Iscriviti alla newsletter

Rischi e fascino di essere un 'caregiver infaticabile'

Rischi e fascino di essere un 'caregiver infaticabile'

'Caregiver Infaticabile" (CI) è il termine che uso per descrivere chi è attratto, ancora e ancora, ad aiutare e guarire gli altri, spesso a scapito di sé stesso.


Dalla pratica clinica e dalla mia ricerca continua, so che i CI si sentono bene quando fanno del bene; sono aiutanti compassionevoli, empatici, nativi. Spesso, sono stati educati a prendersi cura di coloro che li circondano in qualche modo, inclusi i genitori, i fratelli e gli altri che pensano solo a loro stessi.


Pertanto, può sembrare estremamente difficile per i CI immaginare chi sarebbero senza essere la famiglia, il quartiere o il posto di lavoro ideale. Poiché i CI sono sia condizionati che fortemente motivati ​​ad aiutare gli altri, sono particolarmente attratti da coloro che sono sofferenti, vulnerabili o sembrano averne bisogno.


Sono anche magneti per le persone che non hanno il desiderio di fare la loro parte nella relazione o di assumersi la responsabilità personale. Questi includono i narcisisti, che sono quelli profondamente concentrati su se stessi, siano essi i tipi più fiduciosi o meno ovvi, apparentemente senza pretese, che si sentono segretamente superiori a tutti gli altri.

 

Cosa c'è di sbagliato nell'essere un Caregiver Infaticabile?

I CI vedono il bene anche nelle persone più difficili, e possono essere sia una forza significativa per il bene nel mondo che avere limiti anche abbastanza sani da evitare di bruciarsi o di essere sfruttati ripetutamente. Per quanto possibile, i CI sanno che anche loro hanno un valore intrinseco e che devono trattarsi con il rispetto e la gentilezza che mostrano per gli altri. Il loro caregiving include e dà la priorità a se stessi.

Nel peggiore dei casi, tuttavia, le compulsioni del CI per curare chiunque, e chiunque ne abbia bisogno, e di chiudere un occhio sulla tossicità, li rende vulnerabili a coloro che pensano solo a sé stessi, insensibili e privi della capacità o del desiderio di contraccambiare le cure che il CI fornisce loro.

Che alla fine lascia il Caregiver Infaticabile a percepire una combinazione tra depressione, ansia, indegnità, smarrimento, frustrazione, sfinimento e di sentirsi non amabile. Li lascia anche a sistemare i pasticci di altre persone, sia letteralmente che figurativamente, e anche finanziariamente, quando la persona tossica rifiuta di farlo, o lascia del tutto la relazione.

L'esperienza dei CI di programmare da subito può portarli ad attrarre e ad essere attratti dalle relazioni co-dipendenti. Nel suo libro fondamentale, "Codependent No More" (Non Più Co-dipendenti), l'autrice Melody Beattie ha descritto un tipo di relazione in cui i caregiver compulsivi e le persone alle prese con la dipendenza si trovavano in una continua danza di dipendenza, salvataggio, frustrazione, rabbia, risentimento, e una generale incapacità di diventare più sani (la persona alle prese con la dipendenza) o di allontanarsi da una situazione insostenibile (il caregiver).

Ovviamente, questo tipo di co-dipendenza si verifica anche nelle relazioni in cui la persona bisognosa di soccorso sta affrontando un problema diverso dalla dipendenza. Ad esempio, il CI può essere attratto da partner o amici che non possono rimanere fedeli o tenere un posto di lavoro, o a trovarsi a fare da babysitter a figli adulti che non vogliono fare la loro parte, a coccolare o coprire i colleghi, e così via.

 

Perché è così difficile interrompere l'eccesso di caregiving?

Innanzitutto, è difficile per chiunque cambiare un modo di pensare, di sentire e di comportarsi da molto tempo. Inoltre, i CI sono probabilmente sia cablati per essere altamente empatici, sia spesso hanno ricevuto molto feedback in quel senso che ha rafforzato la loro identità come "buoni" e virtuosi - finanche santi - per aver fornito così tante cure amorevoli, e sono stati instillati della paura di essere "egoisti" quando non dicono "sì" ad ogni richiesta. Quindi, l'autostima del CI è diventata dipendente dall'essere in questo ruolo.

 

Ognuno è una persona Vai-A

Probabilmente avrete notato che i CI di solito sono quel familiare a cui tutti gli altri si affidano per quasi tutto quello che c'è sotto il sole. Sono le figlie e i figli "buoni", il maestro o allenatore amato che fa il miglio extra-extra-extra, la persona in chiesa che si fa sempre volontaria quando gli altri mancano, l'amico a cui tutti vanno per un prestito o un giro a tarda notte, ecc.

Quindi, nonostante la frustrazione e lo sfinimento che porta a tutta questa santità, questo rafforza anche il senso di sé del CI come una persona buona (e quindi non egoista).

Quando una relazione finisce perché la persona tossica perde interesse, il CI è ad alto rischio di trovare una serie di personaggi tossici dello stesso tipo per riempire il vuoto. E il CI è probabile che sia quella persona che recupera i ritardi di tutti gli altri al lavoro, ma in cambio chiede poco o nulla.

Ancora una volta, il problema non è l'aspetto "premuroso", ma quel fare troppo auto-sacrificale e indiscriminato che impedisce agli altri di crescere e impedisce al CI di avere confini sani e un livello appropriato di auto-cura.

 

Cosa puoi fare

Sei un caregiver infaticabile? Ci sono delle cose che puoi fare per iniziare a stabilire limiti salutari e prenderti più cura di te. Due libri che vale la pena leggere sono:

  1. Beattie, M. (1992). Non più codipendente: come smettere di controllare gli altri e iniziare a prendersi cura di te stesso. Hazelden Publishing.
  2. Brown, N. W. (2008). I figli di chi pensa solo a sé stesso: una guida per adulti per superare i genitori narcisistici. New Harbinger Publications.


Le altre mie raccomandazioni sono di iniziare a sviluppare gli strumenti per aiutarti a fare un passo indietro e osservare da vicino le relazioni e i modelli difficili. Strumenti come la meditazione di consapevolezza e l'immaginazione guidata possono aiutarti a sentirti più calmo, creare una certa distanza tra i pensieri autocritici e il respingimento che probabilmente otterrai una volta che inizi a stabilire dei limiti con altre persone. (In realtà, questo è un motivo comune per cui le persone scelgono di non impostare i limiti, anche se sono infelici).

E vale sempre la pena cercare il sostegno di buoni amici (non tossici), un religioso di fiducia o un terapista qualificato, quando stai pensando di apportare cambiamenti significativi o hai bisogno di aiuto per far fronte.

 

 

 


Fonte: Dr. Traci Stein PhD, psicologo, ipnoterapeuta clinico certificato ed educatore sanitario che integra approcci di guarigione complementari / alternativi e convenzionali.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.