Iscriviti alla newsletter

È lo scopo o il piacere la chiave della felicità mentre invecchiamo?

The secret of happiness is to have bad memoryIl segreto della felicità ... è avere una cattiva memoria.

I benefici di avere un senso di scopo nella vita sono davvero incredibili. Le persone con scopo tendono ad essere più felici, più sane e persino più ricche. Sono più propense ad avere abitudini sane, a dormire meglio, a godere di relazioni personali più forti e di avere una salute mentale migliore. Inoltre, hanno un rischio ridotto di Alzheimer.


Lo scopo può essere ancora più importante mentre attraversiamo il Great Divide (grande spartiacque) dei 50 anni. Secondo i ricercatori britannici Andrew Steptoe e Daisy Fancourt, "mantenere un senso che la vita vale la pena di essere vissuta potrebbe essere particolarmente importante nell'età più avanzata, quando i legami sociali ed emotivi sono spesso frammentati, il coinvolgimento sociale è ridotto e i problemi di salute possono limitare le opzioni personali".


Ma anche se sono una tifosa di perseguire uno scopo, ultimamente ho iniziato a chiedermi se un eccesso di enfasi sullo scopo può essere malsano. Se non possiamo divertirci e godere di tempo libero dopo una vita di lavoro e responsabilità familiari, quando possiamo farlo? E possiamo avere sia piacere che scopo? (Anticipo la risposta: sì, possiamo.)

Affrontiamo questi problemi nel resto di questo articolo.

 

A favore dello scopo

La scrittrice Cynthia Vinney, in un affascinante articolo, punta alla ricerca che indica che la felicità che deriva da uno scopo è più duratura e può persino aumentare il nostro 'punto fisso' di felicità. A differenza delle attività di piacere, le attività di scopo richiedono più sforzi e tempo, ma alla fine possono portare a un maggiore senso di soddisfazione a lungo termine con se stessi e la propria vita.


Il blogger Steve Taylor cita ulteriori benefici dello scopo: "Con un forte senso di scopo, diventiamo molto resilienti, in grado di superare le sfide e rimbalzare dopo le battute d'arresto. Siamo anche più bravi ad affrontare, e forse più motivati ​​a superare, gli effetti dolorosi del trauma passato". Come progetto di ricerca, Taylor e colleghi hanno studiato diversi tipi di scopo. I risultati indicavano che "... un scopo altruistico e 'auto-espansivo' era associato molto di più al benessere ... Questo spesso significa seguire un percorso creativo, o un percorso di sviluppo personale o spirituale".


Lo scopo può probabilmente aiutarci ad affrontare la morte. Nel libro The Myths of Happiness (I miti della felicità), la psicologa Sonja Lyubomirsky cita la ricerca che suggerisce che possiamo gestire meglio l'ansia della morte perseguendo il significato nella nostra vita. Poiché temiamo la morte, "siamo spinti a fare qualcosa che farà contare la nostra vita nell'immagine più vasta e lascerà un segno duraturo sul mondo che persiste oltre il nostro singolo sé e la nostra vita".

 

A favore del divertimento

Anche se i vantaggi di trovare uno scopo sono impressionanti, ricerche recenti rivelano anche i benefici del tempo libero e del divertimento.


Ad esempio, la blogger Lynn Zubernis descrive quattro recenti studi, con oltre 1.300 partecipanti in quattro diversi paesi, che collegano il tempo libero a una migliore salute mentale. Le persone che "sentivano che le attività del tempo libero erano una perdita di tempo avevano livelli più elevati di depressione, ansia e stress di quelle che davano valore al coinvolgimento in attività del tempo libero". La Zubernis rileva anche che "con così tanta enfasi culturale per essere occupati e avere uno scopo, il tempo libero può essere percepito come improduttivo o addirittura egoista, portando a sensi di colpa".


Il professore di marketing Travis Tae Oh va oltre. In un articolo intitolato Why Fun is the Key to Happiness as We Age (Perché il divertimento è la chiave della felicità mentre invecchiamo), Oh osa dire che "forse influenzati dalle esigenze della società moderna, credo che stiamo mettendo troppa enfasi sulla ricerca di significato e soddisfazione nella vita (attraverso successi di carriera o relazioni sociali) come il Santo Graal della felicità, con poca considerazione per il divertimento". Inoltre, offre una definizione allettante di 'divertimento', scrivendo che "sebbene gli individui possano variare nei tipi di attività che considerano divertenti, l'esperienza del divertimento è generalmente caratterizzata da un senso di liberazione e di coinvolgimento edonistico".


Cynthia Vinney sottolinea che il piacere ci solleva emotivamente, fornendoci "percezioni positive, spensieratezza, vitalità e soddisfazione della vita". Sebbene i piaceri edonistici siano spesso descritti come 'effimeri', ci danno esperienze di gioia e felicità che ci aiutano a superare la giornata e persino a fare progressi nei progetti dello scopo. (E comunque qual è il problema con 'effimero'?)


