Iscriviti alla newsletter

Esame del sangue per rilevare molto presto l'Alzheimer

Per capire come fermare la malattia, gli scienziati hanno bisogno di trovarla presto. Una parte del puzzle è sviluppare test efficaci per l'identificazione dell'Alzheimer prima che si radichi.

Sembra un enigma poiché molte persone dicono che non ne vogliono sapere, o non vogliono essere testati. Non prendete la mia parola per oro colato, chiedere alla gente che è offerta gratuitamente per i test di screening per la malattia di Alzheimer nel mese di novembre e hanno trovato poca disponibilità.

Questa è una ricerca interessante e un primo promettente risultato dello Scripps Research Institute di Jupiter, in Florida.

 

ScrippsLogo

Scienziati dello Scripps Research sviluppano una tecnologia innovativa per individuare la malattia di Alzheimer

Scienziati del campus in Florida di The Scripps Research Institute, hanno sviluppato una nuova tecnologia che è in grado di rilevare la presenza di molecole immunitarie specifiche per la malattia di Alzheimer in campioni di sangue dei pazienti. Anche se ancora preliminari, i risultati offrono la prova evidente che questa innovativa tecnologia potrebbe essere utilizzata nello sviluppo di biomarcatori per una serie di malattie umane.

Lo studio, guidato dal professor Thomas Kodadek, Ph.D., è stato pubblicato nell'edizione del 7 gennaio 2011 della rivista «Cell».

Tradizionalmente, gli antigeni, una sostanza, come una proteina da un virus o batterio, che stimola una risposta immunitaria, erano necessari per la scoperta dei biomarcatori di anticorpi. Non c'era finora alcun modo per identificare un anticorpo (un tipo di molecola immunitaria mirata) senza prima conoscere l'antigene che scatena la sua produzione. Il nuovo studio, tuttavia, sfida la conoscenza convenzionale e utilizza molecole di sintesi, piuttosto che gli antigeni, per individuare correttamente i segni della malattia nei campioni di sangue del paziente.

Questi composti sintetici presentano molti vantaggi - possono essere modificati facilmente e possono essere prodotti rapidamente in quantità relativamente grandi a costi inferiori.

"Il dottor Kodadek ha ideato un nuovo approccio per identificare anticorpi biomarcatori della malattia umana, che aggira il convenzionale, ma difficile, passo di identificare gli antigeni naturali o la loro imitazione", ha detto James M. Anderson, MD, Ph.D., direttore del National Institutes of Health (NIH) Division of Program Coordination, Planning and Strategic Initiatives, che aiuta a controllare il fondo dei NIH di finanziamento delle ricerche avanzate. "I risultati nel documento fanno intravvedere un grande potenziale per l'utilizzo di questo approccio per sviluppare rapidamente bio marcatori diagnostici per una serie di importanti malattie umane. Tale audacia nello sfidare i paradigmi convenzionali per realizzare importanti progressi scientifici è un marchio di garanzia del programma di ricerca pioneristica dei NIH, che ha sostenuto gran parte di questa ricerca".

"Questo studio mette fine, in sostanza, all'idea che l'unico modo per scoprire un anticorpo potenzialmente utile dai campioni di sangue, è con un antigene specifico", ha detto Kodadek. "Poiché il problema di identificazione dell'antigene ha dimostrato di essere così difficile, abbiamo deciso di tirarlo fuori dall'equazione."

Obiettivo puntato sul sistema immunitario

Per verificare il concetto, Kodadek e colleghi hanno utilizzato lo screening comparativo di librerie combinatoriali di molecole sintetiche - peptoidi - contro i campioni di siero ottenuti da topi con una condizione di sclerosi multipla-simile o da individui sani di controllo. Quelle molecole sintetiche che hanno conservato più immunoglobuline (IgG), un tipo importante di anticorpi, a partire dai campioni di sangue degli animali malati sono stati identificate come potenziali agenti per l'acquisizione di molecole utili alla diagnosi. Questo ha funzionato bene.

Il team si è poi rivolto a campioni di siero da sei pazienti di Alzheimer, sei individui sani, e sei pazienti con malattia di Parkinson. Sono stati identificati tre peptoidi che hanno catturato livelli almeno tre volte più alti di anticorpi IgG da tutti e sei i pazienti di Alzheimer rispetto a qualsiasi individuo di controllo o ai malati di Parkinson. I risultati hanno mostrato che due dei peptoidi legano gli stessi anticorpi IgG, un terzo si lega con anticorpi diversi, risultando in almeno due biomarcatori candidati per la malattia.

"Usiamo queste peptoidi come esca per catturare gli anticorpi IgG," ha detto Kodadek. "Alcune di queste molecole sintetiche riconoscono i siti di legame con l'antigene di anticorpi specifici per la malattia abbastanza bene da estrarli dai campioni di sangue, anche se quasi certamente non si legano così bene come gli antigeni nativi. Questa abilità dovrebbe consentire di corto-circuitare la scoperta degli antigeni naturali".
______________________________________________
Il primo autore dello studio, "Identification of Candidate IgG Antibody Biomarkers for Alzheimer's Disease through Screening of Synthetic Combinatorial Libraries," è Muralidhar M. Reddy di Opko Health Laboratories and Scripps Research. Altri autori includono Rosemary Wilson e Johnnie Wilson di Opko Health Laboratories, e Steven Connell, Anne Gocke, Linda Hynan, e Dwight German del Medical Center dell'University of Texas Southwestern. Per ulteriori informazioni, vedere www.scripps.edu.

Alzheimer's Reading Room, 6 gennaio 2011

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.