Iscriviti alla newsletter

Rischio di demenza può quasi triplicare nel primo anno dopo un ictus

heart disease stroke

Una nuova ricerca presentata alla Conferenza Internazionale sull'Ictus di Phoenix (Arizona), ha scoperto che un ictus può triplicare il rischio di sviluppare la demenza entro l'anno successivo. E, sebbene inizi a scendere dopo i primi 12 mesi, quel rischio rimane elevato fino a 20 anni dopo. La ricerca è considerata preliminare fino a quando i risultati completi non saranno pubblicati in una rivista a controllo dei pari.

"I nostri risultati mostrano che i sopravvissuti all'ictus sono particolarmente suscettibili alla demenza", ha dichiarato in un comunicato stampa il primo autore dott. Raed Joundi, professore associato alla McMaster University di Hamilton (Ontario/Canada) e ricercatore del Population Health Research Institute, un istituto congiunto tra McMaster University e Hamilton Health Sciences.

In USA circa 610.000 persone sperimentano un primo ictus ogni anno, mentre altri 185.000 hanno ictus ricorrenti, secondo l'American Heart Association. I Centri Controllo e Prevenzione Malattie stimano che circa 7 milioni di over-65 negli Stati Uniti avevano la demenza nel 2014, numero che potrebbe aumentare a quasi 14 milioni entro il 2060.

Per determinare il rischio di demenza post-ictus, i ricercatori hanno analizzato i dati dei ricoveri ospedalieri, delle visite al Pronto Soccorso e delle farmacie che prescrivono farmaci per la demenza in Ontario. Hanno identificato 180.940 persone che avevano avuto di recente un ictus ischemico, causato da un coagulo di sangue, o un ictus emorragico (o emorragia intracerebrale), causato da un sanguinamento nel cervello.

Hanno abbinato i sopravvissuti a due gruppi di controllo - persone della popolazione che non hanno avuto né un infarto né un ictus, e quelli che avevano avuto un infarto ma non un ictus. Hanno monitorato i nuovi casi di demenza in tutti i gruppi per un massimo di 20 anni.

Circa il 19% delle persone che avevano avuto un ictus ha sviluppato la demenza su un periodo medio di quasi 6 anni. Rispetto alla popolazione generale, il rischio di demenza è stato più alto dell'80% tra quelli che hanno avuto un ictus ischemico, quasi del 150% per coloro che hanno avuto un ictus emorragico. Il rischio era più alto di quasi l'80% nei sopravvissuti all'ictus rispetto ai sopravvissuti all'attacco di cuore.

Il rischio di sviluppare la demenza era più alto nell'anno immediatamente dopo un ictus. Durante i primi 12 mesi, i sopravvissuti all'ictus avevano di fronte un rischio quasi triplo di demenza, rispetto ai coetanei che non avevano avuto ictus. Nei 5 anni dopo l'ictus, quel rischio è sceso a 1,5 volte e ha continuato a diminuire nei 20 anni di studio, ma è rimasto più elevato per le persone che avevano avuto un ictus.

Lo studio ha mostrato che le persone che avevano avuto un primo ictus avevano un rischio maggiore di demenza rispetto a ogni ictus successivo, ha detto Joudi:

"L'ictus danneggia il cervello, comprese aree cruciali per la funzione cognitiva, influendo sul funzionamento quotidiano. Alcune persone continuano con altri ictus, che aumentano ulteriormente il rischio di demenza, e altre possono sperimentare un declino cognitivo progressivo simile a una condizione neurodegenerativa".

Un rapporto del 2023 dell'AHA incoraggiava a esaminare i sopravvissuti all'ictus per individuare segni di declino cognitivo e suggeriva che un team interdisciplinare provvedesse a cure collaborative per supportare coloro che mostrano segni.

Joundi ha affermato che lo studio mostra che c'è un grande onere di demenza post-ictus in Canada e ha chiesto ulteriori ricerche per chiarire perché alcuni sopravvissuti all'ictus sviluppano la demenza e altri no:

"I risultati confermano l'importanza di monitorare le persone con ictus per il declino cognitivo, istituire trattamenti adeguati per affrontare i fattori di rischio vascolare e prevenire l'ictus ricorrente, nonché incoraggiare cambiamenti allo stile di vita, come smettere di fumare e aumentare l'attività fisica, che hanno molti benefici e possono ridurre il rischio di demenza".

 

 

 


Fonte: American Heart Association (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: RA Joundi, [+8], MK Kapral. Risk and Time-Course of Post-Stroke Dementia: A Population-Wide Cohort Study, 2002-2022. Stroke, 1 Feb 2024, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.