Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Vedere come si formano i ricordi dà speranza per la cura dell'Alzheimer

Chi non vorrebbe ricordi nitidi? Di fronte alla devastazione dell'Alzheimer, alla normale dimenticanza da invecchiamento, o anche solo a un esame particolarmente importante, molte persone potrebbero essere tentate di prendere un farmaco che impedisce di dimenticare o che migliora la memoria.

Le case farmaceutiche fanno a gara per testare i composti che potrebbero contribuire a curare persone che soffrono di malattie neurodegenerative devastanti, mentre i produttori di integratori alimentari ne evidenziano le loro presunte capacità di amplificazione delle capacità cerebrali.

E nei laboratori scientifici, i ricercatori che si concentrano sul problema di base di come si formano e persistono i ricordi, stanno cominciando ad avere intuizioni che potrebbero portare a farmaci in grado di ripristinare o migliorare la capacità di ricordare. In una nuova ricerca pubblicata la scorsa settimana, i ricercatori della Mount Sinai School of Medicine, iniettando un ormone simile all'insulina in cervelli di topi, hanno scoperto che potrebbe rafforzare il ricordo di un'esperienza spiacevole degli animali.

Nel frattempo, i ricercatori del Picower Institute for Learning and Memory del MIT [Massachusetts Institute of Technology, Boston] nel corso degli ultimi anni hanno scoperto che un farmaco, che permette alle spire del DNA di rilassarsi, è in grado di ripristinare l'apprendimento e la memoria in topi con una condizione simile all'Alzheimer.

I ricercatori del MIT stanno ora esplorando la possibilità di fondare una società indipendente o congiuntamente a un produttore di farmaci, al fine di portare il loro lavoro fuori dal laboratorio e in studi clinici. I ricercatori hanno una lunga strada da percorrere prima di dimostrare che tali interventi migliorino la memoria nelle persone in modo sicuro, ma il nuovo lavoro è far luce su una finestra critica di tempo in cui i ricordi restano consolidati. "E' davvero l'inizio della comprensione del sostegno molecolare della finestra'', ha detto Li-Huei Tsai, professore di neuroscienze presso l'Istituto Picower. "Questo è estremamente interessante, e credo che si possa pensare di capitalizzare questo concetto e adesso mirare davvero a una vasta gamma di disturbi della memoria."

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature, è un tentativo di svelare ciò che accade nel cervello quando i ricordi si formano. I ricercatori del Mount Sinai hanno iniziato con un doloroso ricordo: i ratti sono stati messi in una scatola con un vano che è stato acceso e un altro che era buio. Quando i ratti si avventuravano verso il lato oscuro, ricevevano uno shock al piede - la creazione di una memoria che li faceva evitare di andare lì, per tutto il tempo in cui persisteva il ricordo.

I ricercatori hanno scoperto che un ormone chiamato IGF-II è aumentato nel cervello dei ratti, dopo aver appreso che, entrando nella zona scura, ricevevano la scossa. Così i ricercatori hanno deciso di vedere cosa sarebbe accaduto se avessero bloccato tale incremento - e hanno scoperto di poter innescare una sorta di amnesia per lo shock. Quindi, i ricercatori hanno testato che cosa sarebbe accaduto iniettando l'ormone nel cervello dei ratti. Quelli che avevano ricevuto la spinta dell'ormone avevano un ricordo migliore della scossa al piede - un effetto presente fino a tre settimane dopo.

L'ormone doveva essere somministrato durante un periodo critico, però. Se le iniezioni erano effettuate il giorno dopo l'esperienza iniziale, la finestra era già chiusa e non c'era alcun effetto sulla memoria. Ma se l'iniezione di IGF-II era data subito dopo il ricordo del giorno dopo, la memoria del ratto veniva potenziata.

Il nuovo lavoro è un primo passo importante. I ricercatori devono ancora verificare se l'ormone può aiutare a migliorare la memoria, quando gli animali sono affetti da tipi di deficit di memoria osservata nella malattia di Alzheimer o la demenza. I ricercatori hanno anche analizzato solo i ricordi che coinvolgono la paura. "In realtà, noi non vogliamo aumentare la paura, vogliamo migliorare bei ricordi'', ha detto Cristina Alberini, docente di neuroscienze al Mount Sinai School of Medicine, l'autore principale del documento.

Lo studio è solo l'ultimo lavoro di guardare se è possibile migliorare o addirittura recuperare i ricordi perduti.

Nel 2007, Tsai e colleghi hanno riportato sulla rivista Nature che i topi che avevano imparato a temere la scossa al piede e poi hanno avuto neurodegenerazione significativa, simile a quello dell'Alzheimer, sono stati in grado di recuperare i loro ricordi perduti a lungo termine dopo essere stati esposti ad ambienti ricchi di stimoli, con giocattoli e rotelle di scorrimento che erano regolarmente cambiati. Hanno inoltre scoperto che un particolare farmaco che ha permesso al DNA per rilassarsi potrebbe avere lo stesso effetto.

Nel 2009, il suo gruppo ha ulteriormente approfondito il meccanismo di questo effetto memoria, e la sua speranza è ora quella di trovare un partner con le competenze e le risorse per tradurre il risultato laboratorio entusiasmante nell'attività clinica. "Spero davvero che possiamo aiutare le persone con disturbi della memoria'', ha detto Tsai. "Mi piacerebbe iniziare con l'Alzheimer - una malattia molto devastante, dove non c'è quasi nulla là fuori [di veramente efficace]".

 


Pubblicato su Boston.com il 31 gennaio 2011  -  Traduzione di Franco Pellizzari.

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.