonale umanizzato progettato per colpire le protofibrille Aβ solubili. Lo studio ha dimostrato una riduzione del 27% del tasso di declino cognitivo a 18 mesi. Il potenziale di reazioni avverse alle terapie sperimentali che puntano l'Aβ era stato dimostrato in studi clinici precedenti.


"È da notare che, nonostante studi clinici che puntano l'Aβ siano in corso da più di 20 anni e siano note le reazioni avverse, sia clinicamente che su scansioni (ARIA, anomalie di imaging correlate all'amiloide), non avevamo capito essenzialmente niente delle reazioni cellulari a questi anticorpi sperimentali o del meccanismo dell'eliminazione dell'amiloide, prima di questo caso"
, ha spiegato il primo autore Rudolph J. Castellani MD, professore di neuropatologia alla Northwestern University di Chicago, in USA.


In questo caso, la paziente è morta dopo solo tre infusioni con lecanemab, nella fase 'sub-acuta' della reazione al farmaco. Questa scoperta, a questo punto nel regime di trattamento, non era stata riferita in precedenza. Anche se l'autopsia non ha rilevato alcuna comorbidità cardiovascolare sistemica, l'esame del cervello ha confermato che la terapia anti-Aβ ha provocato una sindrome fagocitica amiloide non descritta prima, che si estendeva negli innumerevoli capillari della corteccia cerebrale, dove c'era 'angiopatia amiloide cerebrale' (CAA) abbondante.


Ciò sembra aver portato all'insorgenza dei sintomi dell'ictus e ha precipitato l'emorragia al tentativo di intervenire per l'ictus. Il dott. Castellani ha commentato:

"In questo caso è, a mio avviso, abbondantemente chiaro che la risposta della paziente alla terapia anti-Aβ ha portato ai sintomi clinici e ha fornito un substrato per l'emorragia con intervento terapeutico, sollevando la questione di una interazione farmacologica potenzialmente letale".


La domanda diventa quindi se i pazienti che ricevono terapie anti-Aβ possono essere adeguatamente valutati per l'entità di CAA (che è variabile nel MA, da poca o nessuna CAA, a una CAA abbondante, come in questo caso) e se si possono evitare esiti avversi e potenzialmente letali. Sul lato positivo, sembrava esserci una parziale eliminazione di Aβ e possibilmente persino di tau fosforilata, quest'ultima non ancora descritta. In breve, il bersaglio impegnato è stato raggiunto, ma a spese di lesioni collaterali ai capillari interessati da CAA.


Il coautore Pouya Jamshidi MD, del Dipartimento di Patologia della Northwestern University, avverte:

“Sebbene questo sia il primo caso riportato a descrivere in dettaglio scoperte neuropatologiche in risposta al lecanemab, lo schema e distribuzione della patologia è così impressionante che è inconcepibile credere che questo possa restare un evento isolato".


Secondo M.-Marsel Mesulam MD, professore di neuroscienze, capo della neurologia comportamentale alla Northwestern University ed eponimo del Mesulam Center for Cognitive Neurology and Alzheimer’s Disease della Northwestern:

"La disponibilità del lecanemab introduce una nuova fase nel trattamento del MA. I benefici sono modesti a livello di gruppo e non conoscibili nei singoli pazienti. Gli effetti collaterali, anche se raramente sintomatici, possono essere devastanti come implicito da questo caso clinico.

"Rilevare le malattie cerebrovascolari e lo stato dell'apolipoproteina E diventa essenziale per prescrivere il farmaco. Inoltre, potrebbe essere necessario dire al paziente che il trattamento anticoagulante per l'ictus, in caso di tale evento, può diventare un'opzione con un rischio ancora maggiore".


Il dott. Castellani ha aggiunto:

"C'è chiaramente un atto di bilanciamento delicato e precario in corso tra puntare l'Aβ e una risposta potenzialmente deleteria dell'ospite, specialmente per quanto riguarda i vasi sanguigni coinvolti da CAA. Sono gravemente necessari migliori biomarcatori per valutare accuratamente l'entità della CAA. Neuroscansioni e genotipizzazione dell'ApoE, sebbene importanti per la stratificazione del rischio, lasciano molti casi di CAA grave non rilevati”.


George Perry PhD, caporedattore del Journal of Alzheimer's Disease, cattedra di neurobiologia dell'Università del Texas di San Antonio, ha osservato:

"I risultati di questo caso richiedono un esame intenso e attento di coloro che hanno effetti negativi da questi farmaci sperimentali, per ridurre al minimo il rischio di danni al cervello e la loro morte" .

 

 

 


Fonte: IOS Press (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: RJ Castellani, [+5], P Jamshidi. Neuropathology of Anti-Amyloid-β Immunotherapy: A Case Report. Journal of Alzheimer’s Disease, May 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 



Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.