Cos'è la demenza mista?Il tipo più diffuso di demenza mista è la combinazione tra Alzheimer e demenza vascolare.È noto universalmente che esistono molti tipi diversi di demenza, tutti con cause, sintomi e progressione differenti. È meno noto, tuttavia, che in alcuni casi i pazienti possono mostrare una miscela tra due, o anche tre, tipi di demenza in una sola volta: questa si chiama demenza mista.

La demenza mista si presenta più di frequente come combinazione tra Alzheimer e demenza vascolare; tuttavia, sono comuni anche casi di Alzheimer con demenza da Corpi di Lewy.

 

Prevalenza

Determinare esattamente quanti pazienti hanno la demenza mista dalla diagnosi clinica è molto difficile perché molti sintomi cognitivi possono essere attribuiti a più tipi di demenza, e quindi molte persone diagnosticate con un tipo specifico di demenza possono effettivamente avere una demenza mista senza saperlo.

Ciò significa che gli studi basati su autopsie, che usano una patologia nel cervello per confermare una diagnosi di demenza, sono considerevolmente migliori nel produrre una comprensione accurata di quanto sia comune la demenza mista.

In uno studio, i ricercatori che hanno esaminato dopo la morte il cervello di pazienti affetti da demenza, hanno rilevato che il 78% mostrava almeno due patologie correlate alla demenza, il 58% ne aveva tre o più e il 35% mostrava quattro o più neuropatologie diverse. Questa ricerca mostra che la demenza mista può essere significativamente più comune di quanto realizzato finora.

 

Sintomi

I sintomi della demenza mista dipendono interamente da quali tipi di demenza sono presenti. Pertanto, possono verificarsi molteplici sintomi a causa della diversa natura della condizione.

Secondo le ricerche, l'Alzheimer è in genere la forma più comune di demenza, sia da sola che in caso di demenza mista; pertanto, questa condizione può presentare sintomi associati all'Alzheimer, come un declino progressivo e grave della memoria episodica. Tuttavia, altri sintomi come i deficit nel processo decisionale o nell'organizzazione possono riflettere la demenza vascolare, mentre le questioni relative al movimento sono un indicatore della demenza da Corpi di Lewy.

Si ritiene inoltre che la demenza mista possa svilupparsi più velocemente perché il cervello è colpito da più di un tipo di problema o danneggiato in più di un'area, pertanto i sintomi possono presentarsi presto nell'età adulta.

 

Diagnosi

Come accennato in precedenza, la natura varia e complessa della demenza mista rende molto difficile la diagnosi, e si stima che molte persone con una forma di demenza possano effettivamente avere una combinazione di più tipi. Ai pazienti viene diagnosticato il tipo di demenza che più corrisponde ai loro sintomi clinici, che è il più delle volte l'Alzheimer.

Una conferma definitiva della demenza mista è effettuata all'autopsia, per cui possono essere identificate molteplici patologie cerebrali legate a diversi tipi di demenza.

Ad esempio, le caratteristiche neuropatologiche dell'Alzheimer sono placche di amiloide-beta e grovigli di tau. La compresenza di queste patologie con blocchi nei vasi sanguigni e danni da infarto (segni chiari di demenza vascolare) o l'accumulo anomalo di Corpi di Lewy all'interno dei neuroni (indicatore di demenza da Corpi di Lewy), significa che si può fare una diagnosi post-mortem di demenza mista.

Man mano che le tecniche di scansione migliorano e i ricercatori ottengono una migliore comprensione di come le diverse patologie della demenza lavorano insieme, è auspicabile che in futuro sia disponibile una diagnosi precoce di demenza mista nelle prime fasi della malattia.

 

Trattamento

Attualmente non esiste un trattamento specifico per la demenza mista. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che alcuni farmaci che potenziano le capacità cognitive, come quelli usati per l'Alzheimer, possono essere utili nell'aiutare i sintomi associati alla memoria e al pensiero.

La gestione dei fattori di rischio vascolare può essere utile anche per i pazienti che hanno una combinazione tra demenza vascolare e un altro tipo di demenza. Questo si può ottenere principalmente con cambiamenti dello stile di vita, come un'alimentazione sana e l'esercizio fisico; tuttavia, numerosi studi prospettici suggeriscono anche che i farmaci per l'ipertensione, che riducono la pressione sanguigna, sono efficaci nel ridurre il rischio di demenza vascolare e Alzheimer negli adulti sani.

 

 

 


Fonte: Sophie Mullany BSc in News Medical (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: