Iscriviti alla newsletter

Prima interfaccia cervello-computer Neuralink impiantata in un essere umano

L'impianto in un essere umano dell'interfaccia cerebrale di NeuraLink è una pietra miliare.

Neurallink twitterFonte: X (ex Twitter)

Neuralink ha impiantato la sua interfaccia cerebrale in un essere umano, secondo un annuncio fatto lunedì 29 gennaio 2024 dall'imprenditore americano-sudafricano Elon Musk, che ha co-fondato la società neurotecnologica privata con Max Hodak e altri nel 2016.

Sebbene questo sia il debutto per Neuralink, non è la prima volta nella storia della scienza che a un essere umano è stato impiantato invasivamente un'interfaccia computer-cervello (BCI, brain-computer interface), o interfaccia macchina-cervello (BMI, brain-machine interface).

Oltre due decenni e mezzo prima, nel 1998, il neurochirurgo Roy E. Bakay MD della Emory University, e il neuroscienziato Phillip R. Kennedy MD hanno impiantato all'ospedale dell'Università Emory un elettrodo neurotrofico nella corteccia motoria di un paziente con sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e di un altro paziente che era sopravvissuto all'ictus del tronco encefalico. La BCI aveva permesso a entrambi i pazienti di comunicare usando i loro pensieri per controllare un cursore che attivava delle icone che inducevano un computer a dire delle frasi.

I fornitori di BCI includono Synchron, Medtronic, Kernel, BrainGate, EMOTIV, NeuroSky, Neurable, NextMind/Snap Labs, Centro Medico Università di Utrecht, Ripple Neuro, OpenBCI, CGX/Cognionics, Compumedics Neuroscan, ANT Neuro, NIRx Medical Technologies, Natus Medical Incorporated, G.Tec Medical Engineering GmbH, Neuroelectrics, Nihon Kohden Corp., Integra Lifesciences, Cadwell Ind., Cortech Solutions e altri.

Le BCI o BMI, sono neurotecnologie che consentono a una persona di controllare i dispositivi esterni con pensieri di azioni intenzionali e, in genere, usano l'apprendimento automatico dell'intelligenza artificiale (AI) per aiutare a decodificare le enormi quantità di registrazioni complesse dell'attività cerebrale.

È un settore che dovrebbe raggiungere 6,2 miliardi di dollari entro il 2030, crescendo a un tasso annuale composto del 17,5% nel periodo 2023-2030 secondo Grand View Research. Le BCI sono tecnologie assistive che possono migliorare la vita di coloro che sono paralizzati o disabili. È neurotecnologia che offre un barlume di speranza a coloro che sono gravemente compromessi o hanno perso la capacità di muoversi o comunicare.

Con le BMI, una persona può usare i propri pensieri di azioni intenzionali per controllare una sedia a rotelle, arti robotici, cursore del computer, tastiera, dispositivi di comunicazione e altra elettronica che può migliorare la qualità della vita quotidiana per chi è colpito da lesioni del midollo spinale, Parkinson, Alzheimer, SLA, ictus e altro ancora.

"Il primo umano ha ricevuto un impianto da @NeuraLink ieri e si sta riprendendo bene", ha pubblicato Musk sulla sua piattaforma di social media X (l'ex Twitter). "I risultati iniziali mostrano un rilevamento promettente degli spari dei neuroni".

[...] Lo scorso maggio, Neuralink ha ricevuto dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti un'esenzione per i dispositivi sperimentali, che consente alla società di condurre uno studio clinico per raccogliere informazioni sulla sicurezza e sull'efficacia del dispositivo sperimentale. Lo studio clinico di NeuraLink valuterà l'impianto del BCI chiamato 'N1 Implant', il robot chirurgico chiamato R1 Robot e la loro app utente N1.

L'N1 Implant è sigillato ermeticamente in un involucro biocompatibile con una batteria che può essere caricata in modalità wireless, chip a bassa potenza e 1024 elettrodi distribuiti su 64 fili. L'R1 Robot usa 5 sistemi di telecamere per eseguire la tomografia a coerenza ottica (OCT) e un ago più sottile rispetto dei capelli umani per inserire i fili dell'impianto N1 nella posizione prevista del cervello.

Secondo l'azienda, lo studio principale durerà circa sei anni dall'inizio alla fine e coinvolgerà nove visite in clinica e a casa per circa un anno e mezzo, più 20 visite di controllo a lungo termine per più di 10 anni.

La tetraplegia o quadriplegia, è la paralisi parziale o completa con perdita di movimento e sensibilità sia nelle braccia che nelle gambe. I partecipanti ideali allo studio principale di NeuraLink sono adulti tetraplegici che hanno almeno 22 anni, con una funzione limitata di braccia e gambe, a causa della sclerosi laterale amiotrofica (SLA) o della lesione del midollo spinale cervicale, iniziata almeno un anno prima, senza miglioramento.

La missione dichiarata da Neuralink è "creare un'interfaccia cerebrale generalizzata per ripristinare l'autonomia a coloro che hanno bisogni medici insoddisfatti oggi e sbloccare il potenziale umano domani" e l'obiettivo iniziale per la loro BCI è "dare alle persone la capacità di controllare il cursore o la tastiera di un computer usando solo i pensieri".

 

 

 


Fonte: Cami Rosso in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.