Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


La sindrome ADHD adulta aumenta sigificativamente il rischio di demenza comune

Gli adulti che soffrono di deficit di attenzione e iperattività (ADHD) hanno il triplo delle probabilità di sviluppare una comune forma di demenza degenerativa rispetto agli altri, secondo la ricerca pubblicata nel numero di gennaio della European Journal of Neurology.

Ricercatori Argentini hanno confermato il legame durante uno studio su 360 pazienti affetti da demenza degenerativa e 149 persone sane di controllo, appaiati per età, sesso e istruzione. Il gruppo di pazienti affetti da demenza comprendeva 109 persone affette da demenza con corpi di Lewy (DLB) e 251 con morbo di Alzheimer.

"Il nostro studio ha mostrato che il 48 per cento dei pazienti con DLB - la seconda causa più comune di demenza degenerativa negli anziani, dopo l'Alzheimer - avevano precedentemente sofferto di ADHD adulta", dice l'autore, dottor Angel Golimstok. "Questo è più del triplo del tasso del 15 per cento presente sia nel gruppo di controllo che in quello con Alzheimer".

"Si pensa che la DLB rappresenti circa il dieci per cento dei casi di demenza nelle persone anziane, ma tende ad essere sotto-diagnosticata perché condivide alcune caratteristiche sia con l'Alzheimer che con il Parkinson. E' una condizione neurologica degenerativa che ha un effetto progressivo e invalidante sulle abilità fisiche e mentali di una persona. Altri sintomi possono includere allucinazioni visive ricorrenti e realistiche, fluttuazioni nelle abilità giornaliere della persona e  problemi al movimento spontaneo simili a quelle osservate nel morbo di Parkinson".

"L'ADHD è uno dei disturbi del comportamento più comune in psichiatria infantile e adolescenziale e i problemi che provoca, come la difficoltà a prestare attenzione, iperattività e fare le cose impulsivamente, possono continuare in età adulta. Si ritiene che gli stessi problemi di percorso dei neurotrasmettitori siano coinvolti nello sviluppo di entrambe le condizioni, quindi la nostra ricerca ha verificato che l'ADHD adulto spesso precede la DLB".

L'età media dei soggetti dello studio era di 75 anni nel gruppo DLB e 74 nell'Alzheimer e nel gruppo di controllo. Circa due terzi dei partecipanti erano donne e il grado di istruzione era molto simile. Nessuno dei pazienti stavano assumendo farmaci psicostimolanti. La selezione ha ristretto i pazienti a quelli con demenza da lieve a moderata, con punteggio 14-26 sulla scala MMSE e 1-2 sulla scala di valutazione clinica della demenza.

Nei controlli sani, i sintomi precedenti dell'ADHD sono stati valutati utilizzando le informazioni da parte degli stessi soggetti e di persone a conoscenza diretta. Nei pazienti con deterioramento cognitivo, la valutazione si è basata sui sintomi descritti da informatori che avevano conosciuto direttamente il paziente da almeno 10 anni e da altre informazioni da parenti stretti che conoscevano il paziente dall'infanzia.

Due neurologi, che non erano a conoscenza degli obiettivi dello studio, sono stati invitati a valutare in modo indipendente tutti i pazienti con ADHD adulto, via:

  • il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, IV edizione (DSM-IV), pubblicato dalla American Psychiatric Association per diagnosticare disturbi psichiatrici
  • la Wender Utah Rating Scale, che è specialmente concepita per valutare a posteriori l'ADHD.

Questo ha prodotto livelli di accordo del 98 per cento nel gruppo di DLB, del 96 per cento nel gruppo di Alzheimer e del 97,5 per cento nel gruppo di controllo. Un terzo neurologo ha dato il suo parere in piccolo numero di casi in cui i prime due erano in disaccordo e la diagnosi di ADHD è stata registrata, quando due su tre neurologi erano d'accordo. I risultati sono stati poi controllati da un quarto neurologo pienamente informato riguardo gli obiettivi dello studio.

Questi risultati hanno fornito una diagnosi complessiva di ADHD adulto precedente per i due gruppi di demenza e di controllo. Essi hanno inoltre dimostrato che l'impulsività e l'iperattività, i sintomi principali dell'ADHD, sono risultati significativamente più alti nel gruppo DLB rispetto al gruppo dell'Alzheimer e al gruppo di controllo (misurando 14,7 - 5,9 e 6.4, rispettivamente, sul Wender Utah Rating Scale).

"Crediamo che il nostro studio sia il primo del suo genere a esaminare l'associazione clinica tra i sintomi di ADHD adulto e la DLB e che ha stabilito un chiaro nesso tra le due condizioni", afferma il dottor Golimstok. "La nostra teoria è che questa associazione possa essere spiegata con la disfunzione comune dei neurotrasmettitori, presente in entrambe le condizioni. C'è chiaramente un processo comune coinvolto in entrambe le malattie e sembra che l'ADHD si trasforma spesso in DLB con l'invecchiamento del paziente."


 Fonte: Materiale fornito da Wiley - Blackwell, via AlphaGalileo.

Riferimenti: A. Golimstok, JI Rojas, M. Romano, MC Zurru, D. Doctorovich, E. Cristiano. Previous adult attention-deficit and hyperactivity disorder symptoms and risk of dementia with Lewy bodies: a case-control study. European Journal of Neurology, 2011; 18 (1): 78 DOI: 10.1111/j.1468-1331.2010.03064.x

Pubblicato su ScienceDaily il 18 gennaio 2011 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Tutti i diritti sono riservati ai rispettivi proprietari


Notizie da non perdere

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.