Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Le fibre migliorano la cognizione degli anziani? Studio dice che possono ridurre il declino cognitivo.

vegan plantbased vegetables

"È paradossale che l'idea di vivere una lunga vita attrae tutti noi, ma l'idea di invecchiare non attira nessuno" – Andy Rooney


Un nuovo studio ha scoperto che un semplice prebiotico potrebbe aumentare i batteri buoni nell'intestino e migliorare i punteggi in un test cognitivo per gli over-65. Questa potrebbe essere una notizia fantastica per coloro che sono preoccupati per la discesa apparentemente inevitabile nella demenza mentre si invecchia.


Lo studio, eseguito da Clare Steves, Mary Ní Lochlainn, Kevin Whelan e colleghi del King's College di Londra, ha scoperto che le persone che prendevano una fibra prebiotica avevano punteggi significativamente migliori in un test chiamato 'apprendimento di associazioni abbinate' (paired associates learning test). Questo test della memoria visiva viene usato spesso per rilevare i primi segni di Alzheimer.


Uno degli autori, Mary Ní Lochlainn, ha dichiarato: "Quelli che hanno ricevuto il prebiotico hanno fatto la metà degli errori in questo test rispetto al gruppo che ha ricevuto un placebo", e ha osservato che i cambiamenti apportati dal prebiotico sono avvenuti rapidamente. “È stato entusiasmante vedere questi cambiamenti solo in 12 settimane. Questo è molto promettente per migliorare la salute del cervello e la memoria nella nostra popolazione che invecchia", ha detto.


I ricercatori hanno scoperto che la fibra prebiotica ha aumentato dei batteri sani specifici, compresi i bifidobatteri, che sono tra i primi che acquisiamo da bambini con l'allattamento. Il latte materno contiene bifidobatteri e ci fa partire. I bifidobatteri producono acidi grassi a catena corta che nutrono e guariscono le cellule che foderano l'intestino. Mantenere sano l'intestino impedisce ai batteri e alle tossine di filtrare nel flusso sanguigno, dove vengono pompati su ogni organo del corpo, causando potenzialmente infiammazione diffusa.


Alcuni di questi acidi grassi arrivano anche al cervello, dove incoraggiano la crescita e la riparazione delle cellule cerebrali. Quando invecchiamo e consumiamo meno latte, i nostri bifidobatteri diminuiscono lentamente. Ma la dieta americana standard contiene poco di questa preziosa fibra, il che contribuisce a ridurre la quantità di bifidobatteri. Quando abbiamo 65 anni, ci sono rimasti pochissimi bifidobatteri e la loro assenza si avverte in mille piccoli modi, dalle ginocchia rigide al diabete, all'ipertensione, alla depressione e alle difficoltà cognitive.


Studi come questo hanno spesso molte interferenze, in particolare perché le persone sono così diverse, sia geneticamente che microbialmente. Ma il King's College ha un folto gruppo di gemelli che può usare per la ricerca, questo pulisce considerevolmente il segnale, eliminando la differenza genetica tra i soggetti. I gemelli hanno anche microbiomi intestinali che sono più simili tra loro, rispetto alle persone non legate da parentela.


Dando il prebiotico a un gemello e all'altro un placebo, i ricercatori sono stati in grado di ottenere risultati puliti. Questa non è stata una ricerca di grandi dimensioni, ma averla eseguita su dei gemelli la rende un po' più significativa. Lo studio è coerente anche con diversi altri studi che dimostrano che il consumo di fibre - dall'alimentazione e dagli integratori - è associata a migliori prestazioni cognitive.


Se un semplice integratore come la fibra può aiutare a prevenire la perdita cognitiva, possiamo immaginare un futuro pieno di speranze per la demenza e l'Alzheimer. Implica anche che potremmo trarre beneficia da cibi con più fibre. Ciò include verdure come asparagi, carciofi di Gerusalemme, lenticchie, cipolle e aglio. Per soddisfare i palati dolci, anche i lamponi, le fragole e i mirtilli sono buone fonti di fibra.


I produttori di cibi stanno ancora cercando di imparare questa lezione, ma per ora, la maggior parte degli alimenti trasformati ha un contenuto estremamente basso di fibra. E purtroppo, la maggior parte degli americani trae la metà delle calorie dal cibo veloce o trasformato.


Sapere è potere, e ora che sai come i tuoi microbi intestinali possono mantenere la tua cognizione a livello ottimale, cosa stai aspettando? Mangia verdura. Magari prova un integratore di fibra. Oggi è una buona giornata per iniziare.

 

 

 


Fonte: Scott C. Anderson in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • M Ni Lochlainn et al. Effect of Gut Microbiome Modulation on Muscle ... Nature Comm. 2024, DOI
  • K Berding et al. Going with the Grain: Fiber, Cognition, and the ... Exp Biol & Med, 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.