Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Proteine ​​di Alzheimer rilevate nel liquido cerebrale di topi sani

Lo studioso di ricerca post-dottorato Kaoru Yamada, PhD, è autore di un nuovo studio che ha rilevato proteine di Alzheimer dove non si aspettava di trovarle: nel fluido cerebrale di topi sani. Mary Beth Finn, tecnico ricercatore senior, è stata co-autrice.

Uno degli indicatori più promettenti dell'Alzheimer, ritenuto finora presente solo all'interno delle cellule nervose, ora sembra essere rilasciato normalmente dalle cellule nervose per tutta la vita, secondo i ricercatori della School of Medicine della Washington University a St. Louis.

Gli scienziati hanno trovato prove che nei topi le cellule cerebrali sane secernono regolarmente proteina tau nei fluidi cerebrali circostanti. Prima d'ora, il principale ruolo conosciuto della tau nella biologia sana era come componente del citoscheletro, quei binari che consentono il trasporto di materiale all'interno delle cellule del sistema nervoso centrale. Il nuovo rapporto appare in linea in The Journal of Neuroscience.

Nell'Alzheimer, la tau sembra giocare un ruolo fondamentale. E' l'ingrediente principale dei grovigli neurofibrillari, che sono aggregati anomali di materiale all'interno delle cellule nervose e segno distintivo della malattia. Più tau nel fluido spinale sembra essere un segno precoce dell'Alzheimer, e la proteina è uno dei diversi indicatori che i ricercatori stanno indagando nel tentativo di curare l'Alzheimer prima che i pazienti sviluppano la demenza.

"La nostra nuova tecnica per misurare la tau nel cervello vivente di modelli animali ha il potenziale di aiutarci a determinare come viene secreto, che potrebbe essere molto importante per comprendere appieno il processo dell'Alzheimer", dice l'autore Kaoru Yamada, PhD, uno studioso post-dottorato di ricerca. "Ci aiuterà anche a testare nuovi farmaci per l'Alzheimer".

La proteina tau esiste in diverse forme. A seconda di come è assemblata e piegata, può rimanere sospesa nel liquido all'interno e tra le cellule (solubile) o uscire da quei fluidi e raggrupparsi insieme con altre copie della proteina tau per creare grovigli (insolubili). La tau solubile può legarsi a parti del citoscheletro delle cellule per dare loro ulteriore robustezza e flessibilità e per consentire il trasporto di materiale all'interno delle cellule nervose.

David HoltzmanRecenti studi hanno evidenziato che macchie di tau insolubili si possono formare all'interno di cellule, lasciare le cellule e essere riprese da altre cellule. Ma fino ad ora, la tau solubile non è stata ritenuta in grado di lasciare le cellule nervose all'interno di un cervello vivente. Yamada ed altri, nel laboratorio di David Holtzman, MD, il professore Andrew B. and Gretchen P. Jones, capo del Dipartimento di Neurologia (foto a sinistra), hanno modificato una tecnica sviluppata per misurare la beta amiloide, l'ingrediente principale delle placche amiloidi, un altro segno distintivo dell'Alzheimer. Hanno scoperto che era presente tau nel liquido cerebrale di topi normali in quantità fino a dieci volte superiori ai livelli di tau nel liquido spinale. Questi livelli non sono cambiati con l'invecchiamento dei topi.

Successivamente, i ricercatori hanno testato i topi geneticamente modificati per produrre più tau, inducendoli a sviluppare grovigli neurofibrillari con l'invecchiamento. I livelli di tau nei fluidi cerebrali sono diminuiti con l'invecchiamento dei topi, passando da 250 nanogrammi per millilitro nei topi giovani a 80 nanogrammi per millilitro in quelli vecchi. Questo può essere perché il tau solubile nei fluidi cerebrali viene convertito in forme insolubili della proteina tau, che poi formano grovigli neurofibrillari. When researchers injected copies of tau shortened to contain only the protein's biochemically “stickiest” region, potentially seeding the formation of new insoluble clumps of tau, levels of the protein in brain fluid dropped even in young mice.

Quando i ricercatori hanno iniettato le copie del tau abbreviato a contenere solo biochimica della proteina regione "stickiest", potenzialmente semina la formazione di nuovi aggregati insolubili di tau, i livelli della proteina nel liquido cerebrale sceso anche nei topi giovani. "Ipotizziamo che ci sono processi metabolici ignoti che regolano i livelli di proteina tau solubile nel liquido cerebrale, e l'aggregazione di tau in grovigli neurofibrillari interrompe questi processi", dice Holtzman.

Yamada nota che la nuova tecnica al momento può solo misurare solo copie solubili di tau. Copie multiple di tau solubile possono stare insieme, e ulteriori adattamenti della tecnica di valutazione sono necessari per vedere se queste catene sono presenti nei fluidi tra le cellule del cervello prima e dopo che i grovigli inizino a formarsi. Gli scienziati prevedono inoltre ulteriori indagini su come e perché le cellule del cervello secernono la tau solubile.

La ricerca è stata finanziata da AstraZeneca, dal Cure Alzheimer's Fund, da Astellas Foundation for Research on Metabolic Disorders, dalla Uehera Memorial Foundation e dalla Japan Society for the Promotion of Science.

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce?
Puoi usare il modulo dei commenti sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica. Non tenerla per te, non farci perdere l'occasione di conoscerla.

 


Reference: Yamada K, Cirrito JR, Stewart FR, Jiang H, Finn MB, Holmes BB, Binder LI, Mandelkow EM, Diamond MI, Lee VM-Y, Holtzman DM. Yamada K, Cirrito JR, Stewart FR, Jiang H, Finn MB, BB Holmes, Binder LI, Mandelkow EM, Diamante MI, Lee VM-Y, Holtzman DM. In vivo microdialysis reveals age-dependent decrease of brain interstitial fluid tau levels in P301S human tau transgenic mice. The Journal of Neuroscience , online Sept. 14, 2011.

Pubblicato in Washington University Saint Louis il 19 settembre 2011 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.