Iscriviti alla newsletter

Perché quella è la tua canzone preferita? La musica che ci piace dipende da neurobiologia e serendipità.

favorite songFoto: Shutterstock

Abbiamo tutti delle canzoni preferite. Certe musiche si attaccano immediatamente alla nostra testa e si riverberano nella memoria di lavoro per ore o giorni, ma a noi non piacciono molto. I motivetti pubblicitari più efficaci si adattano a questa descrizione.


E poi ci sono canzoni o musiche alle quali ritorni consciamente ancora e ancora, attraverso le tue liste di canzoni, o quelle che ti fanno sorridere immediatamente quando riempiono spontaneamente il tuo ambiente.


Perché sviluppiamo una preferenza per certe canzoni? E perché è così individuale e imprevedibile quali si attaccheranno a noi, mentre ad altri no? Attraverso le varie fasi della vita, raccogliamo nuovi motivi favoriti e sviluppiamo una cura musicale della nostra identità.


Sappiamo intuitivamente che la musica induce sia una risposta estetica che una risposta emotiva. Potremmo trovare una certa musica bella, ma non è sufficiente per diventare una delle nostre preferite. Mio figlio spiega che la sua canzone preferita semplicemente lo "rende felice", nonostante riconosca che il ritmo e le parole sono solo nella media.


La ricerca con scansioni cerebrali funzionali ha dimostrato che il nostro cervello prende la musica e la elabora in vari luoghi specifici, ognuno dei quali codifica aspetti diversi che vanno dai suoni astratti, ai ritmi, ai testi e al linguaggio. Queste regioni cerebrali separate inviano quindi informazioni ad altre aree con funzioni diverse, che formano associazioni complesse e interdipendenti che determinano sia l'esperienza estetica che il risultato emotivo.


Una scuola di pensiero è che la nostra musica preferita è in gran parte dovuta al suo impatto emotivo, come l'effetto quando siamo in un concerto dal vivo del nostro gruppo musicale preferito. Il cervello genera forti emozioni dagli stimoli musicali attivando un circuito neurologico chiamato 'sistema limbico mediale' o 'circuito di Papez'. Non è chiaro se una canzone preferita crea qualcosa di nuovo emozionalmente o semplicemente innesca percorsi preesistenti.


Un altro dei miei figli ha prestato attenzione alla sua risposta emotiva alla musica e ha curato una lista dinamica di canzoni che può essere usata per aumentare, migliorare o cambiare il suo stato d'animo in modo da adattarsi a qualunque situazione si trovi ad affrontare.


Si affida a queste canzoni preferite per gestire le esigenze emotive del mondo degli adolescenti. Questo uso consapevole della musica per estrarre un dividendo emotivo può essere impiegato per motivarci durante l'esercizio, per preparare l'atmosfera per una cena romantica, per rilassare i clienti in una spa, per incoraggiare la folla durante un evento sportivo e altro ancora. Queste canzoni possono diventare preferite mentre cerchiamo di ricreare quell'atmosfera in seguito.


Un'altra scuola di pensiero è che ci sono canzoni che diventano preferite non tanto per la struttura musicale o per i testi che generano un'emozione specifica, ma piuttosto per ciò che quella canzone rappresenta nella nostra memoria. La musica è ascoltata in contesti unici. Esistono diversi tipi di memoria che utilizzano strutture e percorsi cerebrali separati.


Tra le molteplici forme di memoria che codifichiamo, il suono musicale (insieme agli stimoli visivi) è registrato come memoria percettiva, mentre il significato è percepito come codificato dalla memoria semantica (tipo ricordare poesie o altri testi). Il sistema limbico genera emozioni che si associano alla memoria percettiva, alla memoria episodica degli eventi e alla memoria semantica. Il cervello, quindi, codifica la musica come un componente del nostro multiforme ricordo di un momento o di un'esperienza.


La canzone preferita di mio marito è 'You Can’t Always Get What You Want' (Non puoi sempre ottenere quello che vuoi) dei Rolling Stones. Apprezza il testo ironico di Mick Jagger che si lamenta di essere insoddisfatto e coinvolto in attività banali come andare in farmacia e a prendere una bibita, nonostante fosse una rock star mondiale preminente quando la canzone è stata registrata. È interessante notare che mio marito ha un'enorme memoria verbale, tiene nella sua memoria di lavoro i testi di centinaia di canzoni rock classiche, che richiama per tutte le occasioni.


Egli associa anche questa canzone, e i primi album dei Rolling Stones in genere, a un'epoca della sua vita in cui era sempre più socialmente consapevole e impegnato politicamente. Molti di noi sono inclini a favorire la musica della nostra gioventù. Le nostre esperienze formative da giovani avevano una colonna sonora, che potrebbe spiegare la popolarità delle stazioni radio rock classiche.


Ciò che è ancora più interessante, tuttavia, è che la musica sembra effettivamente migliorare la memoria complessiva. La ricerca ha dimostrato che la musica è coinvolta nella formazione di ricordi, sia di brani musicali, che di episodi e informazioni associate a una musica particolare.


Le caratteristiche musicali stesse, in particolare se inducono un'emozione positiva o richiedono maggiore attenzione, valorizzano in particolare la memoria autobiografica. I ricordi con una colonna sonora musicale sono potenzialmente più forti e più positivi emotivamente rispetto a quelli senza. Queste memorie associate sono anche collegate a un interruttore ambientale che può essere attivato consciamente o inconsciamente in seguito.


La memoria autobiografica definisce chi siamo. Ascoltare la musica dal nostro passato evoca una forte sensazione di conoscenza che spesso chiamiamo nostalgia. Uno studio di Janota ha esaminato la memoria e l'emozione quando si ascoltano canzoni popolari del passato e ha scoperto che le forme di nostalgia più evocate sono positive.


Questo tipo di nostalgia autobiografica rafforza la nostra immagine positiva di sé e il nostro senso di benessere. Un mio amico può identificare particolari canzoni che associa al tempo passato con i suoi amici più stretti quando eravamo giovani e spensierati. Queste canzoni definiscono le sue amicizie di lunga data con noi e sono fonti affidabili di consolazione e sicurezza.


La neuroscienza alla base della complessa relazione tra musica e memoria spiega perché gli algoritmi di intelligenza artificiale di Spotify, Pandora e altri servizi online non riescono a capire bene le nostre preferenze musicali. Gli algoritmi modellano il comportamento di selezione delle playlist degli utenti, ma sono in grado di elaborare solo le componenti estetiche della musica selezionata.


Le associazioni cognitive e le memorie legate alla musica sono unicamente individuali e non necessariamente legate alla qualità estetica della musica. In altre parole, i nostri gusti musicali non definiscono necessariamente i brani che identifichiamo come preferiti. Jimmy Iovine di Apple lo ha ammesso quando ha promesso che il servizio di cura di Apple avrebbe abbinato la canzone che senti all'umore e al momento: "Gli algoritmi da soli non possono svolgere questo compito emotivo. Hai bisogno di un tocco umano".


Fortunatamente o sfortunatamente, anche gli altri umani non possono replicare la nostra esperienza individuale e la memoria autobiografica e siamo lasciati a scoprire i nostri brani preferiti attraverso il caso, la serendipità e la fortuna.


Anche se è interessante sapere che c'è una base neurobiologica per la nostra identificazione della musica preferita, c'è sempre più ricerca in questo campo per definire gli usi terapeutici e riabilitativi della musica sui pazienti con malattie neurologiche che colpiscono la memoria, come demenza, ictus e traumatico danno cerebrale. Questo è un lavoro entusiasmante e un'area da osservare per nuovi interventi medici dai quali potremmo effettivamente trarre benefici.

 

 

 


Fonte: Dott.ssa Lara Ronan, professore associato di Neurologia e Medicina del Dartmouth College.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  1. Jäncke L. Music, memory and emotion. Journal of Biology.(2008) 7:21.
  2. Janata P, Tomic ST, Rakowski SK. Characterization of music-evoked autobiographical memories. Memory, (2007) 15: 845-860.
  3. Eschrich S, Münte TF, Altenmüller EO. Unforgettable film music: the role of emotion in episodic long-term memory for music. BMC Neurosci. (2008) 9.
  4. Belfi AM,  Karlan BF, Tranel D. Music evokes vivid autobiographical memories. Memory. (2015) 979-989.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.