Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


La ricerca punta a nuova strada per un possibile vaccino Alzheimer

Un complice della proteina che causa l'accumulo di placca nell'Alzheimer è al centro di un potenziale nuovo trattamento, secondo la ricerca di una laureanda di Scienze della Salute della Georgia University.

Nell'Alzheimer, la proteina amiloide può accumularsi nel cervello, invece di essere eliminata dalle difese naturali del corpo, nidificandosi tra i neuroni e la formazione di placche impraticabili. L'amiloide e il modo in cui arriva lì potrebbe essere l'obiettivo per un nuovo vaccino.

"Il RAGE, o recettore per prodotti finali della glicazione avanzata: le proteine si legano agli amiloidi e li trasportano fino al cervello", ha affermato Scott Webster, uno studente del quinto anno che studia la malattia nel laboratorio del Dr. Alvin Terry, Professore di Farmacologia e tossicologia. La ricerca ha dimostrato che il RAGE può contribuire anche all'infiammazione e al danno che l'amiloide provoca alle cellule nervose del cervello.

Webster sta facendo ricerca su un vaccino che punta al RAGE e all'amiloide utilizzando il sistema immunitario del corpo per proteggere contro la loro sovrapproduzione e l'eventuale accumulo. Il suo lavoro gli ha fatto meritare la borsa di studio Darrell W. Brann in Neuroscienze 2011, un premio di 1.000 dollari che onora uno studente eccezionale laureato nel campus che lavora nel campo delle neuroscienze. "Purtroppo, tutti i vaccini per l'Alzheimer che sono passati attraverso le sperimentazioni cliniche hanno fallito", ha detto. "In parte è successo perchè semplicemente non sono abbastanza complete. La maggior parte punta solo all'amiloide. La nostra speranza è che adottando un approccio più onnicomprensivo, noi saremo più efficaci. Finora, questo è esattamente ciò che stiamo vedendo nei nostri esperimenti".

Altri vaccini hanno anche effetti collaterali multipli, tra cui il gonfiore del cervello. Webster spera che puntando la proteina RAGE e cambiando il modo in cui il vaccino viene somministrato ridurrà al minimo gli effetti collaterali infiammatori. Un altro vantaggio è che il vaccino può essere somministrato per via orale, in quanto non necessita di un coadiuvante, che viene aggiunto ai vaccini per aumentare la risposta immunitaria. L'apparato digerente è uno dei più grandi depositi del corpo di flora umana, i microrganismi che sono fondamentali per il sistema immunitario.

"Questa è un'idea relativamente nuova", ha detto Webster. "Utilizzando il sistema immunitario che è endogeno al nostro intestino, si può deviare la risposta del corpo lontano dall'infiammazione e verso una risposta anticorpale più robusta, bypassando alcuni degli effetti collaterali". I primi risultati hanno mostrato una migliore cognizione e memoria nei modelli animali di Alzheimer, qualcosa che Webster considera una sorta di crociata personale. "Ho visto un amico stretto di famiglia soffrire di questa malattia e ho visto come è stato devastante", ha detto. "La famiglia si sta prendendo cura di questa persona, eppure la persona non ricorda nemmeno chi è la sua famiglia. E' un processo straziante da guardare".

Anche con risultati promettenti, ha ammonito delle incognite sul vaccino potenziale. "Abbiamo bisogno di passare a studi su animali più grandi. C'è molto che ancora non conosciamo del vaccino. Ad esempio, sappiamo che amiloide e RAGE si legano insieme, ma non sappiamo perché il legame crea un complesso così stabile. Abbiamo questi punti finali, ma ancora non conosciamo alcune delle informazioni scientifiche di base che devono essere conosciute in modo che possiamo andare avanti".

In aggiunta alla borsa di studio Brann, la ricerca di Webster gli ha fatto guadagnare un invito al Simposio Nazionale St. Jude per studenti laureati e alla Conferenza nazionale sulla ricerca per studenti laureati dei National Institutes of Health. Egli ha ricevuto per due volte il Premio Lowell Greenbaum per l'Eccellenza di Ricerca in Farmacologia.

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce?
Puoi usare il modulo dei commenti sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica. Non tenerla per te, non farci perdere l'occasione di conoscerla.

 

 

 


 

Fonte: Materiale della Georgia Health Sciences University, via EurekAlert!, un servizio di AAAS.

Pubblicato in ScienceDaily il 26 Settembre 2011 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:


Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.