Iscriviti alla newsletter

Superare lo stigma: come togliere le barriere nel parlare della salute del cervello

memory clinic

Circa 4 medici di base su 5 si considerano in prima linea nella salute del cervello negli Stati Uniti, dove sono il primo punto di contatto per i pazienti preoccupati della perdita di memoria e molto probabilmente sono i primi a rilevare e valutare i pazienti che hanno un lieve deterioramento cognitivo, il morbo di Alzheimer (MA) o una demenza correlata.

In un nuovo studio di cui è autore senior, Malaz Boustani MD/MPH, scienziato di Regentrief Research, ha scoperto che le prime conversazioni sulla salute del cervello tra i medici e i loro pazienti sono rare a causa dello stigma attorno a una diagnosi di MA o di una demenza correlata. Nelle sue parole:

"Proprio come con l'epidemia di HIV/AIDS degli anni '80 o la paura pubblica del cancro negli anni '70, le diagnosi di MA e delle relative demenze sono cariche di stigma. Stiamo esaminando lo stigma precedente e il modo in cui possiamo sfruttare le opportunità della tecnologia dell'informazione corrente per sviluppare strumenti, processi e strategie che creano una richiesta di conversazione sulla salute del cervello nelle cure primarie e per de-stigmatizzare la diagnosi di MA e di demenza correlata.

"Lo stigma attorno al MA e alle demenze correlate crea una barriera tra medici e pazienti che impedisce di conversare sulla salute del cervello o sulle preoccupazioni cognitive. Per creare gli strumenti, i processi e le strategie necessari e potenzialmente efficaci, dobbiamo superare lo stigma che circonda una conversazione sulla salute del cervello o sulla preoccupazione cognitiva".

I risultati dello studio hanno anche rivelato che:

  • sia i medici che i pazienti sono titubanti ad avviare queste conversazioni:
  • le evidenze per informare gli interventi sulla salute del cervello sono spesso poco comunicate, e
  • i fattori sociali e culturali incidono sull'impegno clinico tra i medici di base e i loro pazienti.

Lo studio suggerisce che, quando si sospetta la compromissione cognitiva, il linguaggio e l'approccio alla conversazione tra medico e paziente sulla salute del cervello o su una preoccupazione cognitiva, dovrebbero essere adattati al contesto sociale e culturale del paziente.

Ad esempio, un programma di istruzione guidato da un infermiere, basato sulla fede, tagliato culturalmente sul MA e le demenze correlate, e il rilevamento precoce, sono in genere accolti positivamente dai membri della comunità nera. Sebbene questa educazione sia fornita in ambiente di gruppo anziché in incontri individuali, i messaggi culturalmente rilevanti sviluppati nell'ambito di questi programmi possono servire da guida per i medici per conversare della salute cerebrale.

Questo punto è particolarmente importante, dato che lo stigma e le differenze socioculturali possano influire negativamente sui comportamenti che tendono alla salute relativi alle difficoltà cognitive, e scoraggiare l'inclusione nella ricerca clinica e i progressi nella cura clinica.

"Una conversazione sulla salute del cervello quando vai a vedere il tuo medico, che è responsabile della tua salute in generale, dovrebbe essere un evento normale", ha affermato il dott. Boustani. “Perché dovresti parlare dei reni o del fegato, del cuore, dei polmoni, dei muscolo, delle ossa e non anche del tuo cervello, che è l'organo più prestigioso o prezioso e quello che non hai possibilità di riguadagnare se lo perdi?".

Come approccio alternativo per i medici che si impegnano con i loro pazienti, i ricercatori hanno identificato l'Agile Diffusion Process (processo di diffusione agile), che fornisce un quadro per facilitare assorbimento e diffusione rapidi di soluzioni basate sull'evidenza, .

L'Agile Diffusion Process ha due concetti:

  • Il primo è la 'spinta/incoraggiamento', che si riferisce a un piccolo cambiamento nell'ambiente che può influenzare positivamente i comportamenti e le scelte degli individui. Un esempio potrebbe essere un poster semplice e facilmente implementabile su una parete della clinica, che incoraggia i pazienti a porre domande sulla loro cognizione.
  • Il secondo concetto è definito 'domanda di mercato'. Questo componente dell'approccio è l'idea della richiesta di mercato di un intervento basato sull'evidenza prima dell'implementazione e del potenziamento all'interno di un'organizzazione. Un esempio è l'improvviso aumento della domanda di telemedicina nel 2020 all'inizio della pandemia di Covid-19. In meno di una settimana, l'utilizzo della telemedicina è passato da meno del 5% a oltre il 90%.

Il dott. Boustani raccomanda di considerare i processi e i concetti agili quando si cerca di parlare inizialmente della cognizione a livello di professione o di sistema sanitario:

"I medici possono avere un ruolo vitale nel fare conversazioni precoci sulla salute del cervello e sulle preoccupazioni cognitive nell'ambito dell'assistenza sanitaria di routine, molto prima che compaiano i sintomi. È così importante per noi parlare della salute del cervello con il nostro medico. Abbiamo bisogno che i medici parlino di routine della salute del cervello, perché, alla fine, non c'è salute senza salute del cervello".

 

 

 


Fonte: Regenstrief Institute (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: S Borson, [+3], M Boustani. Understanding barriers to and facilitators of clinician-patient conversations about brain health and cognitive concerns in primary care: a systematic review and practical considerations for the clinician. BMC Prim. Care, 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.