Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Persone con demenza hanno un rischio più alto di Covid-19

Uno studio guidato da ricercatori della Case Western Reserve University ha scoperto che i pazienti con demenza hanno un rischio significativamente maggiore di Covid-19, e il rischio era ancora maggiore per gli afroamericani con demenza.


La revisione delle cartelle cliniche elettroniche di 61,9 milioni di americani ha permesso ai ricercatori di scoprire che il rischio di contrarre il Covid-19 era il doppio per i pazienti con demenza rispetto a quelli senza di essa, mentre tra quelli con demenza, gli afroamericani si avvicinano al triplo del rischio di essere infettati da Covid-19 rispetto ai caucasici.


In più, i pazienti con demenza che hanno contratto il Covid-19 avevano esiti significativamente peggiori in termini di ricoveri e di morte (precoce) rispetto a quelli che avevano il Covid-19 ma non la demenza.


Lo studio, pubblicato il 9 febbraio su Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association, evidenzia la necessità di proteggere le persone con demenza, in particolare gli afroamericani, nell'ambito della strategia per controllare la pandemia.


L'Alzheimer's Association stima che 5,8 milioni di americani over-65 e 50 milioni di persone in tutto il mondo abbiano il morbo di Alzheimer (MA) e altre forme di demenza. Pamela Davis, preside emerita della Facoltà di Medicina della Case Western Reserve e coautrice dello studio, ha detto:

"I nostri risultati enfatizzano l'importanza di impedire a coloro che hanno la demenza di acquisire il SARS-Cov2, poiché hanno un rischio più elevato per una grave malattia rispetto a quella senza demenza. Questi pazienti possono costituire un'altra categoria vulnerabile. Tuttavia, è necessario più lavoro per comprendere il meccanismo con il quale si verifica".


Gli autori dello studio includono anche altri due ricercatori della Facoltà di Medicina: Rong Xu, autore senior della ricerca, professore di informatica biomedica e direttore del Centro Intelligenza Artificiale per la Scoperta di Farmaci, e Quanqiu Wang, specialista di intelligenza artificiale. Il coautore senior Mark Gurney è fondatore e CEO di Tetra Therapeutics, una società di sviluppo di farmaci focalizzata sui disturbi e sulle ferite del cervello con sede a Grand Rapids/Michigan e controllata interamente da Shionogi & Co. Ltd.


Essi hanno ipotizzato che il rischio di Covid-19 avrebbe potuto essere maggiore per i pazienti con demenza per diverse ragioni, tra cui: le persone con demenza possono essere più suscettibili a contrarre il Covid-19 a causa del danno alla barriera emato-encefalica, che può consentire a determinati virus e batteri di raggiungere più facilmente il cervello.


Inoltre, la demenza può interferire con la capacità di una persona di indossare la mascherina, di mantenere la distanza fisica dagli altri o di pulirsi spesso le mani. Inoltre, condizioni come le malattie cardiovascolari, il diabete, l'obesità e l'ipertensione sono fattori di rischio sia per la demenza che per il Covid-19 e sono associati a esiti peggiori.


"A nome dei milioni di persone che vivono con MA e altre forme di demenza che rappresentiamo, questi risultati preliminari suggeriscono una realtà terrificante della vulnerabilità associata alla demenza", ha affermato Maria Carrillo PhD, responsabile scientifica dell'Alzheimer's Association. "È cruciale sviluppare e implementare strategie che assicurano l'equilibrio tra mantenere le persone, in particolare i residenti in case di cura a lungo termine, al sicuro dal Covid-19, e proteggerli dai danni sulla salute associati all'isolamento sociale".


I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche elettroniche (anonime) di 360 ospedali e 317.000 fornitori a livello nazionale, che rappresentano il 20% della popolazione degli Stati Uniti. Dei 61,9 milioni di adulti nella popolazione dello studio, più di un milione aveva la demenza, 15.770 avevano il Covid-19 e 810 avevano entrambi.


"La disponibilità di un ampio database de-identificato elettronico di dati dei pazienti, analizzato con tecniche informatiche moderne, ha dato al nostro studio il potere di rilevare le vulnerabilità nei pazienti raggruppati per malattia", ha detto Xu.


I ricercatori hanno anche aggiustato i dati per tenere conto dei fattori come età, sesso, razza, altre condizioni di salute e se le persone vivevano in una casa di cura. Hanno usato un rapporto di probabilità aggiustato per determinare il rischio.


Le loro scoperte:

  • Mentre nel complesso le probabilità di contrarre il Covid-19 erano il doppio nei pazienti con demenza, rispetto a quelli senza demenza, il rischio variava per condizione. I pazienti con demenza vascolare avevano il rischio più alto (con probabilità più che tripla), seguiti da pazienti con demenza presenile, demenza senile, MA e demenza post-traumatica.

  • Le probabilità degli afroamericani con demenza di contrarre il Covid-19 erano quasi tre volte superiori a quelle dei caucasici con demenza. Generalmente, il genere non aveva effetti aggiuntivi sul rischio di Covid-19 nei pazienti con demenza, mentre l'età non aveva effetti aggiuntivi nei pazienti con demenza in generale e in modo specifico per il MA.

  • Il rischio generale di ricovero in ospedale durante i sei mesi, per gli adulti con Covid-19 era del 25%. Ma tra i pazienti con Covid-19 e demenza, il 59% di loro sono stati ricoverati in ospedale, e la percentuale era ancora superiore (73%) tra i pazienti afroamericani, rispetto al 54% dei caucasici con entrambe le condizioni.

  • Il rischio di mortalità complessiva per i pazienti con Covid-19 era del 5,64%. Ma tra coloro che avevano anche la demenza, il 21% è morto, e la percentuale più alta era per gli afroamericani (23%) rispetto ai caucasici (19%).

 

 

 


Fonte: Case Western Reserve University (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: QuanQiu Wang, Pamela Davis, Mark Gurney, Rong Xu. COVID‐19 and dementia: Analyses of risk, disparity, and outcomes from electronic health records in the US. Alzheimer's & Dementia, 9 Feb 21, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.