Iscriviti alla newsletter

E' possibile che l'amore del caregiver sia efficace come o più dei farmaci?

E' possibile che l'amore del caregiver sia efficace, o più efficace dei farmaci attualmente disponibili per il trattamento dell'Alzheimer? ... Ve lo siete mai chiesto: io l'ho fatto. E lo faccio.

Può il caregiver dell'Alzheimer fare la differenza nel progresso della malattia? Può il caregiver fare la differenza nel modo in cui si comporta una persona che soffre di Alzheimer? Può il modo in cui il caregiver tratta la persona che soffre di Alzheimer influire nel modo di sentire di quest'ultimo? Può il modo in cui una persona agisce verso di te fare la differenza nel modo in cui ti senti? Possono le parole di qualcuno che conosci farti sentire felice, triste o arrabbiato?

Questo studio documenta l'impatto potenziale della vicinanza emotiva e come può influenzare una persona affetta da Alzheimer.

Una relazione intensa del caregiver può rallentare il declino dell'Alzheimer

Uno studio condotto da ricercatori della Johns Hopkins e dalla Utah State University  suggerisce che un rapporto particolarmente stretto con i caregivers può dare alle persone con malattia di Alzheimer un vantaggio marcato rispetto a quelli a cui manca, nel conservare le funzioni mentali e cerebrali nel corso del tempo. L'effetto benefico dell'intimità emotiva che i ricercatori hanno visto tra i partecipanti è stato pari ad alcuni farmaci utilizzati per curare la malattia.

A report on the study, believed to be the first to show that the patient-caregiver relationship may directly influence progression of Alzheimer's disease, is published in the September 2009  and currently available online. Una relazione sullo studio, che si ritiene essere il primo a dimostrare che la relazione paziente-caregiver può influenzare direttamente la progressione della malattia di Alzheimer, è pubblicato nel numero di Settembre 2009 del The Journals of Gerontology Series B: Psychological Sciences and Social Sciences e attualmente disponibile online.

Lyketsos
"Abbiamo dimostrato che i vantaggi di avere un caregiver vicino, soprattutto un coniuge, può fare la differenza tra una persona con AD che sta a casa e una che deve essere portata a una struttura di cura", afferma Costantine Lyketsos, MD, MHS, Professore in Alzheimer's Disease Research della Elizabeth Plank Althouse e direttore del Memory and Alzheimer Treatment Center della Johns Hopkins.

Lyketsos (nella foto) avverte che non è chiaro come e perché questo beneficio sia così evidente nello studio, dato che i risultati possono essere dovuti a forme più lievi di malattia di Alzheimer tra coloro che dichiaravano di avere relazioni intense. "Un rapporto stretto potrebbe indurre i caregivers a fornire un trattamento più attento, ma potrebbe essere il contrario, uno stato lieve della malattia aiuta i badanti a stare vicino", dice Lyketsos. "Il passo successivo dello studio è progettato per districare questo dilemma".

I ricercatori si sono a lungo interessati ai rapporti tra operatori sanitari e pazienti con Alzheimer, con molti studi incentrati sul benessere dei caregiver. Tuttavia, poco si conosce circa il rapporto inverso: come possono i caregivers influire sul benessere delle persone con malattia di Alzheimer.

Per scoprirlo, Lyketsos e i suoi colleghi della Johns Hopkins Utah State, dell'University of Washington, della Duke University e della Boston University, hanno esaminato 167 coppie di caregiver e malati di Alzheimer. Le coppie sono stati reclutate tra i partecipanti del Dementia Progression Study della Contea di Cache (Utah), che ha monitorato centinaia di persone con Alzheimer ed altri tipi di demenza dal 1994. Tutti i partecipanti allo studio vivono nella Cache County, i cui abitanti risultano in cima alla scala di longevità nel censimento del 1990 degli Stati Uniti.

A partire dal 2002, i ricercatori hanno incontrato coppie paziente-caregiver nelle loro case ogni sei mesi per periodi fino a quattro anni. Ad ogni riunione, i pazienti si sono sottoposti ad una batteria di test per valutare la salute fisica, cognitiva, funzionale e comportamentale. The researchers also interviewed the caregivers — spouses, adult children or adult children-in-law — about the caregiving environment and gave them a survey to assess how close their relationships were with the patients. I ricercatori hanno anche intervistato i caregivers - il coniuge, i figli maggiorenni o figli acquisiti adulti - a proposito dell'ambiente di cura e hanno consegnato un questionario per valutare quanto stretti erano i loro rapporti con i pazienti. L'indagine chiedeva ai caregivers di valutare il loro livello di accordo o disaccordo con sei affermazioni, ad esempio "Il mio rapporto con la persona assistita è stretto", "Il destinatario dell'assistenza mi fa sentire come una persona speciale" e "Il destinatario della cura e io possiamo sempre discutere di qualsiasi cosa insieme."

All'inizio dello studio, tutti i pazienti hanno ottenuto lo stesso risultato nei test cognitivi e funzionali. Tuttavia, col passare del tempo, i ricercatori hanno trovato notevoli differenze tra i pazienti il cui caregiver aveva dichiarato relazioni più o meno strette nel questionario. I pazienti con cui il caregiver si sentiva particolarmente vicino hanno conservato maggiori funzioni cognitive nel corso dello studio, perdendo mediamente meno della metà dei punti alla fine dello studio in un test cognitivo comune chiamato Mini-Mental State Exam ( MMSE), rispetto ai pazienti con badante più distaccato.

I pazienti con caregiver più vicino ha ottenuto anche migliori risultati in un test funzionale chiamato Clinical Dementia Rating, risultando notevolmente più vicino alla linea di base nel tempo rispetto a quelli con badanti più "freddi".

L'effetto "vicinanza" è stato accentuato per le coppie in cui il caregiver era il coniuge, al contrario di un figlio adulto o acquisito. I pazienti con coniugi impegnati, hanno avuto il declino pil più lento in assoluto, con modifiche ai punteggi MMSE nel corso del tempo simili a pazienti che hanno partecipato a recenti studi clinici di farmaci approvati dalla FDA per l'Alzheimer chiamati inibitori dell'acetilcolinesterasi.

"Abbiamo dimostrato che i vantaggi di avere un caregiver vicino, soprattutto un coniuge, possono essere notevoli. La differenza nel declino cognitivo e funzionale nel tempo tra coppie vicine e non-così-vicine può fare la differenza tra lo stare a casa o essere portato in una struttura di cura ", dice Lyketsos.

Lo studio è stato finanziato da sovvenzioni del National Institute on Aging, uno dei National Institutes of Health.

Alzheimer's Reading Room, 18 dicembre 2010

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.