Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Ricercatori giapponesi invertono i danni alle sinapsi causati dall'Alzheimer

Hanno dimostrato che un nuovo metodo tratta efficacemente il declino cognitivo dei topi con Alzheimer.

vesicle recycling diagram OIST

Il morbo di Alzheimer (MA), un disturbo progressivo e neurodegenerativo, è la principale causa di demenza, che coinvolge il declino cognitivo, la perdita di memoria e, in definitiva, l'incapacità di svolgere compiti quotidiani. Colpisce circa 55 milioni di persone a livello mondiale e, circa 4,4 milioni solo in Giappone, un numero che dovrebbe salire a 6,5 nel 2060 secondo i dati del governo.


Curare o ritardare i sintomi debilitanti del MA è straordinariamente difficile a causa della natura sfuggente della malattia. La causa esatta è sconosciuta e probabilmente coinvolge molteplici fattori, dalla genetica allo stile di vita e, a causa della natura progressiva della condizione, è spesso troppo tardi trattarla con efficacia una volta che i sintomi iniziano a influire sulla vita quotidiana.


Tuttavia, un team di ricercatori dell'Okinawa Institute of Science and Technology (OIST), guidata dal professore emerito Tomoyuki Takahashi, con uno studio appena pubblicato su Brain Research ha fatto progressi per trovare un trattamento praticabile di quei sintomi, mettendoci sul percorso per salvare le funzioni cerebrali prima che siano irreversibilmente danneggiate dal MA.


"Abbiamo invertito con successo i sintomi del MA nei topi", spiega la dott.ssa Chia-Jung Chang dell'OIST, prima autrice dello studio. "Abbiamo ottenuto questo con un piccolo peptide sintetico, il PHDP5, che può facilmente attraversare la barriera emato-encefalica per colpire direttamente il centro di memoria nel cervello".

 

Salvare la dinamina

Un fattore centrale del MA è la salute delle sinapsi, le giunzioni tra i neuroni nel cervello, in cui le informazioni vengono trasmesse da un neurone al successivo attraverso neurotrasmettitori chimici racchiusi nelle vescicole sinaptiche. Queste vescicole devono essere costantemente riciclate per garantire una fornitura costante, e un passaggio essenziale nel processo di riciclaggio della vescicola è il recupero della membrana (endocitosi) da parte della proteina dinamina, che 'rimuove' la vescicola dalla membrana cellulare.


La dinamina è disponibile in tutti i neuroni, sia libera che legata ai microtubuli che costituiscono il citoscheletro delle cellule. L'antagonista chiave è la proteina tau, che in circostanze normali è coinvolta nella stabilizzazione dei microtubuli. Tuttavia, nella fase iniziale del MA, la tau inizia a dissociarsi dai microtubuli. Essendo liberamente disponibile, la tau assembla nuovi microtubuli, che aspirano efficacemente la dinamina dalla cellula, rendendola non disponibile per l'ultima fase dell'endocitosi.


Man mano che il MA progredisce, la tau accumulata si aggrega in grovigli neurofibrillari, che sono il segno distintivo della malattia; quando questi grovigli si presentano sulle scansioni cerebrali, è spesso troppo tardi per curare la malattia.


I ricercatori dell'OIST si sono concentrati specificamente sull'interazione dinamina-microtubuli e avevano dimostrato in precedenza gli effetti positivi dell'inibizione di questa interazione in vitro usando il peptide sintetico PHDP5. Il dott. Zacharie Taoufiq, attualmente nella Synapse Biology Unit dell'OIST e coautore dello studio, spiega:

"Impedendo l'interazione tra dinamina e microtubuli, il PHDP5 garantisce che la dinamina sia disponibile per l'endocitosi delle vescicole durante il riciclaggio, il che può ripristinare la comunicazione tra neuroni all'interno delle sinapsi nella fase iniziale".


Usando topi transgenici, i ricercatori hanno ora mostrato lo stesso effetto ripristinante in vivo.


"Siamo stati entusiasti di vedere che il PHDP5 ha salvato significativamente i deficit di apprendimento e memoria nei topi"
, afferma la dott.ssa Chang.  "Questo successo evidenzia il potenziale di colpire l'interazione dinamina-microtubuli come strategia terapeutica per il MA".


Poiché il PHDP5 inibisce le interazioni dinamina-microtubuli in generale, i ricercatori hanno modificato il peptide per includere un peptide che penetra nella cellula, consentendo la somministrazione del trattamento attraverso la cavità nasale, dove la barriera emato-encefalica non è completamente sviluppata e vicina al centro di memoria del cervello, l'ippocampo.


In questo modo, il peptide verrebbe introdotto nell'ippocampo a una concentrazione più elevata rispetto ad altri metodi di somministrazione, minimizzando anche i potenziali effetti collaterali altrove nel corpo.

 

Da molecole e labirinti a trattamenti vitali

A condizione che le sinapsi siano state trattate con PHDP5 in una fase relativamente precoce, il danno causato dall'interazione dilagante dinamina-microtubulo ha potuto essere invertito al punto che i topi transgenici trattati hanno pari apprendimento e capacità di memoria dei topi sani. Sebbene il peptide non possa curare il MA, l'inibizione dell'interazione dinamina-microtubuli ritarda in modo significativo il declino cognitivo, al punto da non colpire le persone sane entro una vita di durata normale.


Incoraggiato da questi risultati, il team di ricerca, ora guidato dal dott. Taoufiq e composto da specialisti di diverse unità in tutto l'OIST, sta continuando il lavoro sul trattamento. Il dott. Taoufiq sta lavorando per migliorare il peptide stesso e i modi in cui funziona in vivo: "Vogliamo aumentare la quantità di PHDP5 nel cervello per ottenere effetti migliori, minimizzando gli effetti collaterali".  Nel frattempo, la dott.ssa Chang sta lavorando per introdurre l'IA nella ricerca di dati aggiuntivi e più robusti: "Stiamo usando le diverse aree di competenza all'interno dell'OIST per migliorare la nostra ricerca".


Il team sta anche lavorando per portare il peptide alla produzione: "Vogliamo coinvolgere aziende farmaceutiche in futuro", spiega il dott. Taoufiq. "Hanno la necessaria competenza in farmacologia e la capacità degli studi umani di trasformare il nostro peptide in un trattamento praticabile". Nonostante il viaggio dalla ricerca al farmaco sia tristemente lungo, prendendo in media 20 anni dallo studio alla prescrizione, i ricercatori rimangono altamente entusiasti. Come afferma la dott.ssa Chang,

“Il vaccino contro il coronavirus ci ha mostrato che i trattamenti possono essere sviluppati rapidamente, senza sacrificare il rigore scientifico o la sicurezza. Non ci aspettiamo che questo vada così rapidamente, ma sappiamo che i governi - specialmente in Giappone - vogliono affrontare il MA, che sta colpendo così tante persone. E ora, abbiamo capito che è possibile invertire efficacemente il declino cognitivo se trattato all'inizio".

 

 

 


Fonte: Okinawa Institute of Science and Technology (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: CJ Chang, [+6], T Takahashi. The microtubule-dynamin binding inhibitor peptide PHDP5 rescues spatial learning and memory deficits in Alzheimer’s disease model mice. Brain Research, 2024, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.