Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Neuroni di luogo e di griglia: ecco chi ti aiuta a ricordare dove eri e perché

memories mapping neurons

Il cervello è un posto complesso in cui vivere. Resta ancora un po' misterioso il modo esatto con cui codifichiamo i ricordi e l'ampiezza della distribuzione di queste informazioni nel cervello. Ciò che sappiamo bene, tuttavia, è che i ricordi comprendono informazioni che vanno ben oltre ciò che viene ricordato: includono anche quando e dove si è verificata l'esperienza.

 

Tieni d'occhio lo stesso gioco

Durante i miei molti anni di addestramento alle arti marziali, ho imparato e insegnato molti schemi di movimento in luoghi diversi, con persone diverse e in tradizioni diverse. Una costante è che, perché riesca la trasmissione delle informazioni su questi schemi di movimento, l'orientamento deve essere costante per apprendere.


In particolare questo significa assicurarsi che l'orientamento tra insegnante e allievi, e cosa hanno di fronte, sia lo stesso durante l'apprendimento. Ciò implica mantenere l'ambiente esterno durante la codifica della memoria. Questo è importante perché se stai imparando una sequenza di arti marziali, non è solo l'ordine e il tipo di pugni, calci, blocchi e spinte che il tuo cervello codifica come memoria. Stai anche codificando dove sei in relazione agli altri, quale direzione hai di fronte e altre caratteristiche dell'ambiente, che faranno parte dell'esperienza di apprendimento e memoria.

 

Mantenere una griglia in posizione

Abbiamo dei neuroni nel nostro cervello, specialmente nell'ippocampo e nelle regioni circostanti, che codificano una parte così ampia dei nostri ricordi. Questi neuroni di 'posizione' e di 'griglia' includono indirettamente informazioni su dove eravamo quando si sono formati i ricordi. Ciò che ci circondava, quello che stavamo facendo, probabilmente anche chi c'era. Quasi certamente, queste reti sono uno dei motivi per cui quando hai dimenticato dove metti qualcosa, tornare nella stessa stanza e ripercorrere i tuoi passi può aiutare a recuperare la memoria.

 

Applicazione nell'Alzheimer

Queste funzionalità si applicano sicuramente a tutti i tipi di comportamenti. Anche se l'ho notato nell'insegnamento e nell'addestramento delle arti marziali nel corso degli anni, e anche quando è stato fatto male, come ruotando o alterando l'orientamento delle persone e del luogo, si è scoperto che questo ha implicazioni per situazioni in cui la memoria è fortemente sfidata, come nel morbo di Alzheimer (MA) e nelle altre cause di demenza.


Mi induce anche a chiedermi se spostare tali persone fuori dalla loro casa, dove si sentono sicuri e hanno indizi di memoria intorno a loro, e in nuovi ambienti clinici, sia davvero una grande idea. Le ricercatrici argentine Azul Silva e María Cecilia Martínez hanno riassunto le conoscenze su questo e le applicazioni alla disfunzione della memoria clinica nella loro bella revisione (vedi riferimenti sotto). Questi ricercatori suggeriscono che quando ci muoviamo,

"Costruiamo una mappa cognitiva: una rappresentazione interna del territorio ... [dove] le cellule di posizione e di griglia ... formano una rete neurale la cui attività è fondamentale per la rappresentazione dell'auto-posizione e orientamento insieme al recupero della memoria spaziale". Le osservazioni supportano anche la codifica di "molteplici aspetti di un'esperienza oltre alla posizione nello spazio, suggerendo che hanno un ruolo cruciale non solo nella navigazione spaziale ma anche nei ricordi episodici".


Sebbene ci sia un declino tipico della memoria spaziale man mano che invecchiamo, Silva e Martinez suggeriscono inoltre che "questo è drasticamente aumentato in condizioni patologiche come il MA". È importante sottolineare che le popolazioni neuronali influenzate prevalentemente nel MA si trovano in regioni dell'ippocampo simili a quelle in cui troviamo i neuroni di luogo e di griglia. Ciò si vede clinicamente nel comune "comportamento di disorientamento e vagabondaggio [wandering]" e può essere qualcosa suscettibile a una riabilitazione migliorata usando la realtà virtuale.


Mentre aspettiamo un'importante applicazione clinica, dovremmo essere consapevoli di mantenere ambiente e orientamento delle persone più coerenti possibile nelle prime fasi, quando insegniamo, apprendiamo e formiamo. Ora che sappiamo di più della scienza dietro di ciò, non dovremmo sentire troppo strano ripercorrere i nostri passi per trovare oggetti che abbiamo perso, messo al posto sbagliato o dimenticato in tutta la casa.

 

 

 


Fonte: E. Paul Zehr PhD (neuroscienziato sensomotorio) in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: A Silva, MC Martínez. Spatial memory deficits in Alzheimer's disease and their connection to cognitive maps' formation by place cells and grid cells. Front Behav Neurosci. 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.