Altre ricerche offrono una visione più sfumata. In uno studio del 2021, i ricercatori hanno studiato il modo in cui il tempo libero era legato al benessere. Hanno scoperto che come aumentava il tempo libero di una persona, così avveniva del senso di benessere di quella persona, ma solo fino a un punto. Troppo tempo libero portava a noia, mancanza di obiettivi, e ... mancanza di scopo. In effetti, i ricercatori hanno offerto questa raccomandazione:

"Nei casi in cui le persone si trovano con quantità eccessive di tempo discrezionale, come nella pensione o per aver lasciato un lavoro, i nostri risultati suggeriscono che questi individui trarrebbero beneficio dal trascorrere il tempo appena trovato con uno scopo".


Hmm ... esiste un punto ideale, in cui le entità di piacere e di scopo sono quelle 'giuste'?

 

Trovare l'equilibrio piacere / scopo unico per te

In definitiva, ogni persona deve prendere la propria decisione sulla dose 'giusta' di piacere e scopo per essa. Ecco alcuni suggerimenti per tutti, ma soprattutto per chi si avvicina alla pensione, o vi è già.

  1. Assicurati che ogni giorno includa un po' di piacere e alcune realizzazioni. La blogger Alice Boyes propone quella formula semplice ma potente, scrivendo che "Per la salute dell'umore, abbiamo bisogno di due tipi di attività: quelle che danno un senso di realizzazione e quelle che danno piacere". In altre parole, il divertimento può sollevare il tuo umore, e così puoi fare le cose.
  2. In termini di pensione, pensa se sei più 'orientato al comfort' o 'orientato alla crescita'. Questi termini provengono dall'esperto di pensionamento Mike Drak nel suo libro Retirement Heaven or Hell (pensione paradiso o inferno). Drak aspettava con impazienza un pensionamento orientato al comfort dopo una lunga carriera nella finanza. Ben presto scoprì che per lui, tutto quel tempo libero era ... inferno. Cercando qualcosa di più, alla fine ha iniziato un'attività per aiutare gli altri a definire il proprio scopo in pensione.
  3. Trova l'equilibrio. Ancora una volta, da Mike Drak: "Per creare la tua versione di pensione-paradiso, è necessario trovare l'equilibrio e il giusto mix tra lavoro, tempo libero, salute e relazioni". Il 'mix giusto tra lavoro, tempo libero, salute e relazioni' è una solida base per la felicità a qualsiasi età.
  4. Trova lo scopo nelle gentilezze di ogni giorno. Potresti non avere uno scopo con la esse maiuscola, ma potresti cercare i piccoli modi in cui puoi contribuire, facendo a qualcuno un complimento, ringraziando le persone, ascoltando qualcuno con un problema, chiamando un amico malato o facendo volontariato.
  5. Organizza la tua giornata in modo da avere del tempo libero e del tempo strutturato. Hai troppo o poco tempo libero? Farti questa domanda può aiutare nelle decisioni su come modificare il tuo programma, in modo che i tuoi giorni siano più soddisfacenti.
  6. Chiarisci la tua definizione di 'divertimento'. Quindi cercane un po'! Quando pensi a 'divertimento', pensi di correre per 5 km o di guardare il tuo programma televisivo preferito? Andare a una festa o fare una passeggiata? Riconosci che la tua idea di divertimento è valida (supponendo che non faccia male a te o a un'altra persona).
  7. Lavora meno o a part-time invece di ritirarti completamente. Io ho scelto questa strada, e funziona bene per me. Sono riuscita ad avviare i miei progetti di scopo in pensione mentre insegno e faccio consulenza part-time. Beneficio: posso connettermi regolarmente con i miei amati colleghi.

 

La linea sfocata tra piacere e scopo

'Divertimento' e 'scopo' hanno forme mutevoli. Alcune persone perseguono i loro hobby (che siano tennis, ricamo o corsa) con uno zelo che gli altri riservano al lavoro sullo scopo. Spesso 'nasce' una grande idea di una passeggiata piacevole intesa puramente per piacere.


Qualsiasi attività che ti conduce in uno stato di 'flusso' può conferire il senso di liberazione citato sopra dal professor Oh. Ho sperimentato questi sentimenti mentre lavoravo sul mio 'progetto pandemico di scopo', un libro sull'invecchiamento sano che alla fine è diventato il mio ultimo libro Silver Sparks (scintille d'argento). Ho lavorato e mi sono divertita così tanto da sentirmi come il ragazzo del musical The Pajama Game (il gioco del pigiama), che canta, "non riesco a aspettare / per svegliarmi e andare al lavoro alle otto".


Perché scegliere tra piacere e scopo? Se riesci a pervadere la tua vita con entrambi, scoprirai che sei più felice. In effetti, la mia definizione preferita di felicità, presa dal ricercatore Tal Ben-Shahar, è proprio questa: "L'esperienza continua sia del piacere che dello scopo".

 

 

 


Fonte: Meg Selig in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • S. Lyubomirsky. The Myths of Happiness. NY: Penguin (p. 206), 2013
  • M. Drak. Retirement Heaven or Hell. Milner & Assocs, 2021
  • T. Ben-Shahar. Happier. New York: McGraw-Hill, 2007
  • A. Steptoe, D. Fancourt. Leading a meaningful life at older ages and its relationship with social engagement, prosperity, health, biology, and time use. PNAS, 2019, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.