Iscriviti alla newsletter

Un nuovo modello per l'Alzheimer: fenotipi di minaccia, stati di difesa e metabolismo

tiger threat

Che dire se avessimo concettualizzato erroneamente, o almeno in modo incompleto, il morbo di Alzheimer (MA) e le altre demenze?


Diamo un'occhiata a questa possibilità dalle forme di vita nel brodo primordiale fino ai moderni umani e vediamo se c'è un'altra storia che potrebbe avere più senso. Ricorda che un requisito di tutti gli organismi è essere in grado di identificare le minacce e difendersi da esse. Considera la possibilità che tutte le malattie degenerative, compreso il MA, possano essere malattie croniche relative alle minacce.


Ci sono quattro fenotipi umani di base e fondamentali (stati fisiologici espressi geneticamente) che sono molto simili agli antichi fenotipi dei nostri batteri ancestrali e archei primitivi di quattro miliardi di anni fa. Questi fenotipi comprendono due fisiologie di minaccia (T1 e T2) e due fisiologie di sicurezza (S1 e S2) che iniziano all'interno del nostro brodo molecolare e fluiscono per tutto il nostro sistema, fissando il nostro stato mitocondriale, cellulare, fisico, emotivo, sociale e, infine, spirituale. Questa discussione si concentrerà principalmente sul fenotipo T1 e cosa può accadere se siamo bloccati in questo stato di difesa.


Il primo fenotipo di minaccia, T1, è progettato per il lotta-e-fuggi. È una risposta di mobilizzazione che ha un'alta richiesta metabolica e di zucchero (glucosio o glicolitico), è pro-infiammatoria, ed è pro-immunità innata. Questi sono tutti necessari per difendersi dall'attacco di una tigre (o virale). Le funzioni che non sono necessarie in un attacco di tigre sono quelle riproduttive, gastrointestinali e le nuove funzioni cerebrali evolutive dell'uomo.


Per allocare le risorse, queste funzioni meno necessarie vanno relativamente offline e sperimentiamo dissociazioni cerebrali progressive e specifiche. In modo acuto, questo fenotipo T1 può essere di rabbia e collera o paura e vigilanza. In modo cronico, questo fenotipo è una delle irritabilità, esplosività e opposizioni che si estendono ad ansia, iperattività e ipervigilanza. Questi stati richiedono molte risorse e sono difficili da sostenere per molto tempo.


Rifocalizzandoci sul nuovo cervello evolutivo dell'uomo, considera che l'attacco della tigre non è il momento per risolvere calcoli o inventare la ruota, né per legarsi e collegarsi, né recitare informazioni memorizzate, né il momento del linguaggio complesso, quindi queste funzioni del cervello sono ridotte per supportare le altre funzioni necessarie per affrontare la tigre. Le minacce croniche portano alla dissociazione focale cerebrale cronica e alla fine alla decostruzione, o catabolismo, di queste aree.


Inoltre, la minaccia cronica spegne i percorsi antinfiammatori colinergici, anti-dolore, di rigenerazione (anabolica) e della memoria. Il sistema colinergico deriva il nome dal suo neurotrasmettitore acetilcolina ed è più noto come 'sistema nervoso parasimpatico' (PNS). La dissociazione e la decostruzione di questi nuovi centri del cervello distintamente umani ed evolutivi, e lo spegnimento dei percorsi colinergici conferiscono una foto molto sospettosa del MA.


Ciò che sottende questa immagine della malattia è a livello molecolare. Le citochine della minaccia (TC, threat cytokines) - per es. IL1, IL6, TNFa - e le loro funzioni possono, in generale, dipingere un'immagine completa. Le TC causano il fenotipo T1. Le TC influenzano il tono del sistema nervoso autonomo o automatico. La fisiologia T1 include il sistema nervoso lotta-o-fuggi, il sistema nervoso simpatico (SNS), che è attivato, mentre, come notato sopra, il PNS è disattivato, nella minaccia. Le TC determinano anche gli stati metabolici, mitocondriali, cellulari, fisici, emotivi, sociali e spirituali.


Le TC ci muovono verso il metabolismo dello zucchero (glucosio) o quello glicolitico e lontano dal metabolismo di fosforilazione ossidativa molto più efficiente (2 ATP invece di 18 ATP). Invece l'ossigeno viene usato per la produzione di specie reattive di ossigeno e questo promuove lo stato di difesa pro-infiammatoria. Parte della fonte di energia che usiamo per guidare le funzioni delle nostre cellule, l'ATP, è rilasciata dalle cellule e questa ATP viene usata per trasmettere segnali di pericolo invece di alimentare le funzioni della cellula.


A causa di tutti questi cambi di strategia metabolica, la domanda di zucchero (glucosio) diventa estremamente elevata nella fisiologia T1. Imploriamo cibi zuccherati, carboidrati semplici e scomponiamo i tessuti per una maggiore produzione di glucosio (gluconeogenesi). I tessuti con molto zucchero sono privilegiati: dischi intervertebrali, cartilagini, tendini, gengive, e persino la colla tra le cellule del cervello sono bersagli attraenti per il carburante. Inoltre, le cellule cerebrali che non sono importanti per la lotta sono decostruite per il carburante, mentre le cellule reattive, limbiche e cerebrali e le cellule cerebrali riflessive sono preservate.


Se la sostanza noncellulare del cervello è piena di zucchero, le cellule del cervello hanno molti grassi e parti di loro sono circondate da grassi. I grassi possono essere convertiti in glucosio e sono una ricca fonte di carburante. In uno stato di difesa, cellule neurali specifiche possono essere sacrificate per il bene superiore: la sopravvivenza dell'intero essere. Nella decostruzione di queste cellule, la proteina amiloide-beta trasporta i grassi fuori dalle cellule e fa uno scambio con i trasportatori di grassi che li portano ad essere dispiegati altrove.


Le persone che sono estremamente brave in questo processo, come i tipi portatori di grasso APOE4, masticano il loro cervello ad un tasso più alto quando sono sotto minaccia, e potenzialmente nell'invecchiamento. Questo tipo di trasportatore di grasso ha aiutato la sopravvivenza umana 200.000 anni fa sotto l'attacco di una tigre, quindi il gene persiste fino ad oggi. Tuttavia, nel mondo moderno questo tipo genetico non serve così bene queste persone e li predispone ai disturbi neurodegenerativi.


L'APOE4 e l'amiloide-beta visti nella demenza di MA sono percepiti come le cause tossiche sottostanti della malattia. Cosa succede se non lo sono? E se sono normali all'interno di un fenotipo T1 ed è la minaccia cronica che è la causa della malattia? In questo modello del MA, sembra improbabile che APOE4 e amiloide-beta siano tossine (se lo sono è un progetto terribile), ma semplicemente componenti metabolici e artefatti del processo di decostruzione delle cellule cerebrali. I trattamenti che puntano la rimozione di queste 'tossine' pertanto falliscono, se loro non sono il vero problema.


Inoltre, le TC influenzano la neurotrasmissione. Il GABA (acido γ-amminobutirrico), un neurotrasmettitore calmante e ristorativo, viene prodotto dall'amminoacido glutammina,  deviato al neurotrasmettitore eccitatorio glutammato e al produttore di energia acido 2-chetoglutarico. Inoltre, le TC deviano l'amminoacido triptofano lungo il percorso kynurenico e lontano dalla produzione di serotonina e melatonina.


Alla fine, le TC possono persino deviare l'amminoacido tirosina dalla produzione di dopamina e norepinefrina alle fonti di carburante acido fumarico e acetil acetato. Le citochine della minaccia deviano l'acido grasso  fosfatidilcoltina dalla produzione del neurotrasmettitore acetilcolina antinfiammatorio, rigenerativo e della memoria, alla produzione di prodotti chimici e di colesterolo pro-infiammatori da inserire nel cortisolo o da usare per la produzione di energia.


La produzione di energia è una priorità in uno stato di difesa T1. Che dire se il MA fosse uno stato di minaccia cronica che ha le sue cause sottostanti nella fisiologia indotta dalle citochine della minaccia?


In questo caso, allora il MA è, in effetti, uno stato iper-infiammatorio, ma più significativamente è uno stato degenerativo o, più precisamente, catabolico con una preferenza per le nuove strutture cerebrali evolutive degli umani.


Se tutto questo è vero, allora definire la minaccia diventa importante per un piano di trattamento della demenza. Le minacce possono essere fisiche (prioni, virus, batteri, funghi, protozoi, leoni, tigri e orsi, persone, inquinanti, tossine, farmaci, nutrizione scadente, sonno scadente, mancanza di esercizio, ecc.), spirituali (isolamento, abbandono, abuso, de-affrancamento, discriminazione, ingiustizia, narrazioni negative, ecc.), dell'oscurità (genetica, epigenetica, traumi generazionali, codici predittivi difensivi, ricordi traumatici, soppressioni, repressioni, ecc.).


Nel rivedere questo elenco, bisogna notare che la minaccia acuta, la minaccia cronica e la minaccia storica contribuiscono tutte al carico della minaccia totale che può innescare il MA e le altre malattie neurodegenerative. È necessario un buon inventario delle minacce per sviluppare un piano di assistenza che rimuova queste minacce. Questo tratterebbe questa malattia alle radici, non ai sintomi. La preoccupazione non è solo che ci sono molte minacce per gli umani, ma queste minacce sembrano aumentare e non diminuire nel mondo oggi.


Tuttavia, non è sufficiente rimuovere le minacce: è importante spostare le persone in un luogo di sicurezza e connessione. Come notato in precedenza, abbiamo anche due fenotipi di sicurezza fondamentali. L'S1 è riproduci e alimenta, l'S2 è riposa e digerisci. Anche qui è coinvolta la segnalazione della citochina. Le citochine della sicurezza (SC) - per es. IL4, IL10, TGFb - essenzialmente fanno il contrario delle TC.


Quando siamo al sicuro, in vista e al salvo, il potenziale distintamente umano del nostro cervello è completamente online. Possiamo contemplare e creare, connetterci, legarci ed empatizzare, parlare e scrivere in prosa e poesia, ricordare, dichiarare e giocare a Jeopardy. I percorsi antinfiammatori colinergici, anti-dolore, rigenerativi e di memoria (PNS) sono pienamente impegnati. Siamo ristorativi e rigenerativi, anche il cervello.


Forse, la cosa più importante per stimolare questa fisiologia di guarigione è una socializzazione e connessione sicura. Finora, sembra che la combinazione di rimuovere la minaccia e cercare sicurezza e connessione ancora superi le pillole e le procedure per il trattamento del MA.


Speriamo che questo modello di MA possa aiutare a dare un senso ad alcune delle peculiarità e dei misteri della malattia.


Quindi come spostiamo le persone dalla minaccia alla sicurezza? Resta sintonizzato e al sicuro.

 

 

 


Fonte: David Clawson MD (medico di riabilitazione) in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.