Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Tè verde può ridurre il declino cognitivo agendo sulla patologia Tau dell'Alzheimer

green tea cup

Un team dell'Università di Qingdao e della Fudan University of China ha reclutato più di 700 anziani over-40, per indagare sulle loro abitudini di bere il tè, e valutare la loro funzione cognitiva e soprattutto le alterazioni del morbo di Alzheimer (MA), una patologia cerebrale dell'invecchiamento.


Quali sono i risultati? Il team ha rivelato che il consumo di tè verde può tenere a bada gli effetti negativi della patologia tau nel fluido cerebrospinale (CSF), un'alterazione centrale del MA, anche negli individui cognitivamente intatti. E, ancora più impressionante, gli individui over-65 o più giovani e maschi, probabilmente traggono più benefici da un tale fattore di stile di vita modificabile.


In particolare, bere tè verde potrebbe essere un modo conveniente ed accessibile per abbassare il rischio di malattie neurodegenerative legate alla tau. Fa bene al tuo cervello.

 

Tè verde appare promettente per prevenire il MA

Anche se la ricerca consolidata ha scoperto molte cose sul MA, si deve ancora lavorare molto per prevenire o rallentare la malattia, e capire come i fattori genetici, ambientali e di stile di vita sono correlati ai cambiamenti biologici della malattia.


Si considera che le alterazioni dei biomarcatori fondamentali del MA nel CSF (come le proteine ​amiloide-beta e tau), riflettano il danno patologico sottostante nel cervello, e sono essenziali per identificare gli individui con deterioramento cognitivo lieve (MCI) e nella fase preclinica di MA.


Il prof. Jin-Tai Yu, dell'Università Fudan, direttore della Memory Disorders Division nel Dipartimento di Neurologia dell'Huashan Hospital, ha detto:

“Pochi studi rilevanti basati sulla popolazione hanno studiato il meccanismo esatto alla base delle associazioni tra il consumo di tè e la patogenesi di MA, puntando in particolare la fase iniziale cognitivamente integra del MA.

“Ma il nostro team ha progettato lo studio su una grande popolazione, e in effetti, come previsto, i collegamenti con i biomarcatori fondamentali del MA nel CSF hanno corroborato ulteriormente l'effetto favorevole del tè verde sulla mitigazione del rischio di MA”.

“Questi risultati sono interessanti e incoraggianti. I componenti del tè verde possono migliorare il metabolismo della tau anormale nel cervello nella fase iniziale del MA e sono obiettivi promettenti per interventi e terapie farmacologiche“.


I risultati sono stati pubblicati online sul Journal of Alzheimer's Disease il 1 settembre 2020.

 

Informazioni sullo studio CABLE

Il Chinese Alzheimer’s Biomarker and Lifestyle (CABLE) è uno studio di coorte su larga scala e continuo che mira a identificare i fattori di rischio genetici, ambientali e di stile di vita, e i biomarcatori del MA nella popolazione cinese Han. Questa banca dati raccoglie i dati di partecipanti da 40 a 90 anni ed è formato da anziani cognitivamente intatti e da individui con MCI o MA.


Tutti i partecipanti a questo studio sono sottoposti a valutazione neuropsicologica, test biochimici, scansioni, così come a raccolta di campioni di sangue e CSF. Sono state raccolte con questionari completi anche informazioni demografiche, profilo dei fattori di rischio di MA, e la storia medica.


“Dopo questo, ogni partecipante riceve una diagnosi di consenso dai medici professionisti attraverso test neuropsicologici, combinati con esami dei biomarcatori CSF e delle scansioni del cervello, nel rispetto del criteri diagnostici del gruppo di lavoro National Institute on Aging–Alzheimer’s Association (NIA-AA)”, ha detto il professor Jin-Tai Yu.

 

Come il tè verde influenza il cervello

Diversi studi dimostrano che il tè verde ha il potenziale di proteggere le cellule cerebrali, migliorare la memoria nel MA, e soprattutto di ritardare la progressione del declino cognitivo.


Dato il consumo abituale di tè verde nelle attività sociali cinesi e dei suoi effetti più favorevoli sulla cognizione, questo studio CABLE ha chiarito specificamente le correlazioni tra il consumo di tè verde (invece di tè nero e oolong) e la patologia MA, usando un questionario auto-riferito convalidato.


I ricercatori ritengono che le osservazioni della patologia tau ridotta nel CSF negli individui che bevono regolarmente tè verde può dipendere dalle catechine abbondanti nel tè. “Ci siamo concentrati su questi componenti del tè verde”, ha detto la prof.ssa Lan Tan, coautrice senior di questo lavoro. “Le catechine del tè verde possono invocare ampi meccanismi cellulari legati agli antiossidanti e avere attività potenti di neuroprotezione e neurosalvataggio".


Studi ben caratterizzati hanno suggerito che gli effetti antinvecchiamento e neuroprotettivi del tè verde dipendono dal grande contenuto di antiossidanti. L'aumento di specie reattive all'ossigeno (ROS) nel cervello induce una disfunzione mitocondriale e l'apoptosi, e provoca malattie neurodegenerative. Tuttavia, i polifenoli del tè hanno rivelato di spazzare via ROS e RNS (reactive nitrogen species, specie reattive all'azoto) e indurre gli enzimi antiossidanti a legare e chelare i metalli in eccesso.


Evidenze precedenti erano giunto a conclusioni coerenti: l'epigallocatechina 3-gallato (EGCG), il principale componente polifenolico del Tè verde, potrebbe inibire l'aggregazione di oligomeri tau tossici, anche a concentrazioni substechiometriche. Nel frattempo, la L-teanina, che è stata originariamente isolata dal tè verde, potrebbe inibire l'attivazione del glicogeno 'sintasi chinasi-3β' per ridurre l'aggregazione della tau.

 

Prossimi passi

Anche se gli studi sugli effetti del tè verde sull'invecchiamento cerebrale sembrano promettenti, c'è molto lavoro da fare prima che sia effettivamente usato come metodo di trattamento per i pazienti di MA.


Il prossimo passo potenziale nella ricerca del team è eseguire analisi quantitative basate sulla registrazione regolare dell'assunzione giornaliera di tè, usando il database di follow-up e studiando le differenze tra foglie di tè, bustine di tè, ecc...


Tali studi prospettici costituiranno scoperte convincenti sui rapporti causali con il declino cognitivo e gli altri fenotipi di MA. Inoltre, il dottor Yu e il suo team sperano anche di distinguere gli effetti dei tipi di tè e dei diversi costituenti del tè verde (come EGCG e L-teanina) sui cambiamenti biologici del MA, per integrare le conoscenze attuali sui meccanismi sottostanti.

 

 

 


Fonte: IOS Press (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Ya-Hui Ma, Jia-Huan Wu, Wei Xu, Xue-Ning Shen, Hui-Fu Wang, Xiao-He Hou, Xi-Peng Cao, Yan-Lin Bi, Qiang Dong, Lei Feng, Lan Tan, Jin-Tai Yu. Associations of Green Tea Consumption and Cerebrospinal Fluid Biomarkers of Alzheimer’s Disease Pathology in Cognitively Intact Older Adults: The CABLE Study. Journal of Alzheimer's Disease, 1 Sep 2020, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.