Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Dispositivo di monitoraggio da polso può dare avviso precoce dell'Alzheimer

Un piccolo studio ha trovato differenze nei modelli di attività tra gli anziani con accumulo di amiloide cerebrale e quelli senza.

devices messing with my brain

Monitorare i modelli di attività quotidiana con un dispositivo da polso può rilevare segnali di avvertimento precoce del morbo di Alzheimer (MA), secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora/Maryland, pubblicato su Sleep.


I ricercatori hanno analizzato i dati di movimento con un dispositivo simile a un orologio da polso chiamato actigrafo, portato da 82 anziani cognitivamente sani che partecipavano a uno studio di lungo termine sull'invecchiamento. Alcuni partecipanti avevano un accumulo di amiloide cerebrale rilevato da una scansione PET. L'accumulo della proteina amiloide-beta (Aβ) nel cervello è una caratteristica cruciale del MA.


Usando una tecnica statistica sensibile, i ricercatori hanno trovato differenze significative tra questo gruppo di 'amiloide-positivi' e i partecipanti 'amiloide-negativi' nelle attività di determinati periodi pomeridiani e differenze nella variabilità dell'attività tra i vari giorni in una vasta gamma di finestre temporali.


"Dobbiamo replicare questi risultati in studi più ampi, ma è interessante che ora abbiamo visto una differenza simile tra anziani amiloide-positivi e amiloide-negativi in due studi indipendenti", afferma Adam Spira PhD, professore nel dipartimento di salute mentale della Johns Hopkins.


I risultati del nuovo studio confermano in parte i risultati di uno precedente in un campione più piccolo, anch'esso guidato da Spira, e suggeriscono che un giorno gli actigrafi potrebbero essere uno strumento per aiutare a rilevare il MA incipiente prima che avvenga un deterioramento cognitivo significativo.


Per il nuovo studio, Spira e colleghi hanno studiato il potenziale del monitoraggio via actigrafo in 82 individui residenti in comunità la cui età media era di circa 76 anni. Ogni partecipante ha avuto una scansione PET per misurare l'amiloide cerebrale e ha indossato un actigrafo per 24 ore al giorno per una settimana.


Attraverso la tecnica statistica FOSR (function-on-scalar regression), i ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai 57 partecipanti amiloide-negativi, i 25 amiloide-positivi avevano un'attività media più elevata durante il primo pomeriggio (dalle 13 alle 15:30) e meno variabilità quotidiana nelle attività dalle 13:30 alle 16 e dalle 19:30 alle 22:30. Con analisi più conservative, alcune di queste finestre temporali con differenze non erano statisticamente significative. Tuttavia, l'attività pomeridiana più elevata e la variabilità pomeridiana inferiore hanno fatto eco ai risultati precedenti.


Il MA, la principale causa di demenza che riguarda oltre 6 milioni di anziani negli Stati Uniti, non è ancora compreso totalmente, ma è caratterizzato da placche di amiloide e grovigli nel cervello, che di solito iniziano a formarsi da 10 a 20 anni prima che la malattia sia diagnosticata. Gli unici trattamenti approvati che possono rallentare il decorso della malattia sono quelli che colpiscono l'Aβ e riducono le placche. Molti ricercatori ritengono che tali trattamenti possano essere molto più efficaci se somministrati presto nel corso della malattia, molto prima che la demenza diventi evidente.


I modelli anormali di sonno e le attività di veglia sono stati studiati come primi indicatori potenziali di MA. I pazienti di MA in genere hanno ritmi anormali sonno-veglia e studi precedenti hanno trovato prove che l'accumulo di Aβ può interrompere i ritmi sonno-veglia relativamente presto nel processo della malattia. Vi sono anche prove che la perdita del sonno promuove l'accumulo di Aβ, suggerendo un 'circolo vizioso'.


Tali scoperte suggeriscono la possibilità che un giorno gli anziani possano, tra le altre misure, portare dispositivi simili a orologi da polso che possono tracciare e analizzare automaticamente il sonno e l'attività di veglia. Gli individui con modelli di attività anomali potrebbero quindi consultare il loro medico per una valutazione più approfondita del MA.


Gli individui di questa ricerca erano iscritti a uno studio di lunga data (Baltimore Longitudinal Study of Aging) che è diretto dal programma di ricerca intramurale del National Institute on Aging (NIA). Diversi membri del team NIA sono coautori dello studio. I metodi statistici standard, non-FOSR, non hanno rilevato differenze significative nell'attività o nei modelli di sonno, suggerendo che quei metodi possono essere meno sensibili alla deposizione di amiloide.


Nello studio precedente con actigrafia con analisi basate su FOSR in un campione diverso di 59 individui, i ricercatori hanno riscontrato nei partecipanti amiloide-positivi aumenti dell'attività media nelle ore pomeridiane e differenze nella variabilità, inclusa una minore variabilità nel pomeriggio.


Gli scienziati non sanno perché l'accumulo di amiloide innesca differenze nei modelli di attività durante questi particolari periodi del giorno. Notano che tra gli individui con MA esiste un fenomeno chiamato 'sundowning' (sindrome del tramonto), per cui l'agitazione aumenta nel pomeriggio e nella prima serata.


"È ipotizzabile che l'attività pomeridiana più elevata che abbiamo osservato sia un segnale di «sundowning preclinico»", afferma Spira. "Allo stesso tempo, è importante notare che questi risultati rappresentano le medie tra un piccolo campione di anziani per un breve periodo di tempo. Non possiamo prevedere se un individuo svilupperà placche amiloidi in base ai tempi della sua attività. Quindi, sarebbe prematuro per gli anziani preoccuparsi perché i loro tracciatori di fitness dicono che sono particolarmente attivi nel pomeriggio, per esempio".


Lui e i suoi colleghi hanno in programma di realizzare studi più grandi di questo tipo. Sperano anche di fare studi più a lungo termine per vedere se i cambiamenti quotidiani di attività sono associati non solo all'amiloide cerebrale ma anche a un declino cognitivo effettivo.

 

 

 


Fonte: Johns Hopkins University (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: AP Spira, [+16], SM Resnick. Evaluating a novel 24-hour rest/activity rhythm marker of preclinical β-amyloid deposition. Sleep, 2024, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.