Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Tecnica di stimolazione cerebrale profonda per combattere l'Alzheimer

L'inserimento di uno stimolatore cerebrale profondo (DBS), un dispositivo simile a un pacemaker per il cervello, può migliorare la memoria e la funzione per i pazienti con Alzheimer.

L'Istituto Nazionale dei Disordini Neurologici e Ictus (NINDS) spiega che la sistemazione della stimolazione cerebrale profonda consiste di tre parti: un elettrodo; un neurostimolatore (la batteria) e la connessione.

Image and video hosting by TinyPic

Il chirurgo impianta l'elettrodo in una regione specifica del cervello, che egli identifica con la visualizzazione di una scansione, ad esempio una risonanza magnetica per immagini (MRI) o una tomografia computerizzata (TC). Per quanto riguarda il neurostimolatore, il chirurgo lo impianta vicino alla clavicola, poi connette le due parti con il file di connessione, che è sotto la pelle. I segnali elettrici vengono inviati dal neurostimolatore attraverso la connessione e attraverso l'elettrodo su al cervello.

Recenti ricerche hanno dimostrato che dopo l'impianto di un DBS in sei pazienti con Alzheimer, la metà di loro aveva sia un miglioramento della memoria, o un tasso più lento di declino. "Abbiamo dimostrato non solo che è una procedura sicura, ma che le prove sono lì per giustificare una implementazione più vasta", dice il Dr. Andres Lozano e colleghi del Toronto Western Hospital, che ha condotto la ricerca. "Qualsiasi sia il tempo in cui viene prolungata la vita di buona qualità per il malato di Alzheimer può essere un vantaggio."

L'Alzheimer (AD) è la forma più comune di demenza tra gli anziani, e colpisce più di cinque milioni di americani, secondo l'Alzheimer's Organization. "L'Alzheimer (AD) è caratterizzata da una compromissione funzionale negli elementi e nei circuiti neurali alla base delle funzioni cognitive e della memoria", secondo Lozano. Inizialmente, le persone colpite hanno problemi lievi di memoria, che peggiorano nel tempo fino al punto di aver bisogno di assistenza totale. Altri sintomi più avanti possono includere ansia, vagabondaggio, e aggressività. Nessun trattamento può fermare la malattia. Tuttavia, alcuni farmaci possono ritardarne la progressione e altri, compresi gli antipsicotici, possono contribuire a trattare alcuni sintomi per un tempo limitato.

Lozano e la sua equipe ha studiato la teoria che la stimolazione elettrica delle strutture profonde del cervello, tra cui l'ipotalamo, può migliorare i sintomi, su sei partecipanti con i primi sintomi dell'Alzheimer disposti a iscriversi allo studio. Ogni paziente ha lasciato l'ospedale tre giorni dopo lo studio e ha continuato la terapia medica standard per l'Alzheimer, così come la stimolazione continua del dispositivo impiantato per un anno.

Durante questo periodo, i soggetti sono stati valutati in diversi modi, compresi test cognitivi, mappatura del cervello e visualizzazione di scansione. La loro funzione cognitiva è stata valutata con diversi tipi di scale di misurazione. E' stata utilizzata la tomografia a emissione positiva (PET), un tipo di scansione cerebrale che misura l'attività metabolica, per valutare il modo in cui il dispositivo DBS cambiava il metabolismo del glucosio nel cervello (l'Alzheimer può modificare l'utilizzazione del glucosio nel cervello).

In metà dei pazienti, dopo sei o 12 mesi, la funzione cognitiva è migliorata o era peggiorata ad un tasso più lento del previsto. "La valutazione sulla sottoscala cognitiva Alzheimer Disease Assessment Scale e del Mini Mental State Examination ha suggerito possibili miglioramenti e / o rallentamento del tasso di declino cognitivo a 6 e 12 mesi, in alcuni pazienti", secondo i ricercatori. Inoltre, dopo l'inserimento del dispositivo DPS, le scansioni PET hanno mostrato il miglioramento dell'anormale metabolismo del glucosio, tipicamente osservato in pazienti con Alzheimer, e il continuo miglioramento nel corso dell'anno di osservazione. Nessuno dei pazienti ha avuto effetti collaterali gravi nel corso dell'anno dopo l'impianto del dispositivo.

Sebbene lo studio di Lozano sia piccolo, i risultati sono incoraggianti. In futuro studi più grandi possono fornire maggiori informazioni su una terapia potenzialmente efficace per il trattamento dell'Alzheimer, o rallentarne il declino, integrando le terapie aggiuntive. "C'è un urgente bisogno di nuovi approcci terapeutici per l'Alzheimer. La modulazione dell'attività patologica del cervello in questa malattia con il DBS merita ulteriori indagini".

"E' uno studio molto interessante", dice Laurie Ryan, direttrice del programma di sperimentazione clinica dell'Alzheimer presso il National Institute on Aging, che non era coinvolta nella ricerca. "Non credo che siamo in grado di prevedere come andrà a finire su un maggior numero di individui, ma ha ottenuto alcuni dati molto interessanti, in particolare quelli dal PET [sul metabolismo del glucosio]."

Anche se Lozano è attento a sottolineare che la stimolazione cerebrale profonda è una terapia potenziale atta a migliorare i sintomi dell'Alzheimer senza necessariamente affrontare la causa di fondo, dice che si apre una nuova visuale per guardare la malattia. "Dobbiamo pensare all'Alzheimer come un disturbo che circuita il cervello" dice. Questo è in linea con alcune delle ricerche in corso circa l'effetto dell'invecchiamento normale sui circuiti cerebrali, dice Ryan. "Penso che questo è un altro pezzo del puzzle che ci sta facendo puntare in questa direzione". Lozano e i suoi colleghi hanno ora intenzione di intraprendere uno studio clinico più grande, di Fase II.

I pazienti con forme più lievi di Alzheimer sembrano beneficiare di più dalla stimolazione cerebrale profonda. Tuttavia, la stimolazione cerebrale profonda è una tecnica invasiva. "Questa non è una procedura libera da rischi", ha osservato il Dr. Richard Lipton, un neurologo che esercita al Montefiore Medical Center di New York City. "Si tratta di prendere anziani spesso fragili, e praticare un foro attraverso il cranio, poi premere un ago attraverso il tessuto del cervello fino a che la punta entra in un settore cruciale dove si vuole lasciare. Se si passa attraverso un vaso sanguigno, si possono produrre sanguinamenti che possono causare gravi danni. Questa non è una procedura benigna. Così, il dispositivo dovrà essere approvato prima che sia disponibile per un uso diffuso".

Il Dr. Lozano ha scoperto inizialmente il potenziale del DBS per la cura dell'Alzheimer, trattando un paziente per l'obesità con DBS nel 2003. Nel segnalare aree del cervello, il dottor Lozano e la sua squadra hanno innescato ricordi nel paziente. Nel seguito dei test sulla memoria il paziente è migliorato ed il Dott. Lozano ha messo in moto il primo studio con il DBS su pazienti con segni precoci dell'Alzheimer.

 


Pubblicato su Alzheimer-Review.Blogspot.com il 11 marzo 2011 Traduzione di Franco Pellizzari.

 

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.