Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Quartieri poveri legati a rischio alto di demenza e invecchiamento cerebrale più veloce

Indipendentemente dal reddito o dall'istruzione, le persone che vivono in quartieri svantaggiati mostrano segni precoci di declino cognitivo.

disadvantaged area or neighbourhood

Vivere in un quartiere più povero è legato all'invecchiamento accelerato del cervello e all'aumento del rischio di demenza all'inizio della vita, indipendentemente dal livello di reddito o dall'istruzione, secondo uno studio guidato dalla Duke University di Durham / North Carolina. Lo studio, apparso su Alzheimer's & Dementia, suggerisce che per ridurre il rischio di demenza dovremmo puntare i quartieri svantaggiati con programmi di prevenzione della demenza e incoraggiare i medici a considerare l'indirizzo del paziente.


"Se vuoi prevenire la demenza e non chiedi alla persona del suo quartiere, ti mancano informazioni importanti", ha detto il neuropsicologo clinico Aaron Reuben PhD, che ha guidato lo studio da post-dottorato nel laboratorio congiunto dei professori Avshalom Caspi PhD e Terrie Moffitt PhD alla Duke University.

 

'Zone blu' di demenza

Il morbo di Alzheimer (MA) è la forma più comune di demenza, un disturbo neurologico che ruba i ricordi e le capacità cognitive alle persone. Si stima che 58 milioni di persone in tutto il mondo abbiano la demenza, destinati a diventare quasi 150 milioni per il 2050. Nonostante l'aumento atteso dei casi e l'immenso pedaggio emotivo e finanziario che la demenza richiede a individui e famiglie, non ci sono cure o medicine efficaci.


I ricercatori ora cercano invece di prevenire, piuttosto che trattare la demenza con cambiamenti dello stile di vita, come alimentazione ed esercizio fisico. Sebbene optare per più verdure o corse in bicicletta possa aiutare a rafforzare la salute e la resilienza del cervello, Reuben era curioso di capire se il luogo dove viva una persona prevede il rischio di demenza futura meglio di qualsiasi combinazione di scelte individuali.


"Volevo capire se c'era uno schema geografico per la demenza così come c'è per la longevità, come le zone blu", ha detto Reuben, riferendosi alle regioni in cui i residenti sembrano vivere più a lungo della media. "Molte scelte individuali, come quello che mangi, ciò che fai per divertimento o con chi trascorri del tempo, sono vincolate dal luogo dove vivi".

 

I quartieri poveri generano rischio di demenza

Reuben e i suoi colleghi della Duke, nonché i collaboratori dell'Università del Michigan, della Michigan State University, dell'Università di Otago (Nuova Zelanda) e dell'Università di Auckland, hanno confrontato le cartelle cliniche e gli indirizzi di 1,41 milioni di neoalandesi per individuare i modelli.


Il team ha esaminato quanto era benestante o svantaggiato l'indirizzo di ogni neozelandese su una scala da 1 a 10, usando le informazioni del censimento nazionale per livello medio di reddito, occupazione e istruzione, nonché l'accessibilità dei trasporti e altri fattori correlati. Come per gli studi su scala ridotta di persone negli Stati Uniti e in Inghilterra, Reuben e il suo team hanno scoperto che quelli che risiedono nelle aree più svantaggiate avevano un rischio più alto del 43% di sviluppare la demenza sui 20 anni di osservazione.


Reuben ha affermato che la scoperta ha comunque suscitato la domanda se i segni biologici di neurodegenerazione associati al quartiere potessero essere visti prima nell'età adulta, molto prima che le persone si presentassero in clinica con difficoltà di memoria.

 

Invecchiamento cerebrale accelerato

Reuben e il suo team hanno quindi analizzato i dati dallo studio Dunedin, che ha monitorato quasi 1.000 neozelandesi dalla nascita, documentando la loro salute psicologica, sociale e fisiologica, con scansioni cerebrali, test di memoria e autovalutazione cognitiva nell'età adulta. Reuben ha scoperto che i partecipanti allo studio residenti in quartieri svantaggiati in età adulta avevano una salute cerebrale misurabilmente più povera già all'età di 45 anni, indipendentemente dal reddito personale o dall'istruzione.


"Non è solo quali risorse personali hai, è anche dove vivi che conta", ha detto Caspi.


Una serie di misurazioni ha osservato una salute del cervello più scadente, come meno cellule nervose o più piccole, nelle aree di elaborazione delle informazioni e una comunicazione meno efficiente tra le cellule in tutto il cervello, nonché più atrofia e, potenzialmente, micro-sanguinamenti.


Gli iscritti allo studio che vivevano nei quartieri più poveri avevano anche cervelli visibilmente più anziani a 45 anni, quando i ricercatori hanno esaminato le scansioni della risonanza magnetica: gli individui dei quartieri più svantaggiati avevano un cervello che sembrava 3 anni più vecchio del previsto, rispetto alla loro età cronologica. Hanno anche ottenuto un punteggio peggiore nei test di memoria e hanno riferito più problemi con le esigenze cognitive quotidiane, come seguire le conversazioni o ricordare come muoversi in luoghi familiari.

 

Affrontare la posizione per prevenire la demenza

Questi risultati indicano che vivere in un quartiere svantaggiato è un fattore di rischio per la demenza, afferma Reuben. Il modo in cui i quartieri più poveri potrebbero aumentare il rischio non è ancora chiaro, ma potrebbe essere il risultato di una serie di cose associate alle aree private, come una qualità peggiore dell'aria, livelli più bassi di interazioni sociali quotidiane, livelli più elevati di stress e meno pedonabilità.


Combattere l'aumento del rischio di demenza derivante dai quartieri svantaggiati, tuttavia, può essere semplice e a basso costo. Gli interventi incentrati sulla comunità, come programmi di prevenzione della demenza specifici per i quartieri sotto-serviti o il trasformare spiazzi liberi in parchi tascabili, potrebbero aiutare a dirigere le risorse dove sono più necessarie.


Per ora, tuttavia, Reuben sostiene che il solo tenere conto del quartiere di un persona è fondamentale per cogliere e frenare l'invecchiamento cerebrale accelerato e il rischio di demenza.


"Se vuoi prevenire veramente la demenza, devi iniziare presto, perché vediamo il suo inizio 20 anni prima di una diagnosi", ha detto Reuben. "E potrebbe essere anche prima".

 

 

 


Fonte: Duke University (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: A Reuben, [+14], A Caspi. Dementia, Dementia’s Risk Factors and Premorbid Brain Structure are Concentrated in Disadvantaged Areas: National Register and Birth-Cohort Geographic Analyses. Alzh&Dem, 2024, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.