Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


I piani di evacuazione dovrebbero prevedere i problemi dei malati mentali

In caso di catastrofe (un tornado mortale, una inondazione o altre catastrofi artificiali) non soffrono solo quelli con danni fisici e disturbi traumatici.

Ricercatori della Johns Hopkins University dicono che dovrebbe essere dedicata più attenzione alla gestione di quelli identificati come aventi disturbi mentali.

In un commento che appare nel numero di giugno della rivista Biosecurity and Bioterrorism, Peter Rabins, MD, MPH, ha detto,

"I disastri limitano la disponibilità di risorse, e questi gruppi sono particolarmente vulnerabili perché non possono svolgere campagne a proprio favore. Ma poca attenzione è stata data alle sfide etiche che sorgono quando le risorse sono limitate, all'importanza di individuare tali questioni etiche prima del tempo, e all'istituzione di meccanismi per affrontare questi dilemmi morali". I ricercatori dicono che la pianificazione della risposta all'emergenza in genere ha trascurato le esigenze particolari delle persone che soffrono di disturbi mentali seri pre-esistenti. I sopravvissuti ai disastri possono includere chi ha malattie come la schizofrenia, la demenza, le dipendenze e il disturbo bipolare.

Nell'articolo, Rabins e Nancy Kass, Sc.D., dicono che molti dei malati mentali dipendono da caregivers e non sono pienamente in grado di prendere decisioni valide per conto proprio. I pianificatori di emergenze sono obbligati eticamente a garantire che servizi di salute mentale immediati e adeguati siano forniti insieme al più tradizionale triage [sistema per selezionare i soggetti coinvolti in infortuni, gravi o leggeri che siano, secondo classi di urgenza/emergenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate o del loro quadro clinico]. "I responsabili delle risposte ai disastri e quelli in prima linea sono ben consapevoli che i sopravvissuti potrebbero soccombere al PTSD [Disturbo Post-traumatico da Stress] e altri disturbi mentali", ha detto Rabins. "Ma le devastazioni improvvise mettono anche in grave pericolo le persone con disabilità cognitiva permanente o acquisita".

Uno studio citato dagli autori dice che il 22% dei sopravvissuti all'uragano Katrina che aveva disturbi mentali pre-esistenti ha avuto cure limitate o interrotte dopo il disastro. Otre ai pazienti affetti da demenza e altri che sono cognitivamente compromessi, gli autori dicono che questo gruppo vulnerabile comprende coloro che soffrono di dolore cronico e sono dipendenti da oppiacei, così come i tossicodipendenti che ricevono un trattamento sotto forma di sedativi potenti classificati come benzodiazepine. La sospensione di questi farmaci può essere un pericolo per la loro vita, notano gli autori.

Come primo passo, gli autori raccomandano che i pianificatori di risposte emergenziali identifichino proattivamente e anticipino le esigenze che potrebbero nascere, incontrando medici e funzionari della sanità pubblica. Quelle discussioni sarebbero quindi una guida alla pianificazione completa in anticipo. Siccome i professionisti con licenza spesso non sono disponibili (a causa della domanda) subito dopo una catastrofe, i programmatori dovrebbero considerare di informare i medici dei reparti di emergenza (EMT) e altri che possono rispondere immediatamente per identificare quelli affetti da patologie mentali pre-esistenti e riconoscere chi ha bisogno di attenzione immediata. La formazione dovrebbe includere i volontari della comunità, i leader religiosi e i civili addestrati, per distribuire materiali e servizi temporanei di base per i soggetti a rischio.

Nel tentativo di ridurre gli esiti negativi, i ricercatori consigliano che le misure di prevenzione secondaria diventino prioritarie. Questa azione potrebbe essere sotto forma di distribuzione da parte dei pronto soccorsi di sedativi per la gestione a breve termine dei sintomi correlati all'ansia. Ma gli autori dicono che dovrebbero essere sviluppate politiche per espandere la lista di quelli autorizzati a prescrivere tali farmaci, perchè sono ora strettamente regolate dalla legge federale. Gli autori notano che sedativi sono stati distribuiti a New York subito dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre 2001.

Esso raccomandano inoltre ai pianificatori di concentrarsi sulle sfide etiche che si possono presentare quando assistono i disabili mentali durante e dopo un disastro. Queste sfide possono essere in parte risolte con l'adozione di uno "standard di cura di crisi" coerente con le linee guida dell'Istituto di Medicina. Particolare attenzione dovrebbe essere data alle strutture di assistenza di lungo termine che ospitano molti pazienti con significativa compromissione cognitiva, come la demenza. Se queste persone devono essere evacuate, non possono comprendere fino in fondo la crisi e potrebbero essere a rischio di disagio emotivo estremo. Quindi, la formazione di preparazione alle catastrofi per la risposta immediata dovrebbe includere anche informazioni su come interagire con tali individui in un modo che rispetti la loro dignità, hanno detto gli autori.


Fonte: Johns Hopkins Medicine

Pubblicato in PsychCentral il 24 maggio 2011 - Traduzione di Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